Carrello
Carrello vuoto



Indennità di occupazione in caso di esproprio di cava

Non essendo configurabile la produzione di reddito in periodi e per causa diversi dall’utilizzo della cava, i quali già concorrono a determinare l'indennità di esproprio, è da escludere un ulteriore indennizzo a titolo di indennità di occupazione legittima.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE E DI OCCUPAZIONE PER PUBBLICA UTILITÀ - dieci anni di giurisprudenza
anno:2016
pagine: 3597 in formato A4, equivalenti a 6115 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 60,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


In ipotesi di terreno destinato a cava indennizzato secondo il criterio dell'attività estrattiva, nulla spetta a titolo di indennità di occupazione che, in caso fosse riconosciuta, costituirebbe una duplicazione dell'indennizzo; il mancato sfruttamento della cava è già valutato nella liquidazione della indennità di esproprio. Se, infatti, il reddito prodotto e producibile sino all'estinzione del rapporto od all'esaurimento (materiale ed economico), della cava rappresenta l'indennità di espropriazione, è di tutta evidenza che l'attribuzione del controvalore del reddito mancato negli anni di occupazione legittima sarebbe indebita duplicazione del ristoro.

In tema di determinazione dell'indennità di esproprio di un terreno destinato a cava occorre fare riferimento alla L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39, e, pertanto, al valore venale del bene che, nella specie, va ragguagliato al parametro del materiale complessivamente estraibile dalla cava sino al suo esaurimento. Trattasi di criterio omnicomprensivo, che non è compatibile con la liquidazione, in favore dell'espropriato, di una ulteriore indennità per l'occupazione della cava, con la funzione di indennizzarlo della privazione del godimento del be... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...del procedimento di esproprio e della mancata percezione dei frutti nel corso dell'occupazione medesima, in quanto si tradurrebbe in una ingiustificata duplicazione della medesima indennità di espropriazione.

Quando oggetto dell'espropriazione siano terreni destinati a cava - e quindi entità fruibili direttamente in termini di appropriazione materiale, non reversibile né rinnovabile, in un contesto che sfugge alla logica che presiede alla valutazione delle aree, distinguendole tra suoli agricoli e suoli edificatori - la determinazione della relativa indennità richiede il riferimento alla L. n. 2359 del 1865, art. 39, e, quindi, al valore venale del bene. In tale prospettiva l'indennità di espropriazione va ragguagliata al parametro del materiale complessivamente estraibile dalla cava sino al suo esaurimento materiale o economico. E' chiaro, quindi, che un tale criterio di liquidazione dell'indennità di espropriazione non lascia spazio per la liquidazione di una indennità di occupazione, con la funzione di indennizzare l'espropriato della privazione del godimento del bene oggetto del procedimento di esproprio e della mancata percezione dei frutti durante l'occupazione medesima.

L'eventuale godimento de... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...n ne lascia inalterata la consistenza, ma la esaurisce parzialmente, diminuendone il valore venale ai fini dell'indennità di espropriazione. Ne consegue che la liquidazione del valore venale con riferimento al valore dei materiali estraibili e l'inconfigurabilità di un reddito in periodi e per causa ulteriori rispetto a quelli già considerati non consentono, a pena di una ingiustificata duplicazione, un ulteriore indennizzo a titolo di indennità di occupazione legittima.

Ove il terreno sia utilizzato come cava e l'indennità di espropriazione sia parametrata al valore dell'intero materiale estraibile, nessun'altra indennità può essere attribuita al proprietario, altrimenti conseguendosi l'effetto di duplicare in tutto o in parte il valore suddetto; neppure l'indennità di occupazione può essere determinata in base al valore del suolo, avendo lo stesso proprietario privilegiato quello più vantaggioso del valore dei prodotti della cava, altrimenti liquidandosi due distinte indennità per lo stesso immobile.

Quando oggetto dell'espropriazione siano terreni destinati a cava, la liquidazione del valore venale con riferimento al valore dei materiali estraibili fino al suo esauriment... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ntono, a pena di una ingiustificata duplicazione, un ulteriore indennizzo a titolo di indennità di occupazione legittima,con la funzione di indennizzare l'espropriato della privazione del godimento.

Qualora la valutazione di un immobile contenente una cava o un giacimento sia stata compiuta in base al reddito prodotto e producibile sino all'estinzione del rapporto o all'esaurimento (materiale od economico), non sussistono perdite ulteriori indennizzabili neppure nel tempo e non è quindi configurabile neanche quello a conseguire l'indennità di occupazione temporanea, avendo questa proprio la funzione di indennizzare l'espropriato della privazione del godimento del bene oggetto del procedimento di esproprio e della mancata percezione dei frutti per tutta la durata della sua indisponibilità da parte del proprietario.

Non essendo configurabile la produzione di reddito in periodi e per causa diversi dall'utilizzo della cava, i quali già concorrono a determinare l'indennità di esproprio, è da escludere un ulteriore indennizzo a titolo di indennità di occupazione legittima.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI