Carrello
Carrello vuoto

cessione volontaria


TEMI degli articoli



Espropriazione per p.u.: l'accordo di cessione volontaria
La cessione volontaria del suolo ex artt.12 e 17 legge n.865/1971, è idoneo a determinare il trasferimento del bene che ne è oggetto in capo all’Amministrazione espropriante.

L'istituto della c.d. «cessione volontaria»: condizioni e clausole
L'eventuale accordo tra il proprietario del bene e la P.A. sull'ammontare dell'indennità perde di efficacia ove il procedimento non si concluda con il negozio di cessione o con il decreto di esproprio: a meno che ci sia un vero e proprio accordo transattivo con il quale il privato, nel ricevere ulteriori somme di denaro, dichiari di non avere null'altro a pretendere nei confronti dell'ente espropriante.

Il contratto preliminare di cessione volontaria del bene
Va affermata la legittimità del concordato di cessione bonaria stipulato tra Comune e privato, avente la natura di contratto preliminare ex art. 1351 c.c., suscettibile di esecuzione in forma specifica, in cui la cessione, compensata con la possibilità di potere costruire su altre aree, risulti condizionata all'approvazione di variante al PRG e del relativo piano particolareggiato e tale condizione sospensiva risulti avverata.

Disciplina e forma dell’accordo sulla cessione volontaria dei beni assoggettati ad espropriazione
L’accordo sulla cessione dei beni assoggettati ad espropriazione non può derogare a quanto previsto dall’art. 45 TU espropri e quindi non può essere autonomamente determinato dalle parti ai sensi dell’art. 11 L. 241/1990.

La cessione volontaria quale contratto ad oggetto pubblico
La cessione volontaria del bene, nel procedimento espropriativo, in quanto sostitutiva del decreto di espropriazione, di cui produce i medesimi effetti, non perde la connotazione di atto autoritativo, implicando, più semplicemente la confluenza in un unico testo di provvedimento e negozio e senza che la presenza del secondo snaturi l'attività dell'Amministrazione, dato che il fine pubblico può essere perseguito anche attraverso la diretta negoziazione del contenuto del provvedimento finale

Elementi costitutivi dell'atto di cessione volontaria dei beni assoggettati ad espropriazione per p.u.
La cessione volontaria costituisce un contratto c.d. ad oggetto pubblico che si inserisce necessariamente nell'ambito del procedimento di espropriazione, che l'espropriando ha il diritto di convenire in seguito ad un subprocedimento predisposto dalla L. n. 865 del 1971, art. 12 e ad un prezzo pur esso predeterminato in base a criteri inderogabili stabiliti dalla legge e che ha anche l'effetto di porre termine al procedimento, eliminando la necessità dell'emanazione del decreto di espropriazione.

La tutela dei diritti dei terzi estranei al procedimento di cessione volontaria dei beni espropriati per p.u.
Nell'ipotesi di cessione volontaria del bene assoggettato alla procedura espropriativa, pronunciata l'espropriazione e trascritto il relativo provvedimento, il terzo che affermi di essere proprietario di tutto o parte del bene già trasferito all'espropriante non può proporre azione di rivendicazione nei confronti di quest'ultimo, ma deve far valere il proprio diritto nei confronti dell'espropriato, sull'indennità di espropriazione.

Natura dell'atto di cessione volontaria
Sia decreto di esproprio che atto di cessione trasferiscono il diritto a titolo originario, e sono equiparabili sotto questo aspetto. Nel sistema della legge generale sull’espropriazione di P.A., giurisprudenza e dottrina hanno attribuito alla cessione volontaria, poiché regolata da disposizioni di carattere inderogabile e tassativo, la natura di negozio di diritto pubblico, dotato della funzione propria del decreto di espropriazione di segnare l’acquisto a titolo originario in favore della P.A.

