Carrello
Carrello vuoto



Interessi sull'indennità di espropriazione


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE E DI OCCUPAZIONE PER PUBBLICA UTILITÀ - dieci anni di giurisprudenza
anno:2016
pagine: 3597 in formato A4, equivalenti a 6115 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 60,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


In ordine alla decorrenza degli interessi sulla somma dovuta a titolo di indennità di espropriazione ricorre pacifico indirizzo di legittimità a tenore del quale sul debito dell'espropriante relativo all'indennità di espropriazione, costituente obbligazione di valuta, sono dovuti gli interessi legali per il fatto stesso che la relativa somma è rimasta a disposizione dell'espropriante, a prescindere quindi da una sua colposa responsabilità per il ritardo nel pagamento dell'indennità; e tali interessi, aventi natura compensativa, e non moratoria, decorrono coerentemente dal giorno dell'espropriazione, fino alla data dell'effettivo pagamento dell'indennità.

Il debito dell'espropriante di pagare l'indennità (di espropriazione, così come quello relativo all'indennità di occupazione), costituisce un'obbligazione di valuta e sullo stesso sono dovuti - dal giorno della scadenza di ciascun anno di occupazione e fino al giorno dell'adempimento dell'obbligazione principale - e cioè fino al pagamento dell'indennità o al deposito di essa presso la cassa depositi e prestiti - gli interessi legali, di natura compensativa, per il solo fatto che la somma è rimasta a disposizione dell'ente esp... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...d a prescindere da ogni indagine sulla colposa responsabilità per il ritardo nel pagamento.

Gli interessi dovuti sull'indennità di occupazione, aventi natura compensativa e non moratoria, decorrono dal giorno dell'espropriazione (od occupazione), fino alla data dell'effettivo pagamento.

La naturale redditività del danaro ricevuto a titolo di indennità di espropriazione e gli interessi compensativi da esso ricevuti non possono considerarsi come corrispettivo dell'occupazione temporanea, solo per il fatto che eccezionalmente l'indennità di espropriazione è stata pagata prima del provvedimento ablatorio. Nessun danno arrecato al proprietario per l'occupazione può ritenersi infatti reintegrato dalla somma ricevuta per l'espropriazione che, anche se corrisposta prima della emissione del decreto ablatorio e dell'inizio dell'occupazione, è produttiva di interessi, non destinati comunque a reintegrare i danni connessi all'occupazione temporanea.

Sulla somma dovuta a titolo di indennità di espropriazione sono dovuti gli interessi legali per il fatto stesso che essa è rimasta a disposizione dell'espropriante, a prescindere quindi da una sua colposa responsabilità per i... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...el pagamento. Tali interessi, aventi natura compensativa e non moratoria, decorrono coerentemente dal giorno dell'espropriazione, fino alla data dell'effettivo pagamento.

Sul debito dell'espropriante relativo all'indennità di espropriazione (o di occupazione temporanea) costituente obbligazione di valuta, sono dovuti gli interessi legali per il fatto stesso che la relativa somma è rimasta a disposizione dell'espropriante, a prescindere quindi da una sua colposa responsabilità per il ritardo nel pagamento dell'indennità; tali interessi, aventi natura compensativa, e non moratoria, decorrono coerentemente dal giorno dell'espropriazione, fino alla data dell'effettivo pagamento dell'indennità.

Della indennità dovuta al proprietario fa parte integrante l'importo corrispondente alla diminuzione di valore del fondo cosicché spettano al proprietario gli interessi anche per la relativa quota, calcolati per ciascun anno della occupazione medesima.

L'indennità di espropriazione è debito di valuta, su cui sono dovuti gli interessi legali, di natura compensativa, fino al giorno del pagamento o del deposito presso la Cassa Depositi e Prestiti.

Il debito concernente l'ind... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...e; di espropriazione, così come quello relativo all'indennità di occupazione, costituisce un'obbligazione di valuta; sullo stesso sono dovuti dal giorno dell'espropriazione e fino al pagamento o al deposito di essa presso la cassa depositi e prestiti, gli interessi legali, di natura compensativa, per il solo fatto che la somma è rimasta a disposizione dell'ente espropriante e a prescindere da ogni indagine sulla colposa responsabilità per il ritardo nel pagamento.

I crediti indennitari hanno natura di debito di valuta, trattandosi di obbligazione pecuniaria tale sin dall'origine e quindi soggetta al principio nominalistico. Ai sensi dell'art. 1282 c.c., sulle somme liquidate a suddetto titolo con riferimento al momento del decreto di espropriazione, decorrono gli interessi al tasso di legge dalla data dello stesso decreto. Gli interessi compensativi sono infatti dovuti sulle somme rimaste a disposizione dell'espropriante e non pagate all'avente diritto fino al momento del saldo.

In rapporto al credito indennitario non può parlarsi, quali accessori del credito stesso, di interessi corrispettivi da mancato godimento del bene espropriato; questo è semmai oggetto di reintegrazione con l'indennità ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...one. Ne consegue il diritto agli interessi meramente compensativi del ritardo nel pagamento della somma non pagata tempestivamente.

Sul debito dell'espropriante relativo all'indennità di espropriazione, costituente obbligazione di valuta, sono dovuti gli interessi legali per il fatto stesso che la relativa somma è rimasta a disposizione dell'espropriante, a prescindere quindi da una sua colposa responsabilità per il ritardo nel pagamento dell'indennità.

Gli interessi dovuti sull'indennità di espropriazione hanno natura compensativa, e non moratoria; gli stessi decorrono dal giorno dell'espropriazione, fino alla data dell'effettivo pagamento.

Sulla somma liquidata in sede giudiziale a titolo di indennità di espropriazione spettano, dal giorno dell'espropriazione, gli interessi legali, i quali, avendo natura compensativa, competono per il solo fatto che la relativa somma è rimasta a disposizione dell'ente espropriante (ed a prescindere quindi da una sua colposa responsabilità per il ritardo nel pagamento dell'indennità).

Qualora l'espropriante non provveda ad effettuare il deposito della indennità amministrativamente liquidata o vi provveda in manie... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...iente o in ritardo, sono dovuti, dal giorno dell'espropriazione e fino al giorno dell'adempimento dell'obbligazione principale, gli interessi legali (di natura compensativa) per il solo fatto che la somma è rimasta a disposizione dell'ente espropriante, a prescindere da ogni indagine sulla colposa responsabilità per il ritardo nel pagamento.

Il debito dell'indennità di espropriazione costituisce un'obbligazione di valuta e sullo stesso sono dovuti, dal giorno dell'espropriazione (o della cessione volontaria), gli interessi legali (e sull'occupazione, dalle singole scadenze annuali), di natura compensativa, per il solo fatto che la relativa somma è rimasta a disposizione dell'ente espropriante, a prescindere da una sua colposa responsabilità per il ritardo nel pagamento.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI