Articolo

L'ASSISTENZA TECNICA NEL CONTENZIOSO TRIBUTARIO CATASTALE

La ruralità e l’iscrizione catastale

È stato ed è attualmente oggetto di molteplice contenzioso tributario il riconoscimento di ruralità per i fabbricati strumentali all’esercizio dell’attività agricola, anche in relazione alla recente normativa intervenuta e alla sua applicazione retroattiva.

L’accertamento dei requisiti di ruralità ai fini fiscali dei fabbricati, ha subito una radicale rivisitazione nell’operatività in relazione all’introduzione dell’articolo 9 del D.L. 30 dicembre 1993, n. 557, convertito nella legge 26 febbraio 1994, n. 133 e sue s.m.i..


[...Omissis: versione integrale nel testo...]


In particolare la sentenza riporta:

«In conclusione, la sentenza impugnata deve essere cassata perché la stessa, in violazione delle specifiche disposizioni che regolano l'ICI, ha erroneamente escluso l'assoggettabilità a tale imposta del fabbricato della Cooperativa in base alla irrilevante considerazione della natura agricola dell'attività svolta dalla stessa nell'immobile e non ha considerato che l'iscrizione (quand'anche nella categoria D/10) di quel fabbricato in catasto (già "urbano", poi "dei fabbricati"), con attribuzione di autonoma rendita, costituisce presupposto (necessario ma anche) sufficiente per l'assoggettabilità detta; la causa, quindi, va rinviata a sezione della Commissione Tributaria Regionale diversa da quella che ha pronunciato la decisione cassata affinché la stessa:

(1) faccia applicazione del principio secondo cui la "ruralità" di un fabbricato iscritto in catasto con attribuzione di autonoma rendita non esclude l'assoggettamento del fabbricato stesso all'ICI ma produce i suoi effetti solo ai fini (antecedenti) (a) dell'accatastamento e (b) dell'(eventuale) attribuzione della rendita in quanto questi due fatti (contestabili unicamente nei confronti ed in contraddittorio dell'organo ora Agenzia del Territorio preposto alle afferenti operazioni e non del Comune, attesa la vincolatività dei dati catastali ai fini dell'ICI per entrambe le parti del rapporto concernente quest'imposta) costituiscono i presupposti indefettibili ma anche sufficienti perché un fabbricato sia assoggettato all'ICI, e; (2) provveda sulle spese di questo giudizio di legittimità».

In conseguenza a tale giudicato di legittimità ed ai molteplici processi di recupero ICI immediatamente attivati da molteplici Comuni, con riflessi negativi connessi alla crescita in forma esponenziale del contenzioso su tale materia, il legislatore con il D.L. 30 dicembre 2008, n. 207 - Convertito in legge, con modificazioni, dall'art. 1, L. 27 febbraio 2009, n. 14 - Proroga di termini previsti ... _OMISSIS_ ...