Clausole e quietanze rinunziative contenute negli atti di cessione
Gli atti di cessione contengono generalmente clausole e quietanze satisfattive e rinunziative. Il consiglio di Stato (6239/2004) ha affermato che qualora i termini per il completamento della procedura siano scaduti senza il trasferimento della proprietà, e vi sia stata l’irreversibile trasformazione del bene, la dichiarazione di non avere null’altro a pretendere a qualsiasi titolo, e simili, contenuta nell’accordo sull’indennità, impedisce ai proprietari di far valere future pretese risarcitorie

Le clausole rinunziative nella cessione volontaria: tipologie ed effetti
Le clausole rinunziative con effetti definitivi, espansivi, consolidatori ed irrevocabili trovano più opportuna collocazione nell’atto di cessione volontaria, anziché nell’accordo di cessione o nelle quietanze di pagamento, entro i limiti in cui esse possano avere un senso, venendosi a concludere nel tempestivo atto di cessione la vicenda traslativa del bene, con il risultato che dopo la sua stipula non sia più configurabile l'occupazione illegittima, da cui possono scaturire crediti risarcitori

L’atto di cessione volontaria e l’art.11 legge 241/1990
La riflessione sulla natura giuridica dell’atto di cessione ha coinvolto anche il rapporto con gli accordi procedimentali introdotti nel nostro ordinamento dall’art. 11 l.241/1990. Il collegamento era inevitabile, anche in considerazione della funzione attribuita dal legislatore e dall’elaborazione giurisprudenziale all’atto di cessione, da sempre individuata nell’intento deflativo del contenzioso, nonché nel perseguimento delle esigenze di speditezza ed efficienza dell’azione amministrativa

Termini entro i quali può essere stipulato l’atto di cessione volontaria
Ai sensi dell’art. 45.1il proprietario ha il diritto di stipulare col soggetto beneficiario dell’espropriazione l’atto di cessione del bene fin da quando è dichiarata la P.U. dell’opera e fino alla data in cui è eseguito il decreto di esproprio. Dal richiamato disposto normativo è possibile così individuare un termine iniziale ed uno finale. Il termine iniziale dilatatorio è costituito dalla dichiarazione della pubblica utilità, quello finale dalla data di esecuzione del decreto di esproprio

Mancata stipula dell'atto di cessione entro i termini
Per accordo di cessione si intende l’atto contenente la dichiarazione del proprietario di convenire la cessione volontaria del bene. Ha natura obbligatoria e non traslativa: la ditta si obbliga alla stipula dell’atto di cessione volontaria, pena la caducazione degli effetti giuridici dell’accordo. L’atto di cessione si caratterizza invece proprio per l’effetto traslativo del bene: le parti non si limitano a concordare l'indennità ma stipulano un contratto che attua il trasferimento di proprietà

Forma dell’atto di cessione volontaria
Per il negozio di cessione volontaria, alla pari di tutti i contratti stipulati dalla P.A, è richiesta la forma scritta ad substantiam, e ciò vista la natura costitutiva dell’atto che comporta effetti traslativi del bene. Si ritiene generalmente assolta in presenza della dichiarazione di volontà delle parti, stipulata dal legale rappresentante dell’Amministrazione e dall’espropriato. Non è dunque sufficiente che alla dichiarazione del proprietario segua il provvedimento dell’organo competente

Atto di cessione volontaria: utilità, nullità, annullabilità
L’invalidità dell’atto di cessione può articolarsi in nullità ed annullabilità. Riguardo all’invalidità dell’atto di cessione conseguente a vizi od irregolarità commessi dall’espropriante nella fase antecedente alla conclusione dell’atto, è stata affermata la riconducibilità ad ipotesi di annullabilità relativa, rilevabile esclusivamente ad iniziativa della stessa PA. È stata ritenuta altresì applicabile la disciplina della convalida del contratto, annullabile se stipulato da organo incompetente

La cessione volontaria
La cessione volontaria è un negozio bilaterale concluso tra proprietario del bene immobile e beneficiario dell’espropriazione, avente causa tipica nella realizzazione del procedimento espropriativo mediante una forma alternativa al decreto di esproprio e la forma di uno strumento privatistico