Carrello
Carrello vuoto

  • HOME
  • giudizio, processo
  • La pubblicazione sul F.A.L. quale dies a quo del termine decadenziale per l'opposizione alla stima


La pubblicazione sul F.A.L. quale dies a quo del termine decadenziale per l'opposizione alla stima


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:DETERMINAZIONE GIUDIZIALE DELL'INDENNITÀ DI ESPROPRIO
anno:2015
pagine: 581 in formato A4, equivalenti a 988 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 25,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Nel vigore della L. n. 865/71 (applicabile ratione temporis), abolito il F.A.L. e sostituita la pubblicazione in esso con la pubblicazione sulla G.U. (cfr. art. 31 L. 340/2000), devesi necessariamente avere riguardo, per l'individuazione del dies a quo del termini di opposizione alla stima, alla data di pubblicazione sulla G.U.

Ove il legislatore abbia statuito che un termine di decadenza decorra, indistintamente e contemporaneamente per tutti gli interessati (nel caso di specie ex art. 19 l. n. 865/71 applicabile ratione temporis), dal compimento di una determinata forma di pubblicità, tale pubblicità diventa giuridicamente necessaria ed imprescindibile perché la decadenza possa operare, non essendo consentito all'interprete, secondo le regole di ermeneutica stabilite dall'art. 12 delle disposizioni sulla legge in generale, di sostituire a quella forma di pubblicità collettiva, qualsivoglia altra forma di comunicazione, ancorché produttiva di effetti equivalenti od analoghi per i singoli interessati.

Solo una valida pubblicazione sul Fal, regolarmente effettuata all'esito di un pregresso e compiuto procedimento amministrativo, rappresenta l'atto previsto quale "dies a quo" del termine decadenziale ex art.... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...65/71, che, quindi, in caso di anomalie e nullità procedimentali, può cominciare a decorrere solo da una nuova e regolare pubblicazione sul Fal successiva alla notifica della stima.

Solo una valida pubblicazione sul F.A.L., regolarmente effettuata all'esito di un pregresso e compiuto procedimento amministrativo, rappresenta l'atto previsto quale "dies a quo" del termine decadenziale per l'opposizione di cui all'art.19 L. n. 865/71 che, quindi, in caso di anomalie e nullità procedimentali, può cominciare a decorrere solo da una nuova e regolare pubblicazione sul F.A.L..

Poiché, ai sensi dell'art. 54 comma 2 DPR 327/2001, l'opposizione va proposta, a pena di decadenza, entro il termine di 30 giorni "decorrente dalla notifica del decreto di esproprio o dalla notifica della stima peritale, se successiva al decreto di esproprio", pare evidente che, al fine di evitare di incorrere nella decadenza, l'espropriato che non abbia ricevuto la comunicazione di cui all'art. 21 comma 2, è sostanzialmente obbligato a proporre l'opposizione nei trenta giorni dalla notifica del decreto.

In difetto della tempestiva attivazione della procedura di cui all'art. 21 comma 2 DPR 327/2001 da parte d... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...à, correttamente e legittimamente il soggetto espropriato propone opposizione alla stima entro il termine di trenta giorni dalla notificazione del decreto di esproprio.

Qualora l'indennità definitiva di espropriazione non sia mai stata notificata all'espropriato, la domanda proposta non può qualificarsi quale azione di opposizione alla stima ma ordinaria azione di accertamento dell'indennità dovuta, non sottoposta ad alcuna decadenza.

Il termine di decadenza di giorni trenta per la proposizione dell'opposizione, previsto dall'articolo 19 della legge n. 865 del 1971, trova applicazione in via esclusiva con riferimento alla stima definitiva e non a quella provvisoria.

Solo una valida pubblicazione sul F.A.L., regolarmente effettuata all'esito di un pregresso e compiuto procedimento amministrativo, rappresenta l'atto previsto quale "dies a quo" del termine decadenziale di cui all'art. 19 L. n. 865/71 che, quindi, in caso di anomalie e nullità procedimentali, può cominciare a decorrere solo da una nuova e regolare pubblicazione sul F.A.L.

L'opposizione alla stima dell'indennità di espropriazione deve essere proposta nel breve termine di decadenza, di cui all'articol... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...L. n. 865/71 (30 giorni decorrenti dalla pubblicazione, sul FAL della Provincia, dell'avviso di deposito della relazione della Commissione in merito alla definitiva quantificazione dell'indennità di esproprio), purché sia stato emesso il relativo decreto di esproprio.

La ricorrenza della determinazione in sede amministrativa delle pretese indennità da occupazione legittima, condiziona l'applicabilità del termine decadenziale previsto dalla L. n. 865 del 1971, art. 20.

Nel sistema di cui all'art. 19 della L. n. 865/1971, al fine della decorrenza dei termini di decadenza dell'azione di opposizione alla stima, non è sufficiente la notificazione del decreto ablativo; sono viceversa necessari atti ulteriori, in conformità di una sequenza procedimentale che prevede non solo la notifica agli espropriati della misura dell'indennità definitiva, ma anche il deposito della relazione di stima presso la segreteria del Comune e la pubblicazione sul FAL dell'avviso di avvenuto deposito di tale relazione, assunta dalla legge quale dies a quo per il decorso del termine di decadenza.

Nel sistema di cui all'art. 19 della L. n. 865/1971, solo ove il decreto di esproprio segua, per anomalia del procedimento... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ento di tutti gli altri adempimenti procedimentali, validamente compiuti, ivi compresa la notifica della misura dell'indennità, il deposito della relazione di stima e la pubblicazione nel FAL, il termine decadenziale potrà decorrere dalla notifica di tale decreto.

Quando il legislatore statuisce che un termine di decadenza decorre dal verificarsi di un determinato atto o fatto, l'interprete non può, secondo le regole di ermeneutica stabilite dall'art. 12 disp. gen., sostituirne la decorrenza con altro atto o fatto diverso, ancorché ad effetti in qualche misura analoghi o equivalenti (nel caso di specie attribuendo rilevanza, in difetto della stima definitiva, alla notifica del decreto di esproprio ai fini dela decorrenza del termine di opposizione alla stima).

Nel vigore della L. n. 865/71 (applicabile ratione temporis), la nullità della pubblicazione dell'avviso sul F.A.L. dell'avvenuto deposito della relazione di stima, impedisce la decorrenza del termine decadenziale per l'opposizione alla stessa, senza che detta nullità possa ritenersi in alcun modo sanata, ai predetti fini, dall'eventuale successiva notificazione personale, ai proprietari espropriati, degli avvisi contenenti la comunicazione dell'indenn... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...definitiva.

In ipotesi di nullità della pubblicazione sul F.A.L. dell'avviso di deposito della relazione di stima ex art. 19 L. n. 865/71, il relativo vizio può essere eliminato unicamente con la rinnovazione della pubblicazione; ciò in quanto non è consentito all'interprete di sostituire a un fatto o atto previsto dalla legge come dies a quo per l'inizio del decorso di un termine di decadenza, un fatto o un atto diversi.

Nel sistema di cui all'art. 19 L. n. 865/71 (applicabile ratione temporis), il decorso del termine decadenziale per l'opposizione alla stima si riconnette unicamente a una valida pubblicazione sul F.A.L. e non alla notificazione individuale dell'avvenuto deposito della relazione di stima; ne consegue che solo quella pubblicazione (regolarmente compiuta), costituisce il dies a quo del termine decadenziale che, in caso di anomalie e nullità procedimentali (nel caso di specie per omessa indicazione dei proprietari ed aree), comincia a decorrere solo da una nuova e regolare pubblicazione sul F.A.L. .

La proposizione ad un giudice incompetente di una domanda giudiziale sottoposta ad un termine di decadenza, come quella concernente l'opposizione alla stima definitiva dell'indennità... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...iazione, è certamente idonea ad impedire, una volta per tutte (e, dunque, anche qualora il processo poi si estingua) la perenzione o, se si preferisce, la consunzione del potere d'azione.

L'art. 19 della L. n. 865/71, fa decorrere il termine per l'opposizione alla stima dal momento in cui è stata pubblicato sul F.A.L. l'avviso di deposito della relazione di stima, redatta dall'apposita commissione istituita presso l'U.T.E., ai sensi dell'art. 16 della medesima legge, presso la segreteria del Comune dove sono siti i beni.

Nelle ipotesi (definite di anomalia procedimentale), in cui il decreto di esproprio segua e non preceda la pubblicazione sul FAL dell'avviso di deposito della stima, la conoscenza legale dell'indennità definitiva, alla quale è indefettibilmente legata la decorrenza del termine decadenziale per l'opposizione, può affermarsi solo all'atto in cui l'espropriante notifichi il decreto di esproprio al soggetto espropriato.

Il termine perentorio di 30 giorni entro il quale va proposta l'opposizione alla stima, non decorre dalla data di notificazione del decreto di esproprio (a meno che questo non contenga già l'indicazione della misura dell'indennità definitiva), ma dalla comun... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ll'indennità definitiva di esproprio, che avviene a mezzo inserzione dell'avviso di deposito della relazione U.T.E. nel foglio degli annunzi legali della provincia.

Condizione per il decorso del termine per l'opposizione alla stima ex art. 19 l. n. 865/71 è la sussistenza della notificazione agli interessati della indennità definitiva e della pubblicazione della stessa, dovendosi porre l'art. 19 in relazione col precedente art. 15 della L. n. 865/71.

L'art. 19 della legge n. 865/1971 stabilisce che il termine di 30 giorni per proporre opposizione alla stima decorre dall'inserzione dell'avviso di deposito della relazione della commissione di cui all'art. 16 della citata norma, nel foglio degli annunzi legali della provincia.

Il diritto dell'espropriato di opporsi alla stima definitiva dell'indennità non può essere esercitato indefinitamente nel termine decennale di prescrizione. Suddetta determinazione può essere impugnata solo con l'osservanza del termine di decadenza di trenta giorni, decorrenti dall'inserzione dell'avviso di deposito della relazione dell'ufficio tecnico erariale nel foglio degli annunci legali della provincia o dalla data di notificazione del decreto di espropriazione conten... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...cazione dell'indennità definitiva se precedente a suddetta inserzione.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI