Carrello
Carrello vuoto



Liquidazione d'ufficio degli interessi nell'espropriazione


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE E DI OCCUPAZIONE PER PUBBLICA UTILITÀ - dieci anni di giurisprudenza
anno:2016
pagine: 3597 in formato A4, equivalenti a 6115 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 60,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Il giudice d'appello, chiamato a pronunciarsi sulla liquidazione del danno da illecito (contrattuale od extracontrattuale), ha il potere - dovere di tenere conto dell'ulteriore svalutazione verificatasi dopo la sentenza di primo grado, senza necessità di una specifica richiesta della parte danneggiata.

Gli interessi da indennità d'espropriazione non possono essere liquidati d'ufficio dal Giudice in assenza d'una espressa domanda, né attribuiti con una decorrenza più favorevole di quella indicata dalla parte interessata.

Il giudice di appello deve, anche d'ufficio, tenere conto della svalutazione monetaria verificatasi dopo la pronuncia della sentenza di primo grado, potendo la svalutazione, "medio tempore" intervenuta, essere ricompresa nel "petitum" originario, salva espressa volontà contraria dell'avente diritto.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI