Carrello
Carrello vuoto



Litisconsorzio tra comproprietari in caso di violazione delle distanze legali


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DELLE DISTANZE
anno:2017
pagine: 2838 in formato A4, equivalenti a 4825 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


La domanda di demolizione va proposta nei confronti di tutti i comproprietari trattandosi di azione reale per evitare che la sentenza sia inutiliter data, ma il principio non si applica nel caso in cui plurimi soggetti siano interessati ad ottenere la demolizione potendo costoro agire individualmente.

La domanda di demolizione di immobile costruito in violazione di distanze legali su fondo di comune proprietà dei coniugi va notificata ad entrambi i coniugi, che sono litisconsorti necessari.

Il principio imponente la partecipazione al giudizio, diretto alla demolizione totale o parziale di un fabbricato insistente su un fondo di proprietà comune di due coniugi, si applica comunque, sia in ipotesi di comunione ordinaria, sia in quella di comunione legale.

Nel giudizio promosso al fine di conseguire la rimozione di una costruzione che si affermi realizzata in violazione delle norme sulle distanze legali tra fondi finitimi, tutti i comproprietari del fondo sui cui l'opera insiste sono litisconsorti necessari, in quanto la eventuale sentenza di condanna ad un "facere", resa nei confronti di alcuni soltanto di essi sarebbe "inutiliter data", perché non eseguibile nei confronti degli altri, con la cons... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ..., ove nel giudizio sia mancata l'integrazione del contraddittorio nei confronti degli interessati, la sentenza è viziata da nullità.

L'azione diretta ad ottenere l'arretramento della costruzione eseguita in violazione delle distanze legali deve essere dunque proposta nei confronti di tutti i proprietari dell'opera perché, incidendo la condanna all'abbattimento sull'esistenza dell'oggetto, e quindi necessariamente sulla comproprietà, e non essendo configurabile la riduzione in pristino rispetto alla quota ideale del soggetto convenuto in giudizio, la sentenza che pronuncia la condanna alla demolizione di corpi di fabbrica posti a distanza illegale nei suoi soli confronti è "inutiliter data".



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI