Carrello
Carrello vuoto



L'istituto di accesso civico


 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL DIRITTO DI ACCESSO
anno:2015
pagine: 86
formato: pdf  
prezzo:
€ 10,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!

Avvocato

Il decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, entrato in vigore il 20 aprile 2013 ha introdotto nuove disposizioni in materia di divulgazione, trasparenza e diffusione dei documenti amministrativi, stabilendo il principio della piena trasparenza, con connesso obbligo di pubblicazione, per tutti gli atti organizzativi delle pubbliche amministrazioni e ha introdotto il nuovo istituto dell'accesso civico [Omissis - versione integrale presente nel testo]. Infatti l'accesso civico viene correlato all'obbligo, previsto in capo alle pubbliche amministrazioni, di pubblicare, sui propri siti istituzionali, documenti; informazioni o dati e si sostanzia nel diritto di chiunque di richiedere i medesimi, nel caso in cui sia stata omessa la loro pubblicazione.
La ratio di questa nuova forma di accesso è quella di alimentare il rapporto di fiducia che intercorre tra il cittadino e la P.A. nonché quella di promuovere la cultura della legalità e la prevenzione di fenomeni corruttivi all'interno delle amministrazioni pubbliche.

La richiesta di accesso:
— non deve essere motivata, a differenza di quanto affermato dalla L. 241/1990 (cfr. art. 25, comma 2);
— va presentata al responsabile della trasparenza dell'amministrazi... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...ta alla pubblicazione, al quale spetta [Omissis - versione integrale presente nel testo].

Dal punto di vista operativo, una volta ricevuta la richiesta, l'amministrazione, entro 30 giorni, procede alla pubblicazione nel sito del documento, dell'informazione o del dato richiesto e lo trasmette contestualmente al richiedente, ovvero comunica al medesimo l'avvenuta pubblicazione, pubblicando il collegamento ipertestuale a quanto richiesto. Se il documento, l'informazione o il dato richiesto già risultano pubblicati, l'amministrazione indica al richiedente il collegamento ipertestuale.

Il T.U. Trasparenza, inoltre, in caso di inerzia dell'amministrazione procedente, attribuisce al richiedente la possibilità di ricorrere al titolare del potere sostitutivo, ai sensi dell'art. 2, comma 2bis, L. 241/1990, che, verificata la sussistenza dell'obbligo di pubblicazione, [Omissis - versione integrale presente nel testo].

Viene, infine, fatto rinvio, ai fini della tutela giurisdizionale, in caso di diniego, ritardo o inadempimento rispetto ad una richiesta di accesso civico, alle disposizioni del Codice del processo amministrativo (art. 116 c.p.a.).


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI