PATRIMONIO PUBBLICO 6/2011

Le nostre pubblicazioni sono realizzate nel pratico  formato PDF e sono scaricabili immediatamente dopo l'acquisto online. Non vendiamo libri cartacei.

demanio, patrimonio e beni pubblici

10 gennaio 2012

pdf  / 160 pagine in formato A4

danno da insidia stradale | responsabilità per omessa manutenzione o custodia | ritardata restituzione di bene demaniale | sdemanializzazione | competenza dei canoni del demanio idrico | invasione di edifici degli i.a.c.p. | tosap e cosap | occupazione abusiva di suolo pubblico | confini tra proprietà privata e demanio idrico | acquisizione delle opere non amovibili al demanio marittimo | autorizzazione ad occupare il suolo pubblico e titolo edilizio | affidamento del servizio idrico | rimozione dei rifiuti dalle strade | canone di uso civico e canone d’affitto | affrancazione da usi civici | concessione di beni pubblici | revoca accesso carrabile | direttiva Bolkestein | competenze ATO fino all’estinzione | proprietà della rete idrica | collatione agrorum privatorum

25,00

  • editore: Exeo
  • collana: osservatorio di giurisprudenza
  • numero in collana: 59
  • issn: 2239-8015
  • sigla: PAT06
  • categoria: PATRIMONIO PUBBLICO
  • tipologia: giuridica
  • genere: periodico
  • altezza: cm 29,7
  • larghezza: cm 21
  • dimensione: A4
  • funzioni permesse: Stampa: SI - Modifica: SI - Copia/Incolla: SI
  • protezione: digital watermarking
  • disponibità: illimitata
  • destinatari: professionale accademico
  • soggetto: diritto

L’OBBLIGO DI MANUTENZIONE DELLE STRADE GRAVA NON SOLO SULL’ENTE PROPRIETARIO MA ANCHE SUL GESTORE

LA VISIBILITÀ DELLO STATO DI DISSESTO GENERALIZZATO NON ESCLUDE LA RESPONSABILITÀ PER OMESSA MANUTENZIONE DELLA STRADA

CHI CHIEDE IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA OMESSA CUSTODIA DI BENE DEMANIALE DEVE PROVARE LA DINAMICA DELL’INCIDENTE

LASTRA DI GHIACCIO SUL MARCIAPIEDE DOVUTA AL GETTO DI UNA FONTANA: SE IL PASSANTE CADE LA P.A. DEVE RISARCIRE IL DANNO

RITARDATA RESTITUZIONE DI BENE DEMANIALE: SE L’OCCUPANTE ABUSIVO CONTINUA A PAGARE IL CANONE LA P.A. CHE CHIEDE IL RISARCIMENTO DEVE DIMOSTRARE IL MAGGIOR DANNO

LA BUCA COPERTA D’ACQUA NON INTEGRA CASO FORTUITO

I PEDONI NON POSSONO PRETENDERE UN MANTO STRADALE PERFETTO

LA MANCATA DESTINAZIONE A PUBBLICA FUNZIONE DEI PROVENTI DI UN CONTRATTO DI AFFITTO È INDICE DELLA SDEMANIALIZZAZIONE DELL’AREA

LA LEGGE STATALE RICONOSCE ALLA REGIONI LA COMPETENZA A PRETENDERE I CANONI DEL DEMANIO IDRICO

L’INVASIONE DI EDIFICI DEGLI I.A.C.P. È UN REATO PERSEGUIBILE D’UFFICIO

TOSAP E COSAP POSSONO COESISTERE

CADUTA DOVUTA AD UN PEZZO DI PLASTICA LASCIATO SUL PAVIMENTO DA TERZI: LA P.A. NON RISPONDE

IL LOTTIZZANTE PUÒ CONCEDERE IN COMODATO AI SINGOLI PROPRIETARI LE AREE CHE IL COMUNE DESTINERÀ ALLE OPERE DI URBANIZZAZIONE

CANONI DEMANIALI: G.O. SE È SUFFICIENTE UN’ATTIVITÀ MERAMENTE ACCERTATIVA

L’ART. 8 D.L. 400/1993 È ALTERNATIVO AGLI STRUMENTI CIVILISTICI PER IL CASO DI ABUSIVA UTILIZZAZIONE DEL DEMANIO MARITTIMO

LA TUBATURA PERDE E LA STRADA SI GHIACCIA: RISPONDONO IL COMUNE E L’AFFIDATARIO DEL SERVIZIO IDRICO

STRADE: L’INIBIZIONE DI SBARRAMENTI DEVE ESSERE PRECEDUTA DA IDONEA ISTRUTTORIA SULL’APPARTENENZA DELL’AREA ALLA P.A.

SE PRECEDUTA DAL VERBALE DI CONTESTAZIONE, LA SANZIONE PER L’OCCUPAZIONE ABUSIVA DI SUOLO PUBBLICO NON DEVE ESSERE PRECEDUTA ANCHE DALLA COMUNICAZIONE DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO

È LEGITTIMO L’ANNULLAMENTO D’UFFICIO DI ASSEGNAZIONI DEMANIALI INOPPUGNABILI AFFETTE DA UN VIZIO CHE HA PORTATO ALL’ANNULLAMENTO DELLE IDENTICHE ASSEGNAZIONI IMPUGNATE


LA SOPPRESSIONE DEGLI A.T.O. NON BASTA PER ADOTTARE UN’ORDINANZA CONTINGIBILE E URGENTE CHE DISPONGA CHE IL SERVIZIO SIA PROSEGUITO DAL COMUNE

REGOLAMENTO DI CONFINI TRA PROPRIETÀ PRIVATA E DEMANIO IDRICO: RILEVA SOLO IL LIMITE DELLA PIENA ORDINARIA

IL REGOLAMENTO COSAP È LEGITTIMO ANCHE SE DALLA SUA APPROVAZIONE DERIVA UN AUMENTO DEL GETTITO RISPETTO A QUELLO RICAVABILE DALLA TOSAP

L’ACQUISIZIONE DELLE OPERE NON AMOVIBILI AL DEMANIO MARITTIMO SCATTA ANCHE IN CASO DI RINNOVO DELLA CONCESSIONE

LA SOPRAVVENUTA DISCIPLINA DELL’EVIDENZA PUBBLICA NON SI APPLICA ALLE PROCEDURE CONCESSORIE GIÀ INIZIATE

L’AUTORIZZAZIONE AD OCCUPARE IL SUOLO PUBBLICO PER REALIZZARE UN MANUFATTO NON COSTITUISCE PER CIÒ SOLO TITOLO EDILIZIO

È LEGITTIMO NON CONFERMARE L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO ALLE SOCIETÀ COSTITUITE PRIMA DELLA LEGGE GALLI MA DIVENUTE AFFIDATARIE SOLO SUCCESSIVAMENTE

ALL’ENTE PROPRIETARIO DELLA STRADA PUÒ ESSERE ORDINATA LA RIMOZIONE DEI RIFIUTI SOLO SE È ACCERTATA UNA SUA RESPONSABILITÀ

L’AUTORITÀ PORTUALE PUÒ CHIEDERE AI CONCESSIONARI UN CONTRIBUTO PER I COMPITI ASSUNTI CON LA RIFORMA DEL 1994

IL BANDO DI GARA PUÒ ESSERE IMPUGNATO DAL SOGGETTO CHE NON PARTECIPA SOLTANTO QUANDO CONTENGA CLAUSOLE IMMEDIATAMENTE ESCLUDENTI

ILLEGITTIMO IL REGOLAMENTO COMUNALE CHE DISTINGUE TRA CANONE DI USO CIVICO E CANONE D’AFFITTO

L’AUTOSTRADA RISPONDE DEI DANNI CAGIONATI DAL NEW JERSEY SPOSTATOSI A CAUSA DI UN SINISTRO

LE CONTROVERSIE AVENTI AD OGETTO L’ACCERTAMENTO DELLA PROPRIETÀ DI UN BENE APPARTENGONO ALLA GIURISDIZIONE DEL G.O.

SPROPORZIONATO DISPORRE LA DECADENZA DELLA CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA SE I LAVORI SONO ESEGUITI IN MODO SOLO PARZIALMENTE DIFFORME DA QUELLI ASSENTITI

L’AVVIO DEL PROCEDIMENTO DI LEGITTIMAZIONE ED AFFRANCAZIONE DA USI CIVICI DEVE ESSERE COMUNICATO AL PROPRIETARIO

LA CONCESSIONE DI BENI PUBBLICI NON È SUBORDINATA AI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL’ART. 38 DEL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI

CHI SI RITIENE PROPRIETARIO DEVE CONTESTARE LA SDEMANIALIZZAZIONE DAVANTI AL GIUDICE ORDINARIO

È DEVOLUTA AL G.O. LA CONTROVERSIA SULLO SGOMBERO DI BENI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

LA STRADA ADIBITA A VARCO A MARE È CERTAMENTE DI USO PUBBLICO

È ILLEGITTIMO L’ORDINE DI RILASCIO DELL’ALLOGGIO MAP SE GLI ATTI DEL PROCEDIMENTO CONFERMANO CHE IL PRIVATO RISIEDEVA IN ZONA TERREMOTATA

IL DINIEGO DI RINNOVO DI CONCESSIONE DEMANIALE NON È SOGGETTO A PARTICOLARE MOTIVAZIONE

LA P.A. RISPONDE EX ART. 2051 C.C. ANCHE NEL CASO IN CUI IL DANNO DERIVI DA COSA INERTE

L’EDIFICIO PUBBLICO DI CUI NON RISULTI L’ORIGINARIA DESTINAZIONE APPARTIENE AL PATRIMONIO DISPONIBILE

REVOCA ACCESSO CARRABILE: SERVE LA COMUNICAZIONE DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO

IL PROPRIETARIO DEL FONDO CONFINANTE NON SI PUÒ PRESUMERE RESPONSABILE DEI RIFIUTI ABBANDONATI SUL DEMANIO MARITTIMO

CHIEDERE AL PRIVATO IL PAGAMENTO DI CANONE E TRIBUTI FA SORGERE IL LEGITTIMO AFFIDAMENTO NEL RILASCIO DELLA CONCESSIONE

LE DISCOTECHE BALNEARI SONO SOGGETTE AD AUTORIZZAZIONI SEMPLIFICATE IN TEMA DI PREVENZIONE INCENDI

PRIMA DI INCIDERE SUL PUBBLICO TRANSITO SULLA STRADA VICINALE IL COMUNE DEVE ACCERTARE L’ATTUALITÀ DELL’USO PUBBLICO

LA PROROGA EX LEGE DELLE CONCESSIONI DEMANIALI MARITTIME DETTATA DAL MILLEPROROGHE 2009 NON CONTRASTA CON LA DIRETTIVA BOLKESTEIN

IL COMUNE PUÒ RISCATTARE LA PROPRIETÀ DEGLI IMPIANTI PUBBLICI SOLTANTO SE IL CONTRATTO È ANCORA IN ESSERE

L’AMMINISTRAZIONE NON È OBBLIGATA A DESTINARE A SPIAGGIA LIBERA I TRATTI DI ARENILE PIÚ AFFOLLATI

È ILLEGITTIMO IL PROVVEDIMENTO CHE RITIENE CHE LE OPERE BALNEARI D’INVERNO ABBIANO UN MAGGIOR IMPATTO AMBIENTALE CHE D’ESTATE

SE IL CONTRATTO DI CONCESSIONE ATTRIBUISCE ALL’ENTE LA FACOLTÀ DI REVOCA NON SERVE ALCUNA COMPARAZIONE DI INTERESSI

L’UNIVERSITÀ CHE ACQUISTA UN BENE DALL’ENTE LOCALE NON PUÒ SUBENTRARE IN RAPPORTI CONCESSORI CHE NON ATTENGONO AI SUOI FINI ISTITUZIONALI

IL CONCESSIONARIO CHE TRATTIENE IL BENE DOPO LA CESSAZIONE DEL RAPPORTO REALIZZA UN ARRICCHIMENTO SENZA CAUSA

LE COMPETENZE DEGLI ATO FINO ALL’ESTINZIONE NON SONO LIMITATE ALL’ORDINARIA GESTIONE

IL RINNOVO DELLA DERIVAZIONE DI ACQUE PUÒ ESSERE CHIESTO ANCHE A MENO DI DUE ANNI DALLA SCADENZA

DANNI DA INSIDIA STRADALE: I PARAMETRI PER VALUTARE LA SUSSISTENZA DELLA QUALITÀ DI «CUSTODE»

CHI HA UN INTERESSE DI MERO FATTO ALL’USO DELLA STRADA NON È CONTROINTERESSATO NEI GIUDIZI DI IMPUGNAZIONE

NON È NECESSARIO CHE IL CONCESSIONARIO DI IMPIANTI SPORTIVI ABBIA PARTICOLARI CAPACITÀ TECNICHE O FINANZIARIE

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO: LA PROPRIETÀ DELLA RETE NON PUÒ ESSERE ATTRIBUITA ALLA SOCIETÀ D’AMBITO

ALLE OPERE REALIZZATE DAL CONCESSIONARIO DI DEMANIO LACUALE SI APPLICA L’ART. 47 R.D. 726/1895

IL DIRITTO SULLA STRADA EX COLLATIONE AGRORUM PRIVATORUM È A TITOLO DI PROPRIETÀ E NON DI SERVITÚ

Produciamo e vendiamo esclusivamente pubblicazioni professionali in formato pdf. 

Sono testi che puoi consultare e trasportare ovunque con qualunque dispositivo, realizzati nel più comune e universale dei formati digitali. 

Se hai necessità di stamparli o di fare il copia incolla, puoi farlo, salvo alcune eccezioni e nel rispetto del divieto di distribuzione a terzi e della nostra politica di copyright riguardo la riproduzione dei contenuti.  

I nostri prodotti sono privi di restrizioni DRM, sono solo marchiati digitalmente con il nome dell'utilizzatore; possono essere aperti senza limiti dal soggetto destinatario su più dispositivi e scaricati ogni volta che vuole dal sito una volta acquistati.

Per saperne di più clicca qui.

Notiziario bimestrale delle principali notizie derivanti dalla giurisprudenza in materia di demanio, patrimonio e beni pubblici, recensita nel bimestre di riferimento dalla rivista telematica www.patrimoniopubblico.it. Alle massime (“sintesi”) sono associati i brani pertinenti originali delle sentenze a cui esse si riferiscono.