Carrello
Carrello vuoto



Cause di inammissibilità del giudizio di opposizione alla stima


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:DETERMINAZIONE GIUDIZIALE DELL'INDENNITÀ DI ESPROPRIO
anno:2015
pagine: 581 in formato A4, equivalenti a 988 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 25,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Sintesi: E' inammissibile ed irrituale un giudizio di opposizione alla stima quando si sia verificata un'occupazione appropriativa, nonostante l'emanazione di un (tardivo) decreto di esproprio.

Estratto: «Dall'illustrazione che precede e dallo stesso tenore delle enunciazioni della Corte territoriale che sono state sopra riportate, è dato di ricavare come detto Giudice abbia inteso riconoscere che, nella specie, il decreto di espropriazione figura intervenuto "dopo la realizzazione dell'opera pubblica progettata", ovvero una volta che si era "verificata l'irreversibile destinazione dell'area all'opera pubblica (stessa)", onde il pregresso verificarsi degli effetti acquisitivi della cd. accessione invertita (o occupazione appropriativa) e della correlativa "estinzione del diritto dominicale per fatto imputabile all'occupante" ha reso "irrilevante" il provvedimento ablatorio, con determinante incidenza sull'ammissibilità dell'opposizione innanzi alla Corte di Appello, il quale, non interferendo "in alcun modo e sotto alcun riflesso con la situazione effettuale dell'illecito ormai consolidatasi", è rimasto "privo di oggetto, epperò emesso in carenza di potere".Ne consegue che le censur... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...rno ricorrente (Silvano Marino), là dove risultano incentrate (tutte ed esclusivamente) sul rilievo secondo cui il decreto sindacale di espropriazione n. 37 del 9.7.1999 "era stato emesso nelle more del giudizio promosso innanzi alla Corte di Appello di Lecce", mentre, "sebbene...allo stato degli atti fosse stato acquisito come fatto incontestabile la sussistenza del decreto di esproprio, il Giudice adito nella motivazione della sentenza afferma il contrario ed in virtù di tale erronea convinzione ha dichiarato l'inammissibilità ed irritualità dell'opposizione proposta dagli attori", non colgono l'effettiva ratio decidendi, onde l'inammissibilità del motivo pur dedotto dal medesimo Silvano Marino, atteso che detto Giudice, come si è visto, non ha dichiarato l'inammissibilità e l'irritualità dell'opposizione sulla base dell'erroneo presupposto circa l'insussistenza del provvedimento ablatorio, emesso invece nelle more del giudizio, ma è addivenuto ad una simile declaratoria in forza del differente assunto, sopra riportato e non specificatamente censurato, relativo all'intervento di tale provvedimento "dopo la realizzazione dell'opera pubblica progettata", ovvero una volta che si era "verificata l'irre... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...estinazione dell'area all'opera pubblica (stessa)", così da risultare "irrilevante..., con determinante incidenza sull'ammissibilità dell'opposizione", essendosi realizzata "l'estinzione del diritto dominicale per fatto imputabile all'occupante".»



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI