Carrello
Carrello vuoto



Opere edilizie militari

La natura di opera militare deve determinarsi sulla base del rapporto di strumentalità che collega l'opera alla funzione militare, senza che rilevi la natura demaniale o meno dell'area in cui è realizzata.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:OPERE ED INTERVENTI EDILIZI
anno:2016
pagine: 1508 in formato A4, equivalenti a 2564 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 30,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Mancando nel nostro ordinamento un'enunciazione in termini normativi e generali della nozione di "opera destinata alla difesa militare", i criteri suscettibili di qualificare l'opera non possono fare riferimento al solo profilo soggettivo, ossia all'identità dell'Amministrazione interessata ai lavori, ma devono, in ogni caso, investire soprattutto le caratteristiche oggettive e funzionali dell'opera, la sua effettiva ed inequivoca destinazione alla difesa militare ed al chiaro nesso teleologico che a questa la ricolleghi: solo in questo modo la deroga alle competenze riconosciute alle Regioni ed agli enti locali, in materia di pianificazione urbanistica e governo del territorio di cui al D.P.R. 383/1994, può essere giudicata costituzionalmente legittima.

Gli alloggi di servizio destinati ai militari possono considerarsi "opere di difesa nazionale" a condizioni che siano ricompresi nell'ambito spaziale delle opere militari ovvero legati ad esse da uno stretto rapporto di strumentalità, e perciò parti di un complesso sostanzialmente unitario, sì che non sarebbe logico e giuridicamente ammissibile un regime differenziato.

Devono considerarsi "opere di difesa nazionale" non soltanto le costruzioni direttamente necessari... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...sa della Nazione in tempo di guerra, ma anche tutte quelle strumentalmente preordinate alle esigenze della sicurezza militare del paese e che siano a questo fine effettivamente utilizzate. Tali sono, tra l'altro, gli immobili ove vengono compiute le attività dirette alla soddisfazione delle suindicate esigenze e quindi con queste strettamente collegate, all'interno di basi, impianti, installazioni militari o posti al loro diretto e funzionale servizio.

La compressione che la destinazione militare dell'opera può determinare, in misura assai rilevante, nei confronti di altri interessi costituzionalmente protetti, quali quelli urbanistici, edilizi e paesaggistici, impone, l'esigenza che, tanto in sede legislativa che amministrativa, risultino precisati con il dovuto rigore i criteri suscettibili di qualificare l'opera come destinata alla difesa militare: criteri che non potranno, pertanto, fare riferimento al solo profilo soggettivo, cioè alla natura militare dell'amministrazione interessata ai lavori, ma che dovranno, in ogni caso, investire sia le caratteristiche oggettive che le finalità dell'opera.

Non possono essere qualificati come "opere di difesa nazionale" e soggetti al regime derogatorio di cui al D.P.R. ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...i alloggi la cui costruzione sia affidata ad una società di capitali, che ne alienerà la proprietà superficiaria per la durata di novant'anni; che siano realizzati all'esterno di basi o installazioni militari puntualmente individuate e che non sono posti al loro diretto e funzionale servizio; che possano essere acquistati anche da militari in quiescienza e dal personale civile dipendente dal Ministero della Difesa e locati a soggetti estranei all'Amministrazione militare; che non siano destinati stabilmente a soddisfare le esigenze abitative del personale delle Forze Armate, in quanto i coniugi, i conviventi e gli eredi potranno subentrare (senza alcuna limitazione) nella titolarità del diritto di superficie novantennale, ovvero nel godimento del bene, in caso di decesso dell'acquirente o di cessazione del matrimonio e della convivenza.

L'elemento oggettivo-funzionale, costantemente preso in esame dalla giurisprudenza per giustificare la costruzione di alloggi militari in deroga alle norme urbanistiche, deve necessariamente prendere corpo attraverso il collegamento degli alloggi ad una o più caserme, e non con la totalità delle caserme e delle strutture esistenti nel territorio provinciale.

La natura di oper... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...deve determinarsi sulla base del rapporto di strumentalità che collega l'opera alla funzione militare, senza che rilevi la natura demaniale o meno dell'area in cui è realizzata.

Gli alloggi di servizio del personale militare debbono considerarsi opere di difesa nazionale.

La qualificazione di un'opera come destinata alla difesa militare richiede sempre una manifestazione di volontà del Ministero per i lavori pubblici, dal momento che essa comporta la sottrazione dell'opera stessa al controllo del Ministero, altrimenti competente ad accertarne la conformità alla disciplina urbanistica o comunque a stabilirne la localizzazione.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI