Carrello
Carrello vuoto

  • HOME
  • giudizio, processo
  • Costituzionalità della cognizione non convertibile nella determinazione giudiziale dell'indennità d'esproprio


Costituzionalità della cognizione non convertibile nella determinazione giudiziale dell'indennità d'esproprio


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:DETERMINAZIONE GIUDIZIALE DELL'INDENNITÀ DI ESPROPRIO
anno:2018
pagine: 978 in formato A4, equivalenti a 1663 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 30,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


In relazione ai parametri costituzionali oggetto della decisione n. n. 10 del 2013, va dichiarata inammissibile la questione di legittimità costituzionale degli artt. 29 e 34, comma 37, del decreto legislativo n. 150 del 2011 nella parte in cui, sostituendo il comma 1 ed abrogando i commi 2, 3 e 4 dell'art. 54 del d.P.R. 8 giugno 2001, n. 327 prevede che le controversie aventi ad oggetto l'opposizione alla stima di cui al comma 1 dello stesso art. 54 devono essere introdotte, trattate e decise secondo le forme del rito sommario di cognizione non convertibile di cui all'art. 3 del d.lgs. n. 150 del 2011 ed agli artt. 702-bis e 702-ter del codice di procedura civile.

Il procedimento di opposizione alla stima ex art. 54 DPR 327/2001 si caratterizza per una serie di indubbie peculiarità, sicché non può ritenersi escluso dalla previsione della norma di delega di cui alla L. 69/2009 che indica quale oggetto della delega, nel comma 1 e nel comma 4, lettera b) dell'art. 54, i procedimenti civili disciplinati dalla «legislazione speciale», senza aggiungere l'ulteriore criterio relativo al modello processuale; la questione di legittimità costituzionale prospettata in riferimento ad un presunto eccesso di delega del combinato dis... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... articoli 29 e 34, comma 37, del decreto legislativo 1° settembre 2011, n. 150 è, pertanto, manifestamente infondata.

E' inammissibile la questione di legittimità costituzionale sollevata in riferimento agli artt. 3 e 29 del decreto legislativo 1° settembre 2011, n. 150 che introducono il procedimento sommario di cognizione non convertibile per i giudizi di opposizione alla stima ex art. 54 DPR 327/2001; con specifico riferimento all'art. 97 Costituzione, il richiamo operato al principio di buon andamento dell'amministrazione risulta inconferente, dovendosi affermare l'estraneità di tale principio all'esercizio della funzione giurisdizionale.

Nella disciplina degli istituti processuali vige il principio della discrezionalità e insindacabilità delle scelte operate dal legislatore, nel limite della loro non manifesta irragionevolezza. Deve escludersi che la scelta operata dagli artt. 3 e 29 del D.LGS. n. 150/2011 di trattare con il procedimento sommario di cognizione non convertibile le controversie di opposizione alla stima ex art. 54 DPR 327/2001, sia manifestamente irragionevole, ponendosi invece, come emerge dai lavori preparatori, nell'ambito di un chiaro disegno riformatore, orientato alla semplificazio... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...edimenti civili in esame. Anche se esaminata sotto questo profilo la questione è quindi inammissibile.

Con riferimento alla possibilità di prevedere altri riti, da parte del legislatore, accanto a quello ordinario, la Costituzione non impone un modello vincolante di processo, dovendosi affermare la piena compatibilità costituzionale della opzione del legislatore processuale, giustificata da comprensibili esigenze di speditezza e semplificazione, per il rito camerale, anche in relazione a controversie coinvolgenti la titolarità di diritti soggettivi. La scelta operata dagli artt. 3 e 29 del D.LGS. n. 150/2011 di trattare con il procedimento sommario di cognizione non convertibile le controversie di opposizione alla stima ex art. 54 DPR 327/2001, risulta motivata dalla relativa semplicità degli adempimenti istruttori richiesti in questo tipo di cause.

E' inammissibile la questione di legittimità costituzionale degli artt. 3 e 29 del decreto legislativo 1° settembre 2011, n. 150, sollevata, in riferimento agli artt. 3, 24, 97 e 111 della Costituzione, per non essersi il giudice remittente fatto carico di individuare una possibile interpretazione delle norme censurate idonea a superare i dubbi di costituzion... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...;, in ossequio al principio, costantemente affermato dalla Corte, secondo il quale una disposizione di legge può essere dichiarata costituzionalmente illegittima solo quando non sia possibile attribuirle un significato che la renda conforme a Costituzione.

Criticabile sotto il profilo della legittimità costituzionale pare la scelta attuata con il comb. disp. degli artt. 29 e 34, co. 37, del d.lgs. n. 150/2011, di sottoporre le controversie di cui all'art. 54 del d.P.R. n. 327/2001 (onnicomprensivamente definite «di opposizione alla stima» dallo stesso art. 29 del d.lgs. n. 150/2011), al nuovo rito sommario di cognizione non convertibile. I «procedimenti» aventi ad oggetto tali controversie, non sono invero connotati da «prevalenti caratteri di semplificazione della trattazione o dell'istruzione della causa» che il legislatore delegante aveva individuato come criterio di individuazione dei procedimenti da "ricondurre" al rito sommario di cognizione, la loro trattazione e la loro istruzione dovendo seguire le normali forme dell'ordinario rito di cognizione.

Anche qualora dovesse ritenersi che i «prevalenti caratteri di semplificazione della trattazione o dell'istruzione della causa», che il... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...e delegante con legge n. 69 del 2009, aveva individuato come criterio di individuazione dei procedimenti da "ricondurre" al rito sommario di cognizione, andavano riferiti non già ai «procedimenti», bensì ai "giudizi", cioè al tipo di controversie, che ne erano oggetto, criticabile sotto il profilo della legittimità costituzionale pare la scelta attuata con il comb. disp. degli artt. 29 e 34, co. 37, del d.lgs. n. 150/2011, di sottoporre le controversie di cui all'art. 54 del d.P.R. n. 327/2001 al nuovo rito sommario di cognizione non convertibile, non essendo tali "giudizi" connotati dalla semplicità della loro trattazione ed istruzione.

Considerato che, sulla base del comb. disp. dell'art. 3 del d.lgs. n.150/2011 e 702-ter c.p.c., la decisione adottata dalla corte d'appello non è appellabile, ma impugnabile solo mediante un ricorso per cassazione per violazione di legge ai sensi del comb. disp. degli artt. 360 c.p.c. e 111, co. 7, Cost., emerge il non infondato dubbio che la scelta del legislatore di "ricondurre" i procedimenti aventi ad oggetto le controversie di cui all'art. 54 del d.P.R. 327/2001,nell'alveo del procedimento sommario di cognizione non convertibile sia in contrasto, oltre che con l'art. 77, c... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ..., anche con gli artt. 3, 24, co. 1 e 2, e 111, co. 1, Cost., comportando una compressione del diritto di difesa irragionevole poiché, non solo non giustificata, ma addirittura sconsigliata dalle oggettive peculiarità di tali controversie o almeno della più parte di esse.

E' rilevante e non manifestamente infondata la questione concernente la legittimità costituzionale - per contrasto con gli artt. 77, co. 1, 3, 24, co. 1 e 2, e 111, co. 1, della Costituzione - del comb. disp. degli artt. 29 e 34, co. 37, del d. lgs. n. 150/2011, nella parte in cui, sostituendo il comma 1 ed abrogando i commi 2, 3 e 4 dell'art. 54 del DPR n. 327/2001, prevede che le controversie aventi ad oggetto l'opposizione alla stima di cui al comma 1 dello stesso art. 54 devono essere introdotte, trattate e decise secondo le forme del rito sommario di cognizione risultanti dal comb. disp. dell'art. 3 del decreto legislativo 1° settembre 2011, n. 150, e degli artt. 702-bis e 702-ter del codice di procedura civile.

La scelta operata dagli artt. 29 e 34, comma 37, del d.lgs. n. 150/2011 di "ricondurre" i procedimenti aventi ad oggetto le controversie di cui all'art. 54, comma 1, del d.P.R. n. 327/2001 al nuovo rito sommario di cognizione "non convert... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ltante dal comb. disp. dell'art. 3 del d.lgs. n. 150/2011 e degli artt. 702-bis e 702-ter c.p.c., pare andare ben oltre i limiti fissati dalla delega conferita con l'art. 54 della L. 69/2009, ed essere pertanto in contrasto con l'art. 77, co. 1, Cost., essendo quelli di cui al cit. art. 54 procedimenti non già disciplinati dalla legislazione speciale secondo un rito speciale, cui si riferiva la legge delega, bensì procedimenti sì previsti dalla legislazione speciale, ma da questa non regolati, tanto meno "autonomamente"e, salve alcune particolarità, integralmente assoggettati al rito ordinario di cognizione.

Criticabile sotto il profilo della legittimità costituzionale pare la scelta attuata con il comb. disp. degli artt. 29 e 34, co. 37, del d.lgs. n. 150/2011, di sottoporre le controversie di cui all'art. 54 del d.P.R. n. 327/2001 (onnicomprensivamente definite «di opposizione alla stima» dallo stesso art. 29 del d.lgs. n. 150/2011) al nuovo rito sommario di cognizione non convertibile. I «procedimenti» aventi ad oggetto tali controversie, non sono invero connotati da «prevalenti caratteri di semplificazione della trattazione o dell'istruzione della causa» che il legislatore delegante aveva i... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...come criterio di individuazione dei procedimenti da "ricondurre" al rito sommario di cognizione, la loro trattazione e la loro istruzione dovendo seguire le normali forme dell'ordinario rito di cognizione.

Anche qualora dovesse ritenersi che i «prevalenti caratteri di semplificazione della trattazione o dell'istruzione della causa» che il legislatore delegante con legge n. 69 del 2009, aveva individuato come criterio di individuazione dei procedimenti da "ricondurre" al rito sommario di cognizione, andavano riferiti non già ai «procedimenti», bensì ai "giudizi", cioè al tipo di controversie, che ne erano oggetto, criticabile sotto il profilo della legittimità costituzionale pare la scelta attuata con il comb. disp. degli artt. 29 e 34, co. 37, del d.lgs. n. 150/2011, di sottoporre le controversie di cui all'art. 54 del d.P.R. n. 327/ 2001 al nuovo rito sommario di cognizione non convertibile, non essendo tali "giudizi" connotati dalla semplicità della loro trattazione ed istruzione.

Considerato che, sulla base del comb. disp. dell'art. 3 del d.lgs. n. 150/2011 e 702-ter c.p.c., la decisione adottata dalla corte d'appello non è appellabile, ma impugnabile solo mediante un ricorso per c... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...er violazione di legge ai sensi del comb. disp. degli artt. 360 c.p.c. e 111, co. 7, Cost., emerge il non infondato dubbio che la scelta del legislatore di "ricondurre" i procedimenti aventi ad oggetto le controversie di cui all'art. 54 del d.P.R. 327/2001, nell'alveo del procedimento sommario di cognizione non convertibile sia in contrasto, oltre che con l'art. 77, co. 1, Cost., anche con gli artt. 3, 24, co. 1 e 2, e 111, co. 1, Cost., comportando una compressione del diritto di difesa irragionevole poiché, non solo non giustificata, ma addirittura sconsigliata dalle oggettive peculiarità di tali controversie o almeno della più parte di esse.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI