Carrello
Carrello vuoto



Titolo edilizio per opere a rischio di incidente rilevante


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:TITOLO EDILIZIO
anno:2016
pagine: 3122 in formato A4, equivalenti a 5307 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Ai sensi dell'art. 14 d. lgs. 334/1999 gli enti territoriali, relativamente all'insediamento di stabilimenti nuovi a rischio di incidente o alla realizzazione di nuovi insediamenti o infrastrutture attorno agli stabilimenti esistenti, debbano apportare, ove necessario, le varianti ai piani territoriali di coordinamento provinciale ed agli strumenti urbanistici, ma che, in mancanza di tali varianti, la concessione o l'autorizzazione possano essere ugualmente rilasciate, previa però valutazione favorevole della Commissione Tecnica Regionale, in ordine alla compatibilità della localizzazione degli interventi con le esigenze di sicurezza.

È legittima la scelta dell'amministrazione comunale di limitare al solo adeguamento, con esclusione del potenziamento delle strutture, prevedendo in via alternativa la loro delocalizzazione, in caso di impianti classificati a rischio di incidente rilevante, sottoposti alle disposizioni del D.Lgs. n. 334/99, il cui art. 14 disciplina i contenuti della pianificazione urbanistica ai fini della sicurezza e della prevenzione di incidenti.

La presenza di uno stabilimento a rischio di incidente rilevante, di cui al D. Lgs. 334/1999, determina non solo obblighi per il gestore quanto all'esercizio dell'attiv... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...localizzata all'interno di uno specifico sito industriale, ma rileva anche per gli effetti che dalla presenza dello stabilimento possono derivare e dispiegarsi all'esterno del medesimo.

La verifica della conformità territoriale prevista dal Decreto del Ministero LL.PP. 9 maggio 2001 sottende l'adozione di una variante specifica di adeguamento degli strumenti urbanistici vigenti da predisporsi secondo i criteri e le metodologie fissate dal decreto ministeriale stesso.

Il contenuto di del c.d. elaborato R.I.R. deve esprimersi in termini di sufficiente specificità, tant'è che le relative prescrizioni non possono prescindere non solo, dalla particolare destinazione e dalle possibili utilizzazioni delle aree circostanti, ma anche dalle misure predisposte ai sensi degli articoli 6, 7 e 8 del D. Lgs. 334/1999 dagli insediamenti a rischio di incidente rilevante già presenti le quali ne integrano il contenuto.

Il decorso dei termini assegnati al comune per l'adozione dell'elaborato tecnico costituente variante di adeguamento non priva lo stesso della potestà di determinarsi.

La potestà comunale in ordine al rischio di incidente rilevante implica una pianificazione completa e non tendenzi... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ordinata ad impedire una singola iniziativa.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI