Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

IL CODICE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA

PIANIFICAZIONE --> PIANI URBANISTICI ATTUATIVI --> PIANO DI SVILUPPO INDUSTRIALE

In base alle disposizioni normative di cui all’art. 10, comma 4 della l.r. della Campania n. 16/1998 ed art. 10, comma 1, del d.P.R. n. 327/2001 l’approvazione definitiva e all’unanimità, in sede di conferenza dei servizi, del piano regolatore territoriale dell’area di sviluppo industriale da un lato, comporta l’automatico adeguamento dei piani urbanistici dei Comuni facenti parte del Consorzio, dall’altro, determina il sorgere del vincolo espropriativo sulle aree interessate dagli interventi previsti nei predetti piani.

Gli strumenti volti a disciplinare l’assetto delle aree costituenti un consorzio destinato a gestire l’utilizzo ad uso industriale delle aree coincidono solitamente con i piani regolatori delle aree di sviluppo industriale, che spesso hanno una valenza sovracomunale e che programmano tra l’altro le strutture e le attrezzature di cui tali aree devono essere dotate.

Non è possibile equiparare l'inclusione del terreno nel piano particolareggiato relativo a zona industriale alla sottoposizione a vincoli espropriativi, ravvisandosi nella prima ipotesi solo una previsione di una determinata tipologia urbanistica diretta a regolare l'attività edilizia.

Nell’ambito delle destinazioni industriali hanno durata temporanea solo i vincoli che prevedono interventi pubblici.

L'inclusione di un terreno in un Piano di sviluppo industriale lo sottopone ad un vincolo espropriat... _OMISSIS_ ...