Carrello
Carrello vuoto



Tutela giurisdizionale del diritto di accesso ai documenti amministrativi


 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL DIRITTO DI ACCESSO
anno:2015
pagine: 86
formato: pdf  
prezzo:
€ 10,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!

Avvocato

La tutela giurisdizionale del diritto di accesso è affidata al giudice amministrativo, in sede di giurisdizione esclusiva, ed è disciplinata dall'art. 116 del Codice del processo amministrativo, che deve essere letto congiuntamente alle disposizioni dell'art. 25 L. 241/1990.

Sul presupposto che decorsi inutilmente 30 giorni dalla richiesta di accesso, questa si intende respinta e che, in caso di diniego (espresso o tacito) o di differimento dello stesso, il richiedente può presentare ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale (art. 25, comma 4, L. 211/1990), 116, comma 1, c.p.a. dispone che «contro le determinazioni e contro il silenzio sulle istanze di accesso ai documenti amministrativi» nonché per la tutela del diritto di accesso civico connessa all'inadempimento degli obblighi di trasparenza, «il ricorso è proposto [Omissis - versione integrale presente nel testo].

Il giudizio si svolge, ai sensi dell'art. 87 del Codice, con rito camerale e si conclude con una sentenza in forma semplificata che può essere di rigetto del ricorso o di accoglimento dello stesso. In tale ultimo caso, sussistendone i presupposti, il giudice ordina l'esibizione dei documenti richiesti, entro un te... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...uperiore, di norma, a 30 giorni, dettando, ove occorra, le relative modalità.

Con una recente pronuncia, il giudice amministrativo ha risolto la questione della proponibilità o meno di un ricorso per l'accesso qualora sia già pendente, tra le parti, un giudizio civile: la problematica si pone in quanto, in tal caso, l'interessato ai documenti potrebbe conseguire la produzione degli stessi nell'ambito di esso, tramite l'attivazione dei poteri istruttori del giudice civile. Nella decisione, la questione è risolta dal giudice ribadendo l'autonomia del giudizio d'accesso, affermata richiamando il costante orientamento giurisprudenziale per cui «il diritto alla trasparenza dell'azione amministrativa costituisce situazione giuridica meritevole di autonoma protezione, indipendentemente dalla pendenza e dall'oggetto di una controversia giurisdizionale. L'esercizio dell'accesso, quindi, non costituisce una pretesa meramente strumentale alla difesa in giudizio della situazione sottostante, ma è diretto al conseguimento [Omissis - versione integrale presente nel testo].

Insomma, non è preclusa l'instaurazione del giudizio sull'accesso ai documenti dalla pendenza di un giudizio civile, nella cui sede l'o... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...egli stessi documenti potrebbe essere disposta dal g.o. mediante ordine istruttorio ex art. 210 c.p.c. oppure mediante richiesta di informazioni ex art. 213 c.p.c., stante I' autonomia della posizione sostanziale tutelata con gli art. 22 e ss. I. n. 241 del 1990 rispetto alla posizione che l'interessato intende difendere con altro giudizio e della relativa azione posta dall'ordinamento a tutela del diritto di accesso.

 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI