Carrello
Carrello vuoto



Giurisdizione in materia di distanze tra le costruzioni

Le controversie tra vicini su questioni relative all'osservanza di norme che prescrivano distanze tra le costruzioni o rispetto ai confini, appartengono alla giurisdizione del G.O., essendo anche a tale materia applicabile il principio secondo il quale nei rapporti tra privati non si pone una questione di giurisdizione, essendo la posizione di interesse legittimo prospettabile solo in rapporto all'esercizio del potere della P.A. che, invece, in tali controversie non è parte in causa

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DELLE DISTANZE
anno:2017
pagine: 2838 in formato A4, equivalenti a 4825 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Nelle controversie relative al rispetto delle distanze legali tra costruzioni, la giurisdizione del giudice ordinario presuppone il fatto che la lite dedotta in sede giurisdizionale si svolga tra privati, mentre qualora la controversia sia insorta tra il privato e l'Amministrazione, per avere il primo impugnato la concessione edilizia del vicino al fine di ottenerne l'annullamento, o chiesto l'accertamento della illegittimità dell'inerzia comunale, la giurisdizione spetta al giudice amministrativo.

Le controversie tra vicini aventi ad oggetto questioni relative all'osservanza di norme che prescrivano distanze tra le costruzioni o rispetto ai confini, appartengono alla giurisdizione del G.O., essendo anche a tale materia applicabile il principio secondo il quale nei rapporti tra privati non si pone una questione di giurisdizione, essendo la posizione di interesse legittimo prospettabile solo in rapporto all'esercizio del potere della P.A. che, invece, in tali controversie non è parte in causa. Né rileva l'avvenuto rilascio di concessione edilizia, atteso che il G.O. può incidentalmente accertare l'eventuale illegittimità della concessione edilizia medesima, onde disapplicarla; mentre la giurisdizione del G.A. è al riguardo c... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...e allorché la controversia sia insorta tra il privato e la P.A., per avere il primo impugnato detta concessione al fine di ottenerne l'annullamento nei confronti della seconda.

Sussistono nel nostro ordinamento ipotesi di doppia tutela in relazione a possibili violazioni della disciplina vigente in materia di distacco delle costruzioni dai confini del fondo ovvero da altre costruzioni, a seconda che si agisca nei riguardi del confinante ovvero nei confronti della P.A. che ha rilasciato il titolo edilizio, ben potendo le azioni stesse coesistere e ben potendo il titolare dell'interesse qualificato alla legittimità dell'azione amministrativa ottenere, comunque, dal G.A. l'annullamento del titolo edilizio reputato illegittimo, anche a prescindere dalla sua eventuale disapplicazione da parte del G.O. concomitantemente adito.

In tema di distanze legali, la giurisdizione del giudice amministrativo è configurabile allorché la controversia sia insorta tra il privato e la pubblica amministrazione, per avere il primo impugnato la concessione edilizia al fine di ottenerne l'annullamento nei confronti della seconda.

Nell'ipotesi di controversie relative al rispetto delle distanze legali tra costruzioni, la giurisdizion... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ce ordinario postula che la lite si svolga tra privati, l'uno dei quali pretenda la reintegrazione del suo diritto che assume leso dalla costruzione eseguita dal proprietario finitimo in violazione delle norme legislative o regolamentari in materia di distanze, potendo, in tal caso, il Giudice ordinario accertare, "incidenter tantum", l'eventuale illegittimità della concessione edilizia al fine di disapplicarla.

Nel caso in cui sia dedotta la violazione della normativa in tema di distanze legali, la giurisdizione è del G.A. soltanto qualora la controversia sia insorta tra il privato e la pubblica amministrazione, per avere il primo impugnato detta concessione al fine di ottenerne l'annullamento nei confronti della seconda.

Le controversie tra proprietari di fabbricati vicini aventi ad oggetto questioni relative all'osservanza di norme che prescrivano distanze tra le costruzioni o rispetto ai confini appartengono alla giurisdizione del giudice ordinario.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI