Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo nella pagina prodotto.

IL CODICE DEL DEMANIO MARITTIMO, FLUVIALE E LACUALE

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA --> LIMITI DI DURATA

La concessione demaniale marittima ove si stabilisce la limitazione temporale dell’uso autorizzato dell’area demaniale non può definirsi contraria ai principi di ragionevolezza e proporzionalità atteso che i contesti, estivo e invernale, in cui gli stabilimenti si inseriscono sono differenti, con il conseguente differente impatto del manufatto proprio in relazione al differente periodo che viene in rilievo; sicché il carattere stagionale dell’atto di assenso si giustifica anche alla luce di un complessivo bilanciamento degli interessi rilevanti e in considerazione del rilievo che l’incidenza sull’ambiente è comunque temporalmente limitata.

In assenza dell’atto di pianificazione portuale, risulta ragionevole la scelta, in via di salvaguardia, di rilasciare concessioni di breve durata o di natura stagionale.

Non corrisponde al vero che il termine di dieci mesi costituisca, in astratto, una durata non ‘adeguata’ della concessione demaniale, in quanto non idonea ad assicurare alle imprese l’ammortamento degli investimenti e la remunerazione equa del capitale.

La deroga alla durata quadriennale delle concessioni demaniali marittime è giustificata quando è correlata alla circostanz... _OMISSIS_ ...rovazione la pianificazione portuale, così da evitare che l’autorità amministrativa, in sede di pianificazione, sia condizionata dall’esistenza di un assetto degli specchi d’acqua stabile o destinato a protrarsi lungamente nel tempo.

La destagionalizzazione, prevista da leggi regionali, delle concessioni demaniali marittime presenta l’evidente intento di favorire lo sviluppo delle attività turistiche anche oltre il consueto orizzonte temporale, operando un’estensione ex lege dei titoli abilitativi (non solo demaniali) e privando l’autorità preposta al rilascio delle concessioni del potere di subordinare le stesse ad una valutazione discrezionale propriamente intesa.

La destagionalizzazione, prevista da leggi regionali, delle concessioni demaniali marittime determina l’illegittimità del rifiuto dell’amministrazione al mantenimento degli impianti che si fondi unicamente sul mero rispetto del termine (stagionale), apposto nell'atto di concessione.

In materia di concessione demaniale marittima i contesti, estivo e invernale, in cui gli stabilimenti balneari si inseriscono sono diversi, il che implica che differente è l’impatto che un manufatto può avere a seconda del periodo dell’anno.

In presenza di una concessione demaniale rilasciata per la sistemazione di uno stabilimento balneare... _OMISSIS_ ...icreative e di accoglienza ai bagnanti, è ragionevole ritenere che nessun danno alla attività imprenditoriale possa derivare dalla riduzione della temporaneità della predetta concessione alla sola stagione estiva.

La concessione demaniale marittima per il solo periodo estivo si giustifica alla luce di un complessivo bilanciamento degