Carrello
Carrello vuoto

decreto di occupazione


TEMI degli articoli



Il decreto di occupazione ex art. 71 L. 2359/1865
Nel vigente ordinamento non convivono affatto due diverse tipologie di occupazione d'urgenza, l'una disciplinata dalla L. n. 865 del 1971, art. 20 e l'altra dalla L. n. 1 del 1978, art. 3, ma ne esiste una soltanto: quella preordinata all'espropriazione introdotta dalla L. n. 2359 del 1865, artt. 71 e 72 e regolata quanto alla sequenza procedimentale nelle espropriazioni soggette alla L. n. 865 del 1971, dalla normativa dell'art. 20.

La motivazione dell'urgenza nel decreto «motivato» di occupazione ex art. 22-bis dpr 327/2001
La scelta di emanare il provvedimento di occupazione d'urgenza ai sensi del primo comma dell'art. 22 bis DPR 327/2001 deve essere accompagnata da un’adeguata motivazione; ciò pare confermato dal fatto che il successivo comma 2 indica due casi in cui il decreto può altresì essere emanato. In tutti gli altri casi, se ne deve dedurre, deve essere dato conto delle ragioni che determinano il ricorso all’occupazione anticipata.

L'urgenza nel decreto di occupazione ex art. 22 bis dPR 327/2001
L'art. 22-bis, secondo comma, lett. a), d.p.r. n. 327/2001 si riferisce all’ipotesi in cui il numero dei destinatari della procedura espropriativa (non il numero della particelle catastali interessate dalla procedura espropriativa), sia superiore a cinquanta.

Art. 22 bis dpr 327/2001: il requisito dell'urgenza e la soglia dei 50 destinatari
Quando la procedura espropriativa riguarda più di 50 soggetti, si può emanare il decreto di occupazione prescindendo dalla particolare urgenza in concreto.

Il decreto di occupazione nelle opere di preminente interesse nazionale
In ipotesi di opera rientrante tra quelle di preminente interesse nazionale ex l. n. 443/2001, il comma 2 dell’art. 22 bis DPR 327/2001 prevede senz’altro la possibilità di adottare il decreto di occupazione.

Decreto motivato di occupazione ex art. 22-bis dpr 327/2001: condizioni
L’art. 22 bis D.P.R. n. 327/2001 non prefigura come unico presupposto del decreto di occupazione anticipata il carattere di particolare urgenza dell'avvio dei lavori pubblici, ma prevede, quale ulteriore condizione di legittimità, che i beni da occupare siano “necessari” all’esecuzione di detti lavori. Ne consegue l'illegittimità del provvedimento che, senza indicazione di particolari ragioni, disponga l'occupazione di beni non interessati dalla realizzazion ...

Il decreto di occupazione art. 22 bis dpr 327/2001 e la dichiarazione di pubblica utilità, indifferibilità ed urgenza
In presenza dei presupposti procedimentali prescritti dall’art. 22 bis, t.u. 8 giugno 2001 n. 327, per l’emanazione dell’ordinanza di occupazione d’urgenza, e cioè il vincolo preordinato all’esproprio e la dichiarazione di pubblica utilità, l’Amministrazione ben può immettersi nel possesso dell’area in esecuzione della suddetta ordinanza, per realizzare le opere per le quali vi era stata l’approvazione del progetto e lo stanziame ...

Decreto motivato art. 22 bis dpr 327/2001: competenza
L’istituto dell'occupazione d'urgenza non previsto nel testo originario del DPR 327/201, è poi stato reintrodotto, a fronte delle pressioni delle Amministrazioni esproprianti, con l'art.22 bis che, nell’intento di limitare comunque il ricorso all’istituto, ha previsto la possibilità di ricorrervi sussistendo i presupposti indicati dalla norma medesima.

Decreto motivato di occupazione ex art. 22-bis dpr 327/2001: aspetti particolari
L’eventuale mancanza di un efficace vincolo preordinato all’esproprio e di un'efficace dichiarazione di pubblica utilità, rende il decreto di occupazione d’urgenza illegittimo, ma non inefficace (con la conseguente asserita insussistenza di oneri di immediata impugnazione), non essendo l’efficacia degli atti amministrativi autoritativi (quale per l’appunto il decreto di occupazione d’urgenza) condizionata dalla loro legittimità.

Efficacia del decreto motivato di occupazione ex art. 22-bis dpr 327/2001
Il decreto di occupazione d’urgenza deve ritenersi caducato sia in conseguenza dell’annullamento dell’atto presupposto dichiarativo della pubblica utilità che per la decorrenza del termine di validità senza l’adozione del decreto di esproprio (ex art. 22 bis, comma 6, del d.P.R. n. 327/2001).

Decreto motivato di occupazione ex art. 22-bis dpr 327/2001 e indennità
L'indicazione dell'ammontare dell'indennità provvisoria di espropriazione può essere contenuto anche in comunicazione separata dal decreto di occupazione d'urgenza ex art. 22 bis DPR 327/2001.

Il contenuto del decreto di occupazione
Il contenuto del decreto di occupazione può essere individuato nei seguenti termini ...