Carrello
Carrello vuoto



Trasferimento di diritti reali dalla mano pubblica: le aste

Nei casi in cui vi siano più istanze concorrenti per l'acquisto di un bene della P.A., è fatto obbligo di attivare una procedura ad evidenza pubblica per metterle a confronto. A differenza di quanto avviene nelle trattative private, tuttavia, nelle aste pubbliche l’importo posto quale base di partenza costituisce una mera indicazione per l'avvio della gara, il cui prezzo definitivo viene stabilito all’esito della gara stessa.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:TRASFERIMENTO E ACQUISTO DI DIRITTI REALI CON LA P.A.
anno:2017
pagine: 2105 in formato A4, equivalenti a 3578 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> ACQUISTO ALLA MANO PRIVATA --> DA PUBBLICO A PRIVATO

La P.A. non è tenuta a provvedere sulla istanza di alienazione di un bene pubblico, salvi i casi previsti dalla legge.

L'art. 38, co. 2, d.l. 26/2003, per quanto concerne l'alienazione degli autoveicoli sequestrati o confiscati, impone un comportamento sostanzialmente vincolato all'Amministrazione per non avere essa discrezionalità alcuna sull'opportunità della vendita dei veicoli in questione: pertanto, il trasferimento al depositario degli autoveicoli è forzoso, e non richiede il suo consenso, sussistendo l'obbligo a vendere da parte delle Amministrazioni e contemporaneamente l'obbligo ad acquistare da parte del custode.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> ACQUISTO ALLA MANO PRIVATA --> DA PUBBLICO A PRIVATO --> ASTA PUBBLICA

I contratti dai quali alla pubblica amministrazione derivi un'entrata (i c.d. contratti attivi) debbono essere preceduti da pubblici incanti, salvo che sussistano le condizioni legittimanti il ricorso alla trattativa privata, strumento di scelta del contraente avente natura eccezionale perché derogatorio rispetto ai... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...i valenza generale, fondati sulla regola della procedura concorrenziale.

La procedura di vendita di un terreno comunale a trattativa privata con i proprietari confinanti, comportando una entrata per l'Ente pubblico, deve necessariamente essere preceduta da una adeguata e congrua pubblicità e conseguente gara tra gli eventuali interessati all'acquisto.

Qualora vi siano più istanze concorrenti per l'acquisto di un terreno della P.A., essa ha l'obbligo di attivare una procedura di evidenza pubblica per metterle a confronto, a tutela delle ragioni di iniziativa economica delle parti concorrenti nonché dell'interesse pubblico ad un più proficuo utilizzo dei beni della stessa P.A. anche nella fase di loro cessione.

L'efficacia di provvedimento di un bando di vendita è quella di obbligare l'amministrazione a cedere il bene, non certo quella di qualificare con efficacia vincolante il rapporto fra la stessa e un eventuale occupante di esso.

Se il regolamento per l'alienazione dei beni patrimoniali impone la costituzione dei depositi cauzionali esclusivamente mediante assegno circolare non trasferibile, devono essere esclusi dall'asta pubblica i partecipanti che... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...positato assegni postali vidimati.

L'asta pubblica costituisce la più classica delle procedure concorsuali ad evidenza pubblica, che si risolve in una offerta al pubblico ed ha come obiettivo la ricerca del contraente che offra il prezzo migliore.

A differenza della trattativa privata ove il valore attributo in sede di stima al bene da cedere a terzi rappresenta in definitiva il prezzo di cessione, nel caso delle procedure di alienazione ad evidenza pubblica e, prima tra tutte, dell'asta pubblica, l'importo posto a base d'asta costituisce la mera indicazione iniziale, da parte della pubblica amministrazione, per l'avvio della gara, il cui prezzo definitivo viene stabilito all'esito della gara stessa.

I beni patrimoniali disponibili sono di proprietà privata dell'Ente e, come tali, sono soggetti alle regole comuni del diritto privato, eccetto la alienazione, che deve avvenire secondo modalità tali da garantire gli interessi pubblici con la massima trasparenza ed imparzialità nella scelta del contraente, esclusivamente attraverso le seguenti procedure: pubblici incanti o asta pubblica.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI