URBIUM 2/2013

Le nostre pubblicazioni sono realizzate nel pratico  formato PDF e sono scaricabili immediatamente dopo l'acquisto online. Non vendiamo libri cartacei.

notiziario bimestrale di giurisprudenza in materia di edilizia ed urbanistica

13 maggio 2013

pdf  / 226 pagine in formato A4

Localizzazione impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili; sanzione pecuniaria ex art. 34/2 dpr 380/2001 e demolizione parziale; conseguenze dell'omesso versamento delle rate dell'oblazione; abusi edilizi su area vincolata; distanze legali nei piani consortili; verde privato: vincolo conformativo; usucapibilità del diritto a mantenere l'opera a distanza inferiore di quella legale; inderogabili le norme sulle distanze di rango statale; recupero dei sottotetti con sopraelevazione; violazione distanze legali e accessione invertita; scivolo carraio e distanze legali; inedificabilità inderogabile nelle fasce di rispetto stradali; titolo edilizio delle verande; la veranda richiede il permesso di costruire; cessione di cubatura di attività produttiva; vas dopo l'adozione del piano urbanistico; autolavaggi in zona agricola; monetizzazione degli standard; silenzio assenso su opera non è conforme; riflessi delle pregresse scelte urbanistiche sulla pianificazione; perequazione e compensazioni alternativi all'esproprio; piano città; reiterazione del vincolo espropriativo e motivazione; volumi tecnici e distanze legali; distanze rispetto ad edifici abusivi; eccetera

25,00

  • editore: Exeo
  • collana: osservatorio di giurisprudenza
  • numero in collana: 115
  • issn: 2039-6678
  • sigla: URB14
  • categoria: URBIUM
  • tipologia: giuridica
  • genere: periodico
  • altezza: cm 29,7
  • larghezza: cm 21
  • dimensione: A4
  • funzioni permesse: Stampa: SI - Modifica: SI - Copia/Incolla: SI
  • protezione: digital watermarking
  • disponibità: illimitata
  • destinatari: professionale accademico
  • soggetto: diritto

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI: IL COMUNE CHE INTENDE ESPRIMERE PARERE NEGATIVO DEVE INDICARE LOCALIZZAZIONI ALTERNATIVE

LA SERVITÙ COATTIVA DI PASSAGGIO NON PUÒ ESSERE CONCESSA PER RIDURRE IL CARICO URBANISTICO DI UNA ZONA

PER OTTENERE LA SANZIONE PECUNIARIA EX ART. 34/2 DPR 380/2001 NON OCCORRE CHE LA DEMOLIZIONE PARZIALE FACCIA CROLLARE L'INTERO EDIFICIO

È DI REGOLA INEDIFICABILE IL TERRENO SOTTOPOSTO A VINCOLO PAESAGGISTICO

NON COSTITUISCONO VOLUME TECNICO I LOCALI NON NECESSARI ALLA PISCINA E FACILMENTE REIMPIEGABILI

L'OMESSO VERSAMENTO DELLE RATE DELL'OBLAZIONE LEGITTIMA IL RITIRO DEL CONDONO EDILIZIO

IN CASO DI MANCATA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE LA P.A. VA CONDANNATA AD ESEGUIRLE OLTRE AL RISARCIMENTO

È LEGITTIMA LA SANZIONE EDILIZIA SOTTOSCRITTA DA UN DIRIGENTE DIVERSO DA QUELLO DEL SETTORE TECNICO

ABUSI EDILIZI SU AREA VINCOLATA: IL PARERE FAVOREVOLE NON HA EFFICACIA CIRCOSCRITTA A CINQUE ANNI COME L'AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA

DISTANZE LEGALI: LE PRESCRIZIONI DEI PIANI CONSORTILI SI APPLICANO SOLO SE RECEPITE DAL P.R.G.

IL TARDIVO ANNULLAMENTO IN AUTOTUTELA PUÒ FONDARE UNA RESPONSABILITÀ RISARCITORIA VERSO IL SOGGETTO AL QUALE È STATO RILASCIATO IL TITOLO EDILIZIO

INSANABILI LE UNITÀ IMMOBILIARI COSTRUITE IN PIÙ DAL CONCESSIONARIO DEL DIRITTO DI SUPERFICIE PER LA COSTRUZIONE DI ALLOGGI E.R.P.

IL P.R.G. PUÒ VIETARE LA DESTINAZIONE A CENTRO COMMERCIALE ALL'INTERNO DI UN AMBITO DESTINATO A PARCO COMMERCIALE

VERDE PRIVATO: VINCOLO CONFORMATIVO

IL VINCOLO ESPROPRIATIVO MEDIANTE CONFERENZA DI SERVIZIO NECESSITA DI ESPLICITA MENZIONE

DESTINAZIONE AD EDILIZIA SCOLASTICA: L'INIZIATIVA PUBBLICA NE ESCLUDE L'EDIFICABILITÀ

SI PUÒ USUCAPIRE IL DIRITTO A MANTENERE L'OPERA A DISTANZA INFERIORE DI QUELLA LEGALE

PIANO CASA VENETO: INDEROGABILI LE NORME SULLE DISTANZE DI RANGO STATALE

IL BOX PER RICOVERO CANI NON CREA VOLUMETRIA RILEVANTE

DESTINAZIONE A VIABILITÀ: NON EDIFICABILE

IL RECUPERO DEI SOTTOTETTI CON SOPRAELEVAZIONE È SEMPRE NUOVA COSTRUZIONE A PRESCINDERE DALLA NORMATIVA REGIONALE

SOPRAELEVAZIONI: QUANDO PER LE DISTANZE SI FA RIFERIMENTO ALL'ALTEZZA OCCORRE PRENDERE IN CONSIDERAZIONE LA PARTE DI EDIFICIO DA COSTRUIRE

DISTANZE LEGALI: LA CONDANNA ALL'ARRETRAMENTO IMPEDISCE L'APPLICABILITÀ DELL'ACCESSIONE INVERTITA

LA RAMPA AEREA E LO SCIVOLO CARRAIO DEVONO RISPETTARE LE DISTANZE LEGALI

FASCE DI RISPETTO STRADALE/AUTOSTRADALE: INEDIFICABILITÀ INDEROGABILE

PERCHÈ UN LOTTO ABBIA ESAURITO LA PROPRIA VOLUMETRIA OCCORRE CHE SIA STATO CONSIDERATO NEL TITOLO EDILIZIO

VERDE PUBBLICO: NON INVOCABILE L'EDIFICABILITÀ DI FATTO

IL REGOLAMENTO EDILIZIO NON PUÒ DEROGARE AI PARAMETRI PROPRI DELL'ATTIVITÀ DI EDIFICAZIONE

LA VERANDA RICHIEDE IL PERMESSO DI COSTRUIRE

IL VINCOLO È ESPROPRIATIVO SE IL PUR PREVISTO INTERVENTO DEL PRIVATO PRESUPPONE PECULIARI QUALITÀ SOGGETTIVE

DISTRIBUTORI DI CARBURANTE: LA MANCANZA DEI PARERI NON PREVISTI DALLA LEGGE NON IMPEDISCE LA FORMAZIONE DEL SILENZIO-ASSENSO

NON CEDIBILE LA CUBATURA DI UN'ATTIVITÀ PRODUTTIVA DA TRASFERIRE

LA VAS SI PUÒ FARE ANCHE DOPO L'ADOZIONE DEL PIANO URBANISTICO

NIENTE AUTOLAVAGGI IN ZONA AGRICOLA

DESTINAZIONE D'USO: IL PASSAGGIO DA UNA SOTTOCATEGORIA ALL'ALTRA NON È EQUIPARABILE AL PASSAGGIO DA UNA CATEGORIA ALL'ALTRA

MONETIZZAZIONE DEGLI STANDARD: LA CONTESTAZIONE DELLA DEBENZA RICHIEDE L'IMPUGNAZIONE DEL TITOLO EDILIZIO

NIENTE PISTE DA KART IN FASCIA DI RISPETTO STRADALE

TITOLO EDILIZIO: NIENTE SILENZIO ASSENSO SE L'OPERA NON È CONFORME ALLA NORMATIVA URBANISTICA

LE PREGRESSE SCELTE URBANISTICHE NON COSTITUISCONO UN LIMITE LOGICO-GIURIDICO PER LA PIANIFICAZIONE

VINCOLO PAESISTICO-AMBIENTALE: NON È ESPROPRIATIVO

PEREQUAZIONE E COMPENSAZIONI: ISTITUTI ALTERNATIVI ALL'ESPROPRIO

INEDIFICABILI LE AREE IN FASCIA DI RISPETTO STRADALE O AUTOSTRADALE

VERDE PUBBLICO: VINCOLO NON NECESSARIAMENTE ESPROPRIATIVO

L'ACCESSO AGLI ATTI NON PUÒ ESSERE STRUMENTALIZZATO PER DIFFERIRE IL TERMINE DI IMPUGNAZIONE

NON È ILLOGICO SUBORDINARE IL RILASCIO DELL'ABITABILITÀ ALL'EFFETTIVA DESTINAZIONE A PRIMA CASA

IL SOGGETTO ESTERNO ALLA VARIANTE PUNTUALE NON PUÒ LAMENTARE LA MANCATA COMUNICAZIONE DELLA STESSA

PIANO CITTÀ: NON SERVE CHE IL COMUNE ABBIA INDIVIDUATO LE AREE DEGRADATE PER RILASCIARE IL TITOLO EDILIZIO

VINCOLO A VERDE PUBBLICO: L'INTERVENTO DEL PRIVATO E LA PREVISIONE DI MISURE COMPENSATIVE NE ESCLUDONO LA NATURA ESPROPRIATIVA

LA REITERAZIONE DEL VINCOLO ESPROPRIATIVO ESIGE UNA PUNTUALE MOTIVAZIONE

ANCHE I VOLUMI TECNICI DEVONO RISPETTARE LE DISTANZE LEGALI

L'INTERVENTO EDILIZIO SU AREA INEDIFICABILE VA CONTESTATO ENTRO SESSANTA GIORNI DALL'INIZIO DEI LAVORI

INEDIFICABILE L'AREA DESTINATA A PARCHEGGIO

LE DISTANZE VANNO RISPETTATE ANCHE IN RELAZIONE A PREESISTENTI EDIFICI ABUSIVI

SE IL REGOLAMENTO EDILIZIO PREVEDE DELLE DISTANZE DAI CONFINI MA ANCHE LA FACOLTÀ DI COSTRUIRE IN ADERENZA O IN APPOGGIO SI PUÒ APPLICARE IL PRINCIPIO DI PREVENZIONE

RISTRUTTURAZIONE CON AUMENTO DELLE UNITÀ IMMOBILIARI: PERMESSO DI COSTRUIRE O SUPER-DIA

IL COMUNE PUÒ DISPORRE L'ACCESSO "A SORPRESA" PER ACCERTARE EVENTUALI ABUSI EDILIZI

REVOCATO IL NULLA OSTA SISMICO, BISOGNA REVOCARE ANCHE IL TITOLO EDILIZIO

L'ART. 1127 C.C. NON CONSENTE LA DEMOLIZIONE DEL TETTO CON ABBASSAMENTO DELLE QUOTE

TRENTO: LA GIUNTA PROVINCIALE PUÒ RIDURRE L'EDIFICABILITÀ DEI PRG ADOTTATI

INADEMPIMENTO DI CONVENZIONI URBANISTICHE: LA DIFFIDA AD ADEMPIERE NON BASTA PER RISCUOTERE LA PENALE CON L'ISCRIZIONE A RUOLO

LA NORMA COMUNALE CHE CONSENTE LA SOPRAELEVAZIONE IN ADERENZA NON È APPLICABILE ALLA DEMORICOSTRUZIONE CON AUMENTO DI ALTEZZA

LA DESTINAZIONE A VERDE PUBBLICO NON HA NATURA ESPROPRIATIVA

IL DIRITTO DEL COMUNE DI PRETENDERE L'ADEMPIMENTO DELL'OBBLIGO DI CESSIONE DELLE AREE SI PRESCRIVE

PER DEFINIZIONE IL SOPPALCO AUMENTA LA SUPERFICIE UTILE DELL'IMMOBILE

IN CASO DI ANNULLAMENTO IN AUTOTUTELA LEGITTIMO NON SPETTA ALCUN RISARCIMENTO DEL DANNO "DA ATTO LECITO"

VARIANTE SEMPLIFICATA: AMMISSIBILE ANCHE IN PENDENZA DI ADOZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

L'IVA SULLA CESSIONE GRATUITA DI AREE NON PUÒ ESSERE SCARICATA SUL CEDENTE

ALTEZZE: NON SI CONTANO I VANI COMPLETAMENTE AL DI SOTTO DEL FILO DEL FABBRICATO, ANCHE SE AUTONOMI

IL VINCOLO STRUMENTALE NON DECADE

IL COMUNE DEVE ACCERTARE LA LEGITTIMAZIONE A RICHIEDERE IL TITOLO EDILIZIO ANCHE PER EVITARE IL CONTENZIOSO TRA PRIVATI

LA REGIONE NON PUÒ SOTTOPORRE A V.A.S. I SOLI PIANI ATTUATIVI CHE CONTEMPLINO PROGETTI DA ASSOGGETTARE A V.I.A.

Produciamo e vendiamo esclusivamente pubblicazioni professionali in formato pdf. 

Sono testi che puoi consultare e trasportare ovunque con qualunque dispositivo, realizzati nel più comune e universale dei formati digitali. 

Se hai necessità di stamparli o di fare il copia incolla, puoi farlo, salvo alcune eccezioni e nel rispetto del divieto di distribuzione a terzi e della nostra politica di copyright riguardo la riproduzione dei contenuti.  

I nostri prodotti sono privi di restrizioni DRM, sono solo marchiati digitalmente con il nome dell'utilizzatore; possono essere aperti senza limiti dal soggetto destinatario su più dispositivi e scaricati ogni volta che vuole dal sito una volta acquistati.

Per saperne di più clicca qui.

Notiziario bimestrale delle principali notizie derivanti dalla giurisprudenza in materia di urbanistica ed edilizia, recensita nel bimestre di riferimento dalla rivista telematica www.urbium.it. Alle massime (“sintesi”) sono associati i brani pertinenti originali delle sentenze a cui esse si riferiscono.

PRODOTTI CORRELATI

Nuovo