Carrello
Carrello vuoto



Prescrizione dell'indennità di esproprio

 PRESCRIZIONE
 DEROGABILITÀ
 INTERRUZIONE
 NUOVI CRITERI INDENNITARI
 SOSPENSIONE

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE E DI OCCUPAZIONE PER PUBBLICA UTILITÀ - dieci anni di giurisprudenza
anno:2016
pagine: 3597 in formato A4, equivalenti a 6115 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 60,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


INDENNITÀ DI ESPROPRIO --> PRESCRIZIONE

In caso di compiuto decorso del termine di trenta giorni dall'inserzione dell'avviso del deposito della relazione dell'ufficio tecnico erariale nel foglio degli annunci legali della provincia (L. n. 865 del 1971, art. 19), l'azione oppositiva dell'espropriato resta preclusa per effetto della decadenza che si sovrappone (consumandola) alla prescrizione; ove invece, per il mancato compimento dell'atto che ne segna il "dies a quo" quel termine di decadenza non inizi neppure a decorrere, l'azione (esercitabile anche prima e indipendentemente dal deposito della indennità), resta proponibile per l'intera durata della prescrizione decennale (a far tempo dall'emanazione del provvedimento ablatorio).

L'azione dell'espropriato per la determinazione dell'indennità di esproprio è soggetta all'ordinario termine decennale di prescrizione, decorrente dalla data di adozione del decreto di esproprio, momento nel quale al diritto di proprietà sul bene si sostituisce il diritto dell'espropriato ad una somma di denaro che ne rappresenta il controvalore.

Il termine di decadenza ex L. n. 865 del 1971, ex art. 19 e il termine di prescrizione sono l'uno all'altro alternati... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...mulativo, potendo il primo operare soltanto ove sia stata depositata e notificata la relazione della Commissione provinciale sulla misura definitiva dell'indennità. Ove sia mancato il deposito della relazione dell'apposita commissione sulla misura definitiva dell'indennità, ed evidentemente ove sia mancata la notifica dell'indennità definitiva, il diritto alla determinazione della giusta indennità è soggetto alla sola prescrizione decennale, il cui corso ha inizio con l'adozione del decreto di esproprio, anche indipendentemente dalla notifica di quest'ultimo.

La mancata notifica dell'indennità definitiva non configura l'illegittimità della procedura espropriativa. L'unica conseguenza sarà la proponibilità della domanda di determinazione indennitaria (anche per le indennità aggiuntive del coltivatore diretto), nel termine ordinario di prescrizione. Tale termine decorre dalla data del decreto di esproprio, o comunque dalla data in cui la procedura espropriativa ha avuto rituale conclusione, per effetto della cessione volontaria da parte del proprietario.

Il sistema di cui alla L. n. 865 del 1971, art. 19 è stato dichiarato incostituzionale dalla nota decisione 67 del 1990 del... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...stituzionale, che ha di fatto attribuito al soggetto espropriato il diritto di agire in via autonoma per conseguire l'indennità di espropriazione, anche se la stima amministrativa non sia stata effettuata, quando sia stato emesso il decreto di esproprio, fermo rimanendo il termine di prescrizione decennale per fare valere siffatto diritto, decorrente anche in applicazione ai principi stabiliti dalla Corte EDU, dalla data di pubblicazione della menzionata decisione della Corte Costituzionale.

Il deposito delle somme dovute presso la Cassa DD. PP. esprimono il riconoscimento del debito come presupposto per consentire validamente il trasferimento delle somme nella sfera giuridico patrimoniale del destinatario, senza risolversi altrimenti in un pagamento indebito: sicché il valore di atto di rinuncia ad avvalersi della prescrizione si pone come effetto giuridico preliminare altrimenti necessario per consentire al deposito di produrre gli effetti finali che gli sono tipicamente attribuiti.

Ove sia stata soltanto offerta dall'espropriante l'indennità provvisoria, all'espropriando è consentito chiedere la determinazione giudiziale del giusto indennizzo nel termine prescrizionale di 10 anni decorrente dalla data del decreto di es... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...indipendentemente dalla determinazione amministrativa della medesima indennità o dal compimento degli adempimenti pubblicitari previsti dagli artt. 15 e 19 L. n. 865/71.

Il diritto ad ottenere il pagamento dell'indennità d'occupazione legittima e d'espropriazione, è soggetto al termine di prescrizione decennale e decorre nel primo caso dalla data d'inizio dell'occupazione nell'altro dalla data del decreto d'esproprio.

Il diritto all'indennità aggiuntiva sorge solo dopo la determinazione del prezzo della cessione ovvero dell'indennità di espropriazione, somma su cui di regola si commisura quanto spetta al mezzadro coltivatore e ai suoi eredi; ne consegue che solo dalla data dell'atto acquisitivo del bene può decorrere la prescrizione del credito divenuto con la cessione liquido ed esigibile.

Per le indennità aggiuntive ex art. 17 L. n. 865/1971 opera la prescrizione decennale.

Alla stregua della declaratoria di parziale illegittimità della L. n. 865/1971 artt. 19 e 20, di cui alle sentenze della Corte Costituzionale nn. 67 e 470 del 1990, le azioni dalle citate norme accordate, per la determinazione giudiziale delle indennità di espropriazione e di occupazion... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...eribili nel termine di prescrizione decennale, anche in mancanza della stima in sede amministrativa di tali indennizzi.

Il diritto all'indennizzo è soggetto alla prescrizione ordinaria decennale.

Il proprietario effettivo, non notiziato del decreto di esproprio emesso nei confronti del proprietario catastale, è legittimato a domandare giudizialmente la determinazione dell'indennità di espropriazione nel termine decennale di prescrizione, non essendo incorso in alcuna decadenza correlata all'avvenuto decorso del termine di trenta giorni dalla notifica dell'atto di esproprio.

La data di decorrenza della prescrizione decennale del diritto alla rideterminazione giudiziale dell'indennità, il cui esercizio in sede giudiziaria costituisce rimedio alternativo rispetto all'opposizione alla stima, va individuata nella data di emanazione del decreto di esproprio, momento nel quale al diritto di proprietà sul bene si sostituisce il diritto dell'espropriato ad una somma di denaro che ne rappresenta il controvalore.

L'azione dell'espropriato per la rideterminazione dell'indennità di esproprio calcolata in base ai criteri indennitari precedenti a quelli di cui alla L. n. 385/1980, dichiarati i... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...nali con la sentenza della Corte costituzionale n. 223/1983, rimane soggetta all'ordinario termine decennale di prescrizione decorrente dalla data del decreto di esproprio emanato in epoca antecedente alla suddetta normativa, risultando dunque inconferente in suddetta fattispecie l'orientamento giurisprudenziale, secondo cui la decorrenza del termine prescrizionale va posta in epoca corrispondente a quella di pubblicazione sulla gazzetta ufficiale di detta pronuncia.

La mancata notifica del decreto di esproprio al proprietario effettivo, non impedisce a quest'ultimo di agire autonomamente, nel termine di prescrizione decennale dalla pronuncia dello stesso decreto, per la determinazione dell'indennità afferente alla proprietà da lui acquisita e successivamente espropriata.

Nel caso di pregiudizio discendente dalla realizzazione di viadotto, il momento iniziale del termine di prescrizione del diritto non può identificarsi nel completamento della costruzione dell'opera poiché tale pregiudizio si consuma solo quando si genera una notevole diminuzione delle facoltà del diritto di proprietà; solo in tale momento il danneggiato ha una piena conoscenza dell'entità del pregiudizio indennizzabile e può a... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...dizio a tutela del suo diritto.

Il credito indennitario ha ad oggetto il ristoro del pregiudizio derivante da atto lecito ed è soggetto all'ordinaria prescrizione decennale a differenza del credito risarcitorio nascente da atto illecito, sottoposto a prescrizione quinquennale.

INDENNITÀ DI ESPROPRIO --> PRESCRIZIONE --> DEROGABILITÀ

La cessione volontaria del bene assoggettato ad espropriazione per pubblica utilità integra un contratto ad oggetto pubblico, in cui il prezzo si correla in modo vincolato ai parametri legali di determinazione dell'indennità espropriativa, secondo la normativa vigente al momento della procedura ablativa; ciò vale anche per il particolare profilo dell'esigibilità del credito.

INDENNITÀ DI ESPROPRIO --> PRESCRIZIONE --> INTERRUZIONE

In ipotesi di condanna dell'amministrazione al deposito dell'indennità presso la Cassa Depositi e Prestiti, non potendo il creditore pretendere il pagamento nelle proprie mani, l'interruzione della prescrizione del diritto a ricevere le somme, può derivare dall'atto con cui l'amministrazione è sollecitata a disporre il versamento presso la Cassa; ciò in qu... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...e fattispecie le istanze o sollecitazioni di attivazione del sub-procedimento di deposito da cui consegue l'estinzione del credito, sostituiscono la richiesta di un pagamento che non si può direttamente conseguire.

Le domande di risarcimento del danno per la perdita della proprietà dei fondi non ha effetto interruttivo della prescrizione del diritto all'indennità di esproprio; ciò in quanto non ogni domanda ha effetto interruttivo, ma solo quella con cui l'attore chiede il riconoscimento e la tutela giuridica del diritto del quale si è eccepita la prescrizione.

In ipotesi in cui l'ente delegato o affidatario o concessionario agisca per l'esecuzione dell'opera non in rappresentanza del concedente, ma per competenza propria e spendendo il proprio nome, esercitando un potere ad esso conferito da altro ente, non può valere ad interrompere la prescrizione del credito indennitario verso il medesimo soggetto, una richiesta di pagamento rivolta verso l'ente delegante o concedente, trovando applicazione il principio che l'atto di costituzione in mora ai sensi dell'art. 1219 cod. civ., per produrre i suoi effetti, deve essere indirizzato al suo legittimo destinatario.

Il riconoscimento del diritto all'i... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ilevante ai fini dell'interruzione della prescrizione, deve necessariamente provenire dagli organi rappresentativi dell'amministrazione o da quelli cui è istituzionalmente devoluta la formazione della sua volontà; non è attribuibile tale effetto alle comunicazioni provenienti da altri soggetti (nel caso di specie tecnici comunali).

INDENNITÀ DI ESPROPRIO --> PRESCRIZIONE --> NUOVI CRITERI INDENNITARI

Il diritto al corrispettivo della cessione volontaria, così come il diritto all'indennità di espropriazione, resta unico nonostante il variare del criterio stabilito dalla legge per la determinazione del suo ammontare, perché immutato è il titolo da cui trae origine, ossia l'atto di cessione o il decreto di espropriazione. Non comportando l'introduzione di una nuova disciplina in materia di indennità di esproprio il sorgere di un nuovo diritto all'indennità, è da escludersi la decorrenza di un nuovo termine di prescrizione.

INDENNITÀ DI ESPROPRIO --> PRESCRIZIONE --> SOSPENSIONE

La mera allegazione di un'omissione della notifica del decreto di esproprio e della pubblicità ad esso relativa non vale a configurare il comporta... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...olento del debitore richiesto dall'art. 2941 c.c., n. 8.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI