Carrello
Carrello vuoto

TSAP TRAP

 

TEMI degli articoli



Giurisdizione in materia di fascia di rispetto idrica
Alla giurisdizione del Tribunale Superiore delle Acque appartiene la questione dell’ammissibilità del condono delle porzioni immobiliari che non ricadrebbero nella fascia di rispetto del fiume, in quanto l’opera edilizia abusiva deve essere identificata, ai fini della concessione edilizia in sanatoria, con riferimento all’unitarietà dell’edificio realizzato.

A quali condizioni titolo edilizio, V.I.A. e tutela della concorrenza sono devoluti alla competenza del T.S.A.P.?
Sono devoluti alla cognizione del Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche le controversie sulla legittimità dei provvedimenti amministrativi di diniego di titolo edilizio per motivi relativi alla vicinanza del fabbricato ad un corso d'acqua in zona di esondazione, anche potenziale.

Ambiti di competenza del Tribunale Regionale delle Acque Pubbliche
Sono devolute alla competenza del Tribunale Regionale delle Acque Pubbliche tutte le controversie aventi ad oggetto l’occupazione di fondi che si renda necessaria per la costruzione di un’opera idraulica di derivazione, di utilizzazione o di regolamentazione di acque pubbliche (senza che sia dato distinguere, tra l’altro, tra occupazioni formalmente e sostanzialmente legittime ed occupazioni prive dei requisiti di legittimità).

La ripartizione di competenza fra il G.O. e il Tribunale Regionale delle Acque Pubbliche
Sono devolute alla giurisdizione del G.O. le domande risarcitorie che si ricollegano a fatti connessi solo in via meramente occasionale con le vicende relative al governo delle acque, come le controversie in cui si deduca la violazione delle comuni regole di prudenza e diligenza che, dovendo essere osservate per evitare lesioni all'altrui diritto, non richiedono valutazioni ed apprezzamenti tecnici, restando nell'ambito di un'attività doverosa per evitare pericoli a terzi.

Competenze del Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche e riparto di giurisdizione con il T.R.A.P.
La giurisdizione del TSAP è contrapposta per un verso, a quella del Tribunale Regionale delle Acque che è organo della giurisdizione ordinaria e, per altro verso, alla giurisdizione del complesso TAR-Consiglio di Stato per tutte le controversie che abbiano ad oggetto atti soltanto strumentalmente inseriti in procedimenti finalizzati ad incidere sul regime delle acque pubbliche, quali quelli compresi nei procedimenti volti alla concessione in appalto di opere relative alle acque pubbliche

La giurisdizione in unico grado del T.S.A.P.
La giurisdizione in unico grado del TSAP sussiste quando i provvedimenti amministrativi impugnati incidano direttamente sul regime delle acque pubbliche, nel senso che concorrano a disciplinare la gestione e l'esercizio delle opere idrauliche o a determinare i modi di acquisto dei beni necessari all'esercizio e alla realizzazione delle opere stesse od a stabilire o modificarne la localizzazione o a influire nella loro realizzazione mediante sospensione o revoca dei relativi provvedimenti

La giurisdizione di legittimità in unico grado attribuita al Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche
E' necessario, ai fini della giurisdizione del TSAP, che i provvedimenti amministrativi impugnati siano caratterizzati da un'incidenza diretta sulla materia delle acque pubbliche.

Gli atti concessori inerenti al diritto di pesca sono di competenza del Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche
La Corte di Cassazione ha ribadito che, in tema di diritti esclusivi di pesca, la giurisdizione riservata al tribunale superiore delle acque pubbliche, è limitata in base al collegamento a fattispecie tipiche qualificate dal contenuto e dalla forma dei provvedimenti impugnati, dalla procedura richiesta per la loro emanazione e dalla autorità pubblica da cui promanano, ossia alla cognizione dei ricorsi proposti contro provvedimenti di revoca dei diritti su acque del demanio marittimo, fluviale.

Giurisdizione del T.S.A.P. sul demanio idrico: dismissione dei beni e domande risarcitorie
Il provvedimento con cui l'Agenzia del Demanio dichiara inammissibile la richiesta di acquisto di area del demanio idrico presentata ai sensi dell'art. 5-bis legge 212/2003 appartiene alla giurisdizione del T.S.A.P..

Le controversie relative alla fascia di rispetto idrica e all'inquinamento delle acque sono di competenza del T.S.A.P.
Appartiene alla giurisdizione del Tribunale superiore delle acque pubbliche la controversia relativa al diniego di rilascio di concessione in sanatoria, opposto dall'autorità comunale in ragione dell'edificazione dell'immobile da condonare in violazione della fascia di rispetto di dieci metri dal piede dell'argine fluviale.

Ipotesi escluse dalla giurisdizione del Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche (T.S.A.P.)
Dinnanzi al Tribunale superiore delle acque pubbliche risulta inammissibile il ricorso vertente in materia di accertamento del diritto di proprietà esulandosi dalla giurisdizione del giudice amministrativo, anche specializzato, come quello delle acque legittimato a pronunciare unicamente sentenze di carattere costitutivo, e rientrandosi in quella del competente tribunale regionale delle acque pubbliche.

Estensione della giurisdizione del T.S.A.P. sulle questioni relative al demanio idrico
Sussiste la giurisdizione del giudice amministrativo e non del Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche in tutti i casi in cui si controverte della legittimità di atti compresi nei procedimenti ad evidenza pubblica volti alla concessione in appalto di opere relative alle acque pubbliche.

Violazione dell'art. 96 R.D. 523/1904 e giurisdizione del T.S.A.P.
La verifica della legittimità di un'ordinanza di sospensione dei lavori adottata per violazione dell'art.96 R.D.523/1904 non rientra nella giurisdizione del TSAP che è limitata ai soli atti e provvedimenti che, ancorché emanati da autorità non specificamente preposte alla tutela delle acque pubbliche, abbiano sul regime di queste un'incidenza immediata e diretta, con esclusione quindi degli atti che siano solo strumentali all'adozione di altri atti aventi tale caratteristica di diretta incidenza

Ipotesi di esclusione della competenza del T.S.A.P.: rete fognaria, rimozione rifiuti e sanzioni edilizie
Non rientra nella giurisdizione del T.S.A.P. l'ordinanza contingibile ed urgente che impone al gestore del servizio idrico di ripristinare l'allaccio alla rete fognaria di un hotel per ragioni di igiene.

Il servizio idrico integrato e le strade vicinali esulano dalla giurisdizione del T.S.A.P.?
La giurisdizione sulla controversia nella quale il concessionario del servizio idrico integrato agisce nei confronti di un Comune appartenente all'ambito territoriale ottimale per ottenere l'adempimento dell'obbligo di consegnare le reti e gli impianti, così come previsto dal contratto di servizio, appartiene alla giurisdizione del G.A. e non del T.S.A.P..

La giurisdizione del T.S.A.P. sulle opere idrauliche: qualità ed estensione
La giurisdizione del T.S.A.P. sussiste quando siano impugnati provvedimenti - eventualmente di autorità diverse da quelle preposte alla tutela delle acque - i quali concorrano, in concreto, a disciplinare la realizzazione, localizzazione, gestione ed esercizio delle opere idrauliche.

Impugnazione di atti e provvedimenti avanti il T.S.A.P.
L'ordinanza contingibile e urgente che ingiunge il ripristino di un argine crollato va impugnata avanti il T.S.A.P..

Controversie relative al silenzio rifiuto della P.A. di giurisdizione del T.S.A.P.
La giurisdizione sul silenzio serbato dalla P.A. sull'istanza di variazione della concessione del demanio idrico spetta al T.S.A.P..