Carrello
Carrello vuoto



Destinatari dei provvedimenti di autotutela in caso di abusi demaniali


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:ABUSI SU BENI DEMANIALI - giurisprudenza sistematica 2009-2015
anno:2016
pagine: 763 in formato A4, equivalenti a 1297 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 30,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


L'ordine di sgombero ex art. 823 c.c. ha ad oggetto tutte le opere materiali "abusivamente installate" dal privato, il quale è perciò stesso destinatario anche del conseguente ordine di ripristino dello status quo ante, a prescindere dalla qualificabilità astratta di esse, ai sensi della normativa urbanistica, quali opere "edilizie" necessitanti di specifico titolo abilitativo.

L'acquirente ed utilizzatore uti dominus da lungo tempo degli abusi su suolo demaniale non può credibilmente ritenersi e dichiararsi estraneo ad essi, per cui è legittima l'ordinanza di demolizione che individua in capo a lui la legittimazione passiva.

L'ordine di procedere alla riduzione in pristino delle opere abusivamente realizzate nell'alveo di fiumi e torrenti, si pone, secondo la logica ripristinatoria che sorregge la disciplina a tutela dell'integrità della proprietà sia pubblica che privata, come una sorta di sanzione reale, ai sensi dell'art. 2058 c.c., per consentire la restituzione dell'area in questione alla sua destinazione pubblica originaria, sanzione quindi irrogata a colui che ha consumato, o versa attualmente, in una situazione di illecito possesso.

È apodittica la contestazione della dem... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ave; dell'area se operata dall'avente causa dal destinatario di una precedente ordinanza di sgombero e senza tener conto di questa circostanza.

Il soggetto utilizzatore dell'opera abusiva, realizzata sul demanio marittimo e finalizzata al miglior godimento della sua proprietà, é responsabile di fronte alle autorità competenti, a nulla rilevando che tale opera non sia stata da lui realizzata e non sia di sua proprietà.

Il provvedimento di demolizione ai sensi dell'art. 54 c.nav., che non abbisogna di motivazione in ordine alle opere realizzate sul pubblico demanio marittimo, è destinato anche a chi utilizza le opere costruite da altri.

Il frontista non può essere destinatario dell'ordinanza di demolizione di opere realizzate sul demanio marittimo delle quali non è un utilizzatore esclusivo.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI