Carrello
Carrello vuoto



Ordinanze contingibili e urgenti: competenza, deroghe e discrezionalità

L'ordinanza contingibile ed urgente ex art.50, comma 4, D.Lgs.267/00 è da ritenere frutto dell’esercizio di un competenza ordinaria ascrivibile in quanto tale alla Autorità locale rappresentata dal sindaco. È infatti illegittimo il potere di ordinanza disciplinato dalla suddetta norma esercitato da un soggetto diverso dal primo cittadino.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:ORDINANZE CONTINGIBILI ED URGENTI nel governo del territorio
anno:2014
pagine: 155 in formato A4, equivalenti a 264 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 15,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


PROCEDURE ATIPICHE O ALTERNATIVE --> ORDINANZE CONTINGIBILI E URGENTI --> COMPETENZA

Sintesi: L'ordinanza contingibile ed urgente adottata in forza dell'art. 50, comma 4, del d.lgs. n. 267/00, nonostante quanto può desumersi dalla diversa formula della norma, è da ritenere frutto dell'esercizio di un competenza ordinaria ascrivibile in quanto tale alla Autorità locale.


Estratto: «II. Va preliminarmente disposta l'estromissione dal giudizio dell'Amministrazione statale intimata, in quanto, come eccepito dalla difesa erariale, il potere esercitato attraverso l'adozione dell'ordinanza contingibile ed urgente oggetto di gravame trova il suo referente normativo nell'art. 50, comma 4 del d.lgs. n. 267/00 e pertanto, a differenza di quanto può desumersi dalla diversa formula dell'art. 50, l'atto è da ritenere frutto dell'esercizio di un competenza ordinaria ascrivibile in quanto tale alla Autorità locale.»

Sintesi: E' illegittimo il potere di ordinanza ex art. 50 del d.lgs. n. 267 del 2000 esercitato da un soggetto diverso dal sindaco.

Estratto: «Pare opportuno, innanzitutto, premettere che oggetto sostanziale della presente controversia consiste ne... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ento dell'uso pubblico o meno della strada in questione.[OMISSIS]Con la seconda censura parte ricorrente si duole, sostanzialmente, dell'illegittima utilizzazione del potere di ordinanza da parte del responsabile del settore tecnico del comune, che, a differenza del sindaco, non ne sarebbe munito.In proposito, il collegio osserva che, effettivamente, il provvedimento in questione risulta adottato dal responsabile dell'ufficio tecnico del comune di Brallo di Pregola sulla base dell'art. 50 del d.lgs. n. 267 del 2000, disposizione normativa che disciplina il potere di ordinanza del sindaco, né altri riferimenti normativi risultano citati in alcuna porzione dello stesso.In presenza di tali circostanze, l'atto impugnato risulta viziato, perché si fonda su disposizioni normative che attribuiscono il potere di ordinanza ad un soggetto diverso da quello che lo ha adottato, peraltro in presenza di presupposti affatto differenti da quelli sussistenti nella fattispecie in questione.»

PROCEDURE ATIPICHE O ALTERNATIVE --> ORDINANZE CONTINGIBILI E URGENTI --> DEROGHE A NORME DI LEGGE

Sintesi: Le ordinanze commissariali in deroga non rientrano nella categoria delle fonti primarie (attesa la loro efficacia meramente derogatoria, e non ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... nell'ordinamento giuridico), ma costituisco atti di alta amministrazione, autorizzati dalla legge, in presenza dei presupposti (sostanziali e formali) dalla medesima indicati, a derogare, per ambiti territoriali e temporali previamente determinati, e fin tanto che vi è persistenza dei citati presupposti, anche a norme di rango primario.

Estratto: «La sentenza appellata – qualificate le disposizioni di cui all'art. 5 l. n. 225/1992 come di "strettissima interpretazione", poiché "il potere di ordinanza . . . determina un ribaltamento nella gerarchia delle fonti" – ha ritenuto che delle medesime "l'interpretazione deve essere esclusivamente lett...[Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis]...indacato giurisdizionale) dall'interprete.»

PROCEDURE ATIPICHE O ALTERNATIVE --> ORDINANZE CONTINGIBILI E URGENTI --> DISCREZIONALITÀ

Sintesi: Per fronteggiare situazione di pericolo per determinati interessi pubblici, la scelta dei provvedimenti più opportuni ed, ancor prima, il grado di priorità da assegnare ai vari provvedimenti, rientra nella valutazione discrezionale della competente Autorità, insindacabile nel merito, fin quando non s... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...manifestamente illogica o irrazionale.

Estratto: «9. L'ultima censura di eccesso di potere per omessa ponderazione e contrasto con l'interesse pubblico è inammissibile.9.1. Invero, per fronteggiare situazione di pericolo per determinati interessi pubblici, la scelta dei provvedimenti più opportuni ed, ancor prima, il grado di priorità da assegnare ai vari provvedimenti, rientra nella valutazione discrezionale della competente Autorità, insindacabile nel merito, fin quando non si presenti manifestamente illogica o irrazionale; inoltre, quand'anche la censura fosse ritenuta fondata, essa non sarebbe date da determinare l'illegittimità del provvedimento impugnato.»



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI