PATRIMONIO PUBBLICO 6/2012

Le nostre pubblicazioni sono realizzate nel pratico  formato PDF e sono scaricabili immediatamente dopo l'acquisto online. Non vendiamo libri cartacei.

notiziario bimestrale di giurisprudenza in materia di demanio, patrimonio e beni pubblici

11 gennaio 2013

pdf  / 236 pagine in formato A4

Diniego di occupazione di suolo pubblico, quando non è dovuto il cosap, demolizione di opere realizzate in forza di concessioni demaniali, danni da esondazione, comodatario di beni pubblici per finalità di pubblica assistenza, responsabilità da chiazza d'olio sulla strada, sgombero di beni occupati dai privati da tempo immemorabile, impugnazione del regolamento per il rinnovo delle autorizzazioni pubblicitarie su suolo pubblico, occupazione abusiva di suolo pubblico, ordine di rimozione degli impianti pubblicitari stradali abusivi, opere abusive sul demanio marittimo funzionali all'attività economica, quando l'utente della strada è corresponsabile del proprio danno, impianti pubblicitari abusivi e prescrizione pretesa patrimoniale del comune, condanna a rimuovere i rifiuti dalla strada, confiscabilità attrezzatura afferente all'attività dello stabilimento, concessioni di specchi acquei, lo screening nella v.i.a., accesso pedonale al mare, titolo per l'esecuzione di opere sul demanio marittimo, durata accessi alla strada pubblica, tosap e agevolazione comunale ex l. 127/1997, presunzione di demanialità della strada, sgombero dell'abuso edilizio acquisito al patrimonio, eccetera

25,00

  • editore: Exeo
  • collana: osservatorio di giurisprudenza
  • numero in collana: 103
  • issn: 2239-8015
  • sigla: PAT12
  • categoria: PATRIMONIO PUBBLICO
  • tipologia: giuridica
  • genere: periodico
  • altezza: cm 29,7
  • larghezza: cm 21
  • dimensione: A4
  • funzioni permesse: stampa=SI - copia incolla=SI
  • protezione: digital watermarking
  • disponibità: illimitata
  • destinatari: professionale accademico
  • soggetto: diritto

È LEGITTIMO AUTORIZZARE IL CONCESSIONARIO A SPOSTARE LE STRUTTURE INSTALLATE SULL'AREA DEMANIALE

LA PRESENZA DELLE MACCHIE D'OLIO SULLA STRADA RAPPRESENTA UN FATTO RICONDUCIBILE ALLA COMUNE ESPERIENZA

IL COMUNE PUÒ IMPUGNARE LE CONCESSIONI DI SPECCHI ACQUEI PROSPICENTI IL PROPRIO TERRITORIO

LO SCOPO DELLO SCREENING È QUELLO DI RACCOGLIERE GLI ELEMENTI UTILI PER LA V.I.A.

È DI USO PUBBLICO L'AREA UTILIZZATA PER L'ACCESSO PEDONALE AL MARE

L'ADOZIONE DEL BANDO DI GARA PER L'AFFIDAMENTO DI UN BENE PUBBLICO È DINIEGO IMPLICITO DELL'ISTANZA DI RINNOVO

PER L'ESECUZIONE DI OPERE SUL DMANIO MARITTIMO NON BASTA LA CONCESSIONE DEMANIALE

SARDEGNA: IL TRASFERIMENTO DEI BENI DEGLI ENTI TURISTICI AGLI ENTI TERRITORIALI CONFIGURA UNA SUCCESSIONE A TITOLO UNIVERSALE

LA VIOLAZIONE DELLE FORME PUBBLICITARIE PRESCRITTE NEL REGOLAMENTO DI VENDITA INFICIA L'INTERA PROCEDURA DI ALIENAZIONE DI BENI PUBBLICI

IL COMUNE HA IL DOVERE DI CONCLUDERE IL PROCEDIMENTO DI AUTOTUTELA AVVIATO SU ISTANZA DEL CONTROINTERESSATO

IN ASSENZA DI UN'ESPRESSA NORMA DI LEGGE, I PIANI NON URBANISTICI NON SPIEGANO EFFETTI PRIMA DELLA LORO APPROVAZIONE

GLI ACCESSI ALLA STRADA PUBBLICA SONO A TEMPO DETERMINATO ANCHE SE IL TITOLO NON LO SPECIFICA

È DEVOLUTA AL G.O. LA CONTESTAZIONE DEL DIRITTO DI FAR DERIVARE DAL FONDO VICINO LE ACQUE CONCESSE DALLA P.A.

LE RASSICURAZIONI DELLA P.A. SU UN FUTURO RINNOVO DELLA CONCESSIONE NON FANNO VENIR MENO L'ABUSIVITÀ DELL'OCCUPAZIONE

GLI IMPIANTI PUBBLICITARI DI SERVIZIO POSSONO ESSERE COLLOCATI ANCHE IN PROSSIMITÀ DI INTERSEZIONI STRADALI

IL DECRETO MILLEPROROGHE NON SI APPLICA AI TITOLI DI GODIMENTO DIVERSI DALLA CONCESSIONE TURISTICO-RICREATIVA

SE LA CASSAZIONE RITIENE APPLICABILE L'ART. 2051 C.C., È ANNULLABILE LA SENTENZA DEL GIUDICE DI RINVIO CHE RIFIUTA DI APPLICARLO

LA LEGITTIMITÀ DELL'OCCUPAZIONE DI SPAZI PUBBLICI NON PUÒ PRESCINDERE DALL'ESISTENZA DI UN TITOLO CONCESSORIO

IL GIUDICE TRIBUTARIO PUÒ ACCERTARE INCIDENTALMENTE LA PROPRIETÀ PUBBLICA DELL'AREA

TOSAP: L'AGEVOLAZIONE COMUNALE EX L. 127/1997 NON PUÒ RIGUARDARE GLI OCCUPANTI ABUSIVI

LA PRESUNZIONE DI DEMANIALITÀ NON È ESCLUSA DALL'ASSENZA DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA SULLA STRADA PRESSOCHÈ INTERCLUSA

IL VERBALE CHE ACCERTA L'AMPLIAMENTO ABUSIVO DEL SUOLO PUBBLICO OCCUPATO PUÒ ESSERE CONTESTATO SOLO CON QUERELA DI FALSO

LO SGOMBERO DELL'ABUSO EDILIZIO ACQUISITO AL PATRIMONIO INDISPONIBILE COMUNALE NON RICHIEDE SPECIFICA MOTIVAZIONE

ALLE RISTRUTTURAZIONI ABUSIVE DI IMMOBILI DEMANIALI SI APPLICA L'ART. 35 D.P.R. 380/2001

IL CONCESSIONARIO INADEMPIENTE NON PUÒ INSORGERE CONTRO LA PROCEDURA DI RIASSEGNAZIONE DEL BENE

DANNI DA ESONDAZIONE: IL CONSORZIO DI BONIFICA È RESPONSABILE SE NON PROVA L'IDONEITÀ CAUSALE DELLE PIOGGE A PROVOCARE I DANNI

DANNI CAGIONATI DALLA FAUNA SULLA STRADA: L'ENTE PROPRIETARIO RISPONDE SOLO SE GLI SI PUÒ RIMPROVERARE UN'OMISSIONE DI CAUTELE

LA DECADENZA NON DIPENDE DA LEGITTIMITÀ OD OPPORTUNITÀ DELLA CONCESSIONE BENSÌ DA INADEMPIMENTI OD INIDONEITÀ DEL CONCESSIONARIO

I PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI V.I.A. DI IMPIANTI CHE UTILIZZINO DERIVAZIONI D'ACQUA APPARTENGONO ALLA GIURISDIZIONE DEL T.S.A.P.

PER L'UTILIZZO DEI BENI DEL DEMANIO STRADALE, L'ANAS È OBBLIGATA AD OTTENERE UNA CONCESSIONE E PAGARE UN CANONE

PER INTEGRARE IL REATO DI CUI ALL'ART. 633 C.P. NON BASTA ESSERE CONSAPEVOLI DI INVADERE UN ALTRUI BENE

CHI NON HA PRESENTATO DOMANDA DI AGGIUDICAZIONE DEL TERRENO COMUNALE NON PUÒ IMPUGNARE L'AGGIUDICAZIONE AL CONTROINTERESSATO

IL PROCEDIMENTO DI DELIMITAZIONE DEI CONFINI È SUPERFLUO SE LA DEMANIALITÀ DELL'AREA DA SGOMBERARE È STATA ACCERTATA CON APPOSITO SOPRALLUOGO

RIENTRA NELLA COMPETENZA DEL TSAP L'IMPUGNAZIONE DEL PROVVEDIMENTO CHE AUTORIZZA LO SCARICO DI REFLUI NEL FIUME

LA P.A. NON PUÒ SGOMBERARE L'AREA DEMANIALE SENZA PRIMA DEFINIRE LA DOMANDA DI CONCESSIONE PRESENTATA DALL'INTERESSATO

UN RISALENTE VERBALE CHE ATTESTA LA PROPRIETÀ PRIVATA DELL'AREA È SUFFICIENTE PER RENDERE ILLEGITTIMO L'ORDINE DI SGOMBERO

SE LA CONCESSIONE PREVEDE LO SMONTAGGIO DELLA STRUTTURA AL TERMINE DI OGNI STAGIONE BALNEARE L'INADEMPIMENTO PUÒ ESSERE SANZIONATO CON LA DECADENZA

DISMISSIONE DI BENI PUBBLICI: SE IN PRIMO GRADO SI SEGUE IL RITO ORDINARIO, LA PARTE CHE LO SEGUE ANCHE IN APPELLO VA RIMESSA IN TERMINI

ALLA SCADENZA DELLA CONCESSIONE DI DERIVAZIONE DI ACQUE IL RAPPORTO PROSEGUE INVARIATO FINO AL SUBENTRO DEL NUOVO AGGIUDICATARIO

IL CONSORZIO CHE GARANTISCE ALL'ENTE PROPRIETARIO DELLA STRADA L'ADOZIONE DELLE MISURE NECESSARIE DEVE TENERLO INDENNE DALLE CONDANNE EX ART. 2051

SOLTANTO IL CONCESSIONARIO PUÒ ESSERE AUTORIZZATO A COSTRUIRE SUL SUOLO DEMANIALE

NESSUNA BUONA FEDE SE L'OCCUPAZIONE SINE TITULO È PROTRATTA DOPO LA NOTIFICA DELL'ORDINE DI SGOMBERO

L'ATTRIBUZIONE DEL NUMERO CIVICO NON DETERMINA L'AUTORIZZAZIONE ALL'APERTURA DEL PASSO CARRAIO

LE ACQUE NERE E METEORICHE CONVOGLIATE NELLE FOGNE NON SONO ACQUE PUBBLICHE

L'AREA DESTINATA A PARCHEGGIO DI UN CIRCOLO RICREATIVO PER DIPENDENTI PUBBLICI È SOGGETTA A TOSAP

LADDOVE LA STRADA PUBBLICA INCONTRA UN'AREA PUBBLICA APERTA AL TRAFFICO VEICOLARE SI FORMA UN'INTERSEZIONE STRADALE E NON UN MERO ACCESSO

È NULLO IL PROVVEDIMENTO CON CUI LA P.A. ACCERTA L'INTERVENUTA OCCUPAZIONE ACQUISITIVA

IL REATO DI ABUSIVA OCCUPAZIONE DI SUOLO DEMANIALE SI PRESCRIVE DALLA CESSAZIONE DELL'ILLEGITTIMO USO DELL'AREA

È LEGITTIMA LA SDEMANIALIZZAZIONE DEL DEMANIO IDRICO FRIULANO DISPOSTA CON L.R. 11/2011

LA SCALINATA CHE CONGIUNGE DUE VIE PUBBLICHE POSTE A DIVERSA ALTIMETRIA PUÒ PRESUMERSI GRAVATA DA SERVITÙ PUBBLICA DI PASSAGGIO

LA PRESUNZIONE DI DEMANIALITÀ SUSSISTE SOLO PER QUELLE AREE CHE COSTITUISCONO UNA PERTINENZA DELLA STRADA

MASSO SU STRADA STATALE A SCORRIMENTO VELOCE: L'ENTE GESTORE RISPONDE DEL SINISTRO EX ART. 2051 C.C.

LA STRADA DENTRO IL PERIMETRO DEL CENTRO ABITATO SI PRESUME IN CUSTODIA DEL COMUNE

IL COMUNE CHE RITIENE ILLEGITTIMA L'AUTORIZZAZIONE ALL'APERTURA DI UNA CAVA NEL PROPRIO TERRITORIO LA DEVE IMPUGNARE

AI FINI DELL'APPLICAZIONE DELL'ART. 2051 C.C. NON CONTA SE IL BENE APPARTIENE AL DEMANIO STRADALE O FOGNARIO BENSÌ SE È POSSIBILE IL CONTROLLO DELLA P.A.

ATTESA L'INCOSTITUZIONALITÀ DELLA FINANZIARIA 2006, ALLA DURATA DELLE CONCESSIONI DI GRANDI DERIVAZIONI DI ACQUE SI APPLICA IL D.LGS. 79/1999

IL REATO DI ABUSIVA OCCUPAZIONE SUSSISTE ANCHE NELL'IPOTESI DI AFFIDAMENTO A TERZI DELL'ATTIVITÀ OGGETTO DELLA CONCESSIONE SENZA AUTORIZZAZIONE DELLA P.A.

IL CONCESSIONARIO DELL'AREA PUBBLICA DESTINATA A PARCHEGGIO È TENUTO AL PAGAMENTO DELLA TOSAP

LA MERA REALIZZAZIONE DI UNA SCALINATA NON INTEGRA IL REATO DI OCCUPAZIONE ABUSIVA DEL DEMANIO MARITTIMO MA SOLO QUELLO DI INNOVAZIONI ILLEGITTIME

SE CONCORRONO ALTRI ELEMENTI, L'ISCRIZIONE NELL'ELENCO DELLE STRADE PUBBLICHE PUÒ DIMOSTRARE IL PUBBLICO TRANSITO

ANCHE IN CASO DI CONCESSIONE PLURIENNALE, LA MANCATA RIMOZIONE DELLE STRUTTURE AL TERMINE DELLA STAGIONE INTEGRA IL REATO DI OCCUPAZIONE ABUSIVA

LA CONTESTAZIONE DELLA RIDETERMINAZIONE DEL CANONE DOVUTA AD UNA NUOVA INTERPRETAZIONE DELLA TIPOLOGIA DI OCCUPAZIONE È DEVOLUTA AL G.A.

L'ACQUISTO DEI BENI PUBBLICI OCCUPATI PER SCONFINAMENTO ENTRO IL 2002 È UN DIRITTO DEL PRIVATO

CHI RIVENDICA LE SPONDE POSSEDUTE DA ALTRI PER EVENTI NATURALI DEVE PROVARE UN ACCADIMENTO FLUVIALE CHE DETERMINA LA RETROCESSIONE DEL BENE

CANONE RIDOTTO PER LA CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA STRUMENTALE ALLA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

IL RIPARTO DI COMPETENZE TRA GIUNTA E CONSIGLIO IN MATERIA DI ACQUISTI TROVA APPLICAZIONE ANCHE IN CASO DI ESERCIZIO DEL DIRITTO DI PRELAZIONE

LA STESSA STRADA TRATTURALE PUÒ ESSERE DATA IN CONCESSIONE A DUE SOGGETTI DIVERSI

APPARTIENE AL DEMANIO PUBBLICO LA PORZIONE CAVA DI TERRENO CHE IL FIUME SI SCAVA NATURALMENTE E FINO AL LIMINTE DELLE PIENE NORMALI

ACQUE MINERALI: IL D. LGS. 176/2011 NON PRECLUDE ALLE REGIONI L'ADOZIONE DI UNA NORMATIVA PIÙ RIGOROSA

LA NORMATIVA LOCALE PUÒ DEROGARE AL DIVIETO DI COSTRUZIONE IN PROSSIMITÀ DI CORSI D'ACQUA SOLTANTO IN MODO CHIARO ED ESPRESSO

DELIMITAZIONE TRA DEMANIO IDRICO E MARITTIMO: T.R.A.P.

LE OPERE NON AMOVIBILI SONO ACQUISITE AL DEMANIO A PRESCINDERE DA UN'ESPLICITA CLAUSOLA CONTENUTA NELLA CONCESSIONE

DELIMITAZIONE DEMANIO MARITTIMO - PROPRIETÀ PRIVATA: G.O. ANCHE SE SI DEDUCONO VIZI PROCEDIMENTALI

LA CORTE COSTITUZIONALE "SALVA" LE NUOVE NORME IN MATERIA DI VALORIZZAZIONE DEI BENI IMMOBILIARI INTRODOTTE DAL D.L. "SALVA ITALIA"

Produciamo e vendiamo esclusivamente pubblicazioni professionali in formato pdf. 

Sono testi che puoi consultare e trasportare ovunque con qualunque dispositivo, realizzati nel più comune e universale dei formati digitali. 

Se hai necessità di stamparli o di fare il copia incolla, puoi farlo, salvo alcune eccezioni e nel rispetto del divieto di distribuzione a terzi e della nostra politica di copyright riguardo la riproduzione dei contenuti.  

I nostri prodotti sono privi di restrizioni DRM, sono solo marchiati digitalmente con il nome dell'utilizzatore; possono essere aperti senza limiti dal soggetto destinatario su più dispositivi e scaricati ogni volta che vuole dal sito una volta acquistati.

Per saperne di più clicca qui.

Notiziario bimestrale delle principali notizie derivanti dalla giurisprudenza in materia di demanio, patrimonio e beni pubblici, recensita nel bimestre di riferimento dalla rivista telematica www.patrimoniopubblico.it. Alle massime (“sintesi”) sono associati i brani pertinenti originali delle sentenze a cui esse si riferiscono.