Carrello
Carrello vuoto

immissione in possesso


TEMI degli articoli



Il verbale di immissione in possesso e lo stato di consistenza
Alla luce del disposto di cui all'art. 3 della L. 1/1978, rilevante ai fini della legittimità della redazione dello strato di consistenza, configurando questa attività meramente materiale, non è la specifica qualità ed appartenenza dei soggetti che vi procedono, ma che siano rispettate le modalità garantistiche imposte dalla norma richiamata per l’effettuazione di tale operazione e che non sorgano contestazioni sulla fedeltà, completezza ed imparzialit& ...

La prova dell'immissione in possesso
In tema di occupazione destinata alla realizzazione di un'opera pubblica, poiché la legge richiede per la prova dello spossessamento la formale redazione del verbale di consistenza e di immissione in possesso, quale atto scritto ad substantiam, è inammissibile la prova testimoniale espletata a norma dell'art. 2724 c.c. n. 1, posto che per gli atti a forma solenne l'art. 2725 c.c. limita le deroghe al divieto di prova testimoniale al caso di cui all'art. 2724 n. 3.

Occupazione per pubblica utilità di un bene sottoposto a sequestro giudiziario
La sottoposizione dell’area a sequestro preventivo penale (per la presenza di una discarica non autorizzata di rifiuti speciali), è vincolo contingente di indisponibilità, che non elide l’interesse del privato alla conservazione delle sue facoltà dominicali sull’area medesima occupata dalla p.a.

L'avviso di immissione in possesso
L’art. 49 d.p.r. 327/2001 non scandisce i tempi del procedimento. Ne consegue che non può essere favorevolmente apprezzata la doglianza con cui è lamentata la comunicazione dell'occupazione avvenuta solo pochi giorni prima dell'attuazione del provvedimento.

L'immissione in possesso nell'occupazione per pubblica utilità
La redazione del verbale di immissione in possesso in favore dell'ente espropriante, in conseguenza della pronuncia di un decreto di occupazione, fa presumere che la P.A., beneficiaria dell'occupazione stessa, si sia effettivamente impossessata dell'immobile e, nel contempo, esonera il proprietario espropriato dall'onere di provare l'avvenuto spossessamento. Dunque, se restituzione non vi è stata, possessore del bene risulta essere l'ente che ha provveduto alla sua occupazione, di modo ...

Occupazione per pubblica utilità: permanenza della detenzione in capo a soggetti estranei alla amministrazione occupante
Intervenuta l'immissione in possesso, l'eventuale successiva permanenza nel godimento del fondo del proprietario deve ascriversi a mera tolleranza dell’amministrazione espropriante.

Esecuzione del decreto di occupazione
Il duplice contenuto del provvedimento di cui all’art. 22 bis consente, come già rilevato, da una parte di addivenire attraverso la determinazione dell’indennità e sua notifica, all’emanazione del decreto di esproprio e dall’altra di eseguire la disposta occupazione d’urgenza attraverso l’immissione nel possesso.

L’opposizione del proprietario alla immissione nel possesso in sede di esecuzione del decreto esproprio e del decreto di occupazione
Per espressa previsione del Testo unico, l’immissione in possesso s’intende disposta anche quando, malgrado la redazione del relativo verbale, il bene continui ad essere utilizzato da chi in precedenza ne aveva la disponibilità (24.4).