Carrello
Carrello vuoto



Il vincolo di pertinenzialità dei parcheggi costruiti ai sensi della "Legge Tognoli"


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:LE STRADE
anno:2017
pagine: 2523 in formato A4, equivalenti a 4289 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> PARCHEGGI --> LEGGE TOGNOLI --> PERTINENZIALITÀ

I parcheggi pertinenziali realizzati nel sottosuolo degli immobili e che possono essere costruiti anche in deroga agli strumenti urbanistici vigenti ai sensi dell'art. 9, legge n. 122 del 1989, sono solo quelli costruiti totalmente al di sotto del piano di campagna naturale e non quelli artificialmente interrati per effetto del riporto di terra.

I parcheggi pertinenziali realizzati ai sensi della legge n. 122/1989 possono essere costruiti anche in deroga agli strumenti urbanistici ed ai regolamenti edilizi vigenti.

Possono considerarsi opere di urbanizzazione ai sensi dell'art. 11 della legge n. 122/1989, e quindi non assoggettati a oneri, i parcheggi anche non collettivi purché pertinenziali ed entro i limiti della dotazione obbligatoria.

I parcheggi, da destinare a pertinenza di singole unità immobiliari, non possono derogare agli strumenti urbanistici ed ai regolamenti edilizi vigenti con riferimento al superamento della volumetria massima consentita dallo strumento urbanistico.

In mancanza dell'indefettibile nesso di pertinenzialità che deve comunque sussistere fra il parcheggio... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...istenti costruzioni non è consentito beneficiare delle eccezionali previsioni in tema di realizzabilità dei parcheggi interrati di cui all'articolo 9 della l. 24 marzo 1989, n. 122.

Gli spazi di manovra e di accesso ai garages relativi a parcheggi pertinenziali non sono esenti dal contributo di costruzione.

In tema di parcheggi realizzati ex art. 9 l. n. 122/1989, perché possano beneficiare dell'esonero dal contributo di concessione, essi devono avere un vincolo di pertinenzialità alle unità immobiliari dei residenti, in edifici già esistenti (nel sottosuolo, e completamente interrati, o in locali al piano terreno) o comunque - sempre a uso esclusivo dei residenti - al servizio di edifici già esistenti (su aree esterne o anche nel sottosuolo di aree pertinenziali esterne).

La pertinenzialità richiesta dalla legge 122/1989 non può ritenersi a priori inconfigurabile per il solo fatto che l'ara esterna non si trovi in rapporto di immediata contiguità materiale con il fabbricato cui i realizzandi parcheggi sono destinati ad accedere.

Ai fini della pertinenzialità richiesta dalla legge 122/1989, ammettere l'astratta possibilità di un rapporto... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...nzialità edilizia rispetto ad un'area esterna che non si trovi in rapporto di immediata contiguità materiale con il fabbricato principale non significa obliterare completamente il necessario nesso di funzionalità rispetto all'edificio principale, che dev'essere in concreto pur sempre apprezzabile su di un piano oggettivo, cioè rispetto all'edificio principale piuttosto che rispetto al proprietario dello stesso.

Ai fini della sussistenza del rapporto pertinenziale richiesto dall'art. 9 legge 122/1989, l'ubicazione dell'area esterna ove è realizzato il parcheggio e dell'edificio servito nello stesso comune è certo condizione necessaria, ma da sola non sufficiente.

I parcheggi collocati in aree esterne ai fabbricati, a differenza di quelli posti nel sottosuolo o al piano terreno degli stessi, non devono essere realizzati necessariamente dai proprietari dell'immobile, ma - in base alla legge 122/1989 - possono esserlo anche da terzi: evidentemente il legislatore, non potendo escludersi che le «aree pertinenziali esterne» potessero appartenere a soggetti diversi dai proprietari dell'immobile, ha ritenuto di non dover limitare solo a questi ultimi la legittimazione a chiedere il permesso per realizzarv... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...gi.

La «pertinenzialità» che il legislatore ha inteso considerare nell'art. 9 legge 122/1989 non è tanto quella materiale esistente tra l'edificio e l'area - sottostante, interna o esterna - destinata ad accogliere il parcheggio, ma quella giuridica esistente tra ciascun singolo posto auto da realizzare e una specifica unità immobiliare, nel senso di creare fra di essi un nesso di inscindibilità.

Ai fini dell'applicazione dell'art. 9 legge 122/1989, relativamente alla realizzazione di parcheggi nel sottosuolo di area pertinenziale esterna al fabbricato in deroga alle disposizioni degli strumenti urbanistici, è irrilevante che detta area esterna non si trovi in rapporto di immediata contiguità materiale con il fabbricato e sia di proprietà di soggetto diverso dal proprietario dell'immobile nei cui confronti i parcheggi sono destinati a divenire pertinenziali.

Il parcheggio edificato e utilizzato nell'ambito di una ordinaria attività commerciale e non vincolato all'utilizzo da parte dei titolari di unità immobiliari specifiche non ha la pertinenzialità richiesta dall'art. 9 l. 122/1989, neanche qualora vi sia contiguità spaziale con immobili abitati... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...
Se è pur vero che qualunque tipo di parcheggio per autovetture assolve alla medesima funzione di alleviamento del traffico automobilistico, risulta evidente che soltanto per i parcheggi pertinenziali – nei limiti in cui questi si pongono come un obbligo che ha valenza non solo sul piano amministrativo ma anche nei rapporti civili – si pone un regime normativo differenziato, del quale l'operatore giuridico non può non tener conto in sede interpretativa.

Per i parcheggi costruiti in aree non pertinenziali del fabbricato o all'esterno o in superficie non è sufficiente la procedura semplificata, ma è necessario il preventivo rilascio del permesso di costruire, in ragione del loro impatto sull'assetto urbanistico e sull'utilizzazione del territori.

La costruzione di autorimesse o parcheggi destinati a pertinenza di fabbricati esistenti è soggetta ad autorizzazione gratuita, a condizione che nella relativa domanda sia preventivamente indicato il fabbricato servito, di modo che sia immediatamente identificabile il vincolo funzionale previsto per la deroga alla normale sottoposizione al regime concessorio.

OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> PARCHEGGI --> LEGGE TOGNOLI --> P... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ITÀ --> INALIENABILITÀ

I parcheggi costruiti ai sensi dell'art. 9 legge 122/1989 sono soggetti a vincolo di destinazione e a vincolo di inscindibilita dall'unità principale, cioè a utilizzazione vincolata e, al tempo stesso, a circolazione controllata.

Nell'ipotesi in cui il preliminare inadempiuto abbia ad oggetto il trasferimento di parcheggi realizzati ai sensi dell'art. 9 legge 122/1989, il giudice non può pronunciare sentenza che ex art. 2932 c.c. tiene luogo del contratto definitivo, poiché tali parcheggi sono affetti da un vincolo di pertinenzialità e non possono essere alienati separatamente dall'unità immobiliare al cui servizio sono inderogabilmente destinati.

OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> PARCHEGGI --> LEGGE TOGNOLI --> PERTINENZIALITÀ --> LIMITE QUANTITATIVO

L'art. 18 della legge n. 765/1967, nel disporre che "Nelle nuove costruzioni ed anche nelle aree di pertinenza delle costruzioni stesse, devono essere riservati appositi spazi per parcheggi in misura non inferiore ad un metro quadrato per ogni dieci metri cubi di costruzione […]" pone dei limiti "quantitativi", obbligando a fini edificatori, alla osservanza de... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...uale puntualmente indicata (come soglia minima) tra area di pertinenza per parcheggio e volume costruito. Tale scelta, in ragione della finalità urbanistica perseguita determina perciò un duplice corollario: innanzi tutto, che la finalità urbanistica così perseguita può reputarsi in via di principio soddisfatta già con il rispetto della percentuale pertinenziale minima prescritta; e che, pertanto, ogni ulteriore vincolo di destinazione 'qualitativo', deve corrispondere ad un ulteriore e specifico interesse urbanistico, da valutare ed esplicitare caso per caso anche in relazione all'interesse privato al miglior uso e godimento della proprietà immobiliare cui pertiene.

In tema di disciplina legale delle aree destinate a parcheggio, il vincolo di pertinenza ex lege a favore delle unità immobiliari del fabbricato ha carattere limitato e non si estende nemmeno ai parcheggi realizzati in eccedenza rispetto allo spazio minimo richiesto dalla L. 6 agosto 1967, n. 765, art. 18, quand'anche realizzati dallo stesso proprietario - costruttore.

OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> PARCHEGGI --> LEGGE TOGNOLI --> PERTINENZIALITÀ --> MOMENTO RILEVANTE

L'articolo 9 della l... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...zo 1989, n. 122, nel consentire la costruzione di parcheggi, da destinare a pertinenza delle singole unità immobiliari, nel sottosuolo degli immobili o nei locali siti al piano terreno anche in deroga alla vigente disciplina urbanistica, necessariamente fa implicito riferimento ai soli fabbricati già esistenti e non anche le concessioni edilizie rilasciate per realizzare edifici nuovi, per i quali invece provvede l'articolo 2, comma 2, della stessa legge n. 122, il quale stabilisce l'obbligo di riservare appositi spazi per parcheggi in misura non inferiore a 1 mq per ogni 10 mc di costruzione.

Ai fini della legge 122/89, al momento della presentazione della DIA devono soltanto essere individuati o individuabili i fabbricati in favore dei quali potranno successivamente essere costituiti i singoli vincoli con l'atto d'obbligo del costruttore a vendere i parcheggi interrati esclusivamente ai proprietari di appartamenti e locali siti in detti fabbricati e che abbiano i requisiti previsti, nonché di costituire il vincolo tra singoli parcheggi e singoli appartamenti prima della loro utilizzazione o comunque in sede di trasferimento della proprietà.

Il vincolo di pertinenzialità rilevante ai fini della legge 122/89 deve v... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...sere entro il momento della stipula degli atti pubblici di trasferimento in favore di proprietari di immobili dotati dei requisiti previsti.

OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> PARCHEGGI --> LEGGE TOGNOLI --> PERTINENZIALITÀ --> PROSSIMITÀ

Quando il parcheggio e l'unità principale siano distanti diversi chilometri, è da escludersi in radice la sussistenza di quel rapporto di pertinenzialità cha abilita alla realizzazione dell'intervento in deroga agli strumenti urbanistici ed ai regolamenti edilizi ai sensi dell'art. 9 legge 122/1989.

I parcheggi pertinenziali possono essere non solo quelli generalmente localizzati nella stessa unità edilizia che contiene l'unità o le unità immobiliari di cui sono pertinenza ma anche quelli localizzati in altra area o unità edilizia.

Il rapporto di pertinenzialità rilevante ai fini della Legge Tognoli può essere riconosciuto solo nel caso in cui i boxes si trovino in un ragionevole raggio di accessibilità pedonale.

Nel concetto di pertinenzialità è necessariamente insito quello di prossimità.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI