Rilascio del titolo edilizio in sanatoria: l'accertamento di conformità

ABUSI EDILIZI --> SANATORIA --> ACCERTAMENTO DI CONFORMITÀ

La sanatoria delle opere ordinariamente realizzabili mediante permesso di costruire o super d.i.a. non può ottenersi con una d.i.a. (o super d.i.a.) in sanatoria è confermata dai contenuti dell’articolo 36 del medesimo DPR, disciplinante l’istituto dell’accertamento di conformità (ovvero della sanatoria mediante provvedimento abilitativo espresso).

L’accertamento di conformità di cui all’art. 36 del decreto del Presidente della Repubblica è un principio fondamentale nella materia governo del territorio, finalizzato a garantire l’assoluto rispetto della disciplina urbanistica ed edilizia durante tutto l’arco temporale compreso tra la realizz... _OMISSIS_ ...uo;opera e la presentazione dell’istanza volta ad ottenere l’accertamento di conformità.

La sanatoria “ordinaria”, disciplinata dall’art. 13 della l. n. 47 del 1985 e, attualmente, dall’art. 36 del t.u. approvato con d.P.R. n. 380 del 2001, costituisce lo strumento tipico per ordinariamente ricondurre alla legalità gli abusi edilizi, e la sua utilizzazione non può che essere consentita a chiunque abbia edificato sine titulo, anche a prescindere dalla pregressa sua mancata impugnazione di provvedimenti di diniego a costruire l’opera abusiva, purché ovviamente seguitino a sussistere al riguardo le condizioni inderogabilmente chieste dalla disciplina medesima.

L’accertamento di conformità di cui ... _OMISSIS_ ...l d.P.R. 380 del 2001 è un procedimento che è attivato dall’amministrazione comunale su istanza di parte, il cui provvedimento finale può recare soltanto l’accoglimento o il diniego della relativa richiesta nella sua interezza, senza che all’amministrazione sia riconosciuto alcun potere di esprimersi, in difetto in eccesso, sulla domanda del privato.

L’accertamento di conformità dei manufatti non può essere opposto alla sanzione demolitoria e deve essere verificato alle condizioni e nei limiti di cui all’art. 36 del DPR 6 giugno 2001, n. 380.

A differenza della domanda di accertamento di conformità ex art. 36 del d.P.R. n. 380 del 2001, in cui occorre verificare ex post la conformità dell’intervento edilizio r... _OMISSIS_ ... preventivo titolo abilitativo agli strumenti urbanistici (violazione meramente formale), il condono edilizio costituisce una forma di perdono ex lege per la realizzazione sine titulo abilitativo di un manufatto in contrasto con le prescrizioni urbanistiche (violazione sostanziale).

L’istituto della c.d. ‘sanatoria giurisprudenziale’ deve considerarsi normativamente superato, nonché recessivo rispetto al chiaro disposto normativo vigente e ai principi connessi al perseguimento dell’abusiva trasformazione del territorio.

Non vi è alcuna violazione dell'art. 3 Cost. nel fatto che lo jus superveniens più restrittivo (nella specie posto a tutela del patrimonio agricolo regionale, ma anche con talune agevolazioni edilizie), im... _OMISSIS_ ...azione dei presupposti ex art. 36 del DPR 380/2001.

L’art. 36 d.p.r. n. 380/2001, relativo all’accertamento di conformità che ha ad oggetto i lavori realizzati “in assenza di permesso di costruire, o in difformità da esso, ovvero in assenza di segnalazione certificata di inizio attività”, non è applicabile agli interventi che possono essere eseguiti in assenza di titolo abilitativo.

Le eventuali omissioni dell’amministrazione nel contestare l’esistenza di opera non sanata non possono dar luogo ad alcuna regolarizzazione di fatto né sono idonee a derogare dai presupposti a cui è subordinato il rilascio del titolo ai sensi del citato art. 36, in cui viene in gioco unicamente il riscontro della c.d. doppia confor... _OMISSIS_ ... entrano apprezzamenti di tipo discrezionale.

L’accertamento di compatibilità paesaggistica di un immobile abusivo deve essere compiuto al momento in cui è valutata la sanabilità edilizia delle opere.

L’amministrazione non è tenuta a verificare d’ufficio la compatibilità urbanistica ed edilizia delle opere realizzate in difetto di titolo abilitativo ai fini dell’eventuale loro sanatoria.

In sede di accertamento di conformità di cui all'art. 36 d.P.R. n. 380/200 non può essere accolta l'istanza di sanatoria per dei manufatti che ancorché risultino conformi alla disciplina urbanistica vigente al momento in cui l'amministrazione provvede sull'istanza di sanatoria, non siano conformi alla disciplina vigente al ... _OMISSIS_ ...oro realizzazione e al momento della presentazione della domanda di sanatoria.

la presentazione dell'istanza di sanatoria edilizia ex art. art. 36 d. P. R. 6 giugno 2001 n. 380 produce l'effetto di rendere inammissibile l'impugnazione stessa, per carenza di interesse, in quanto dall'istanza consegue la perdita di efficacia di tale ordinanza.

Nel procedimento di sanatoria di cui all'art. 36 D.p.r. n. 380/2001, in caso di accoglimento dell'istanza, l'ordine di demolizione rimane privo di effetti in ragione del sopravvenuto venir meno dell'originario carattere abusivo dell'opera realizzata mentre in caso di rigetto dell'istanza, l'ordine di demolizione riacquista la sua efficacia.

Anche laddove il PRG consenta una possibilità di sana... _OMISSIS_ ...obili abusivi, l’eventuale sanatoria dell’immobile non può prescindere da apposita istanza ai sensi dell’art. 36 del d.P.R. n. 380 del 2001.

Il presupposto del procedimento di sanatoria introdotto con la richiesta di accertamento di conformità urbanistica consiste in un accertamento ex post della conformità dell'intervento edilizio realizzato senza preventivo titolo abilitativo agli strumenti urbanistici, e dunque, posto in essere con una violazione formale della relativa disciplina.

L’istanza di accertamento di conformità, ai sensi dell’art. 36 del D.P.R. n. 380/2001, non incide sulla validità dell'ordine di demolizione precedentemente adottato comportando esclusivamente la mera sospensione dell'efficacia di tale a... _OMISSIS_ ...ito del procedimento di sanatoria, che si deve intendere rigettata, per formazione del silenzio-rifiuto, nel caso in cui l’amministrazione non si pronunci sull'istanza nei successivi sessanta giorni.

La presentazione di un’istanza di sanatoria ai sensi dell’art. 36 D.P.R. 380/01, determina la necessità che l’amministrazione, successivamente alla disamina della istanza ed ove ritenuta la non accoglibilità di essa, addivenga alla formazione di un nuovo provvedimento sanzionatorio, al fine di adeguare il medesimo all'eventuale accoglimento parziale della istanza di sanatoria ovvero, comunque, al fine di garantire la certezza delle situazioni giuridiche.

In difetto di prova circa l'istanza di sanatoria, permane la condizione ... _OMISSIS_ ...lle opere e l'efficacia dell'ordine di demolizione impugnato, giacché condizione imprescindibile per addivenire all'accertamento di conformità degli interventi eseguiti in assenza di titolo è l'avvio, ad impulso della parte interessata, del relativo procedimento innanzi all'amministrazione competente.

La conferma è un provvedimento di secondo grado che presuppone l’esercizio del potere discrezionale di autotutela mentre l’auto...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 56479 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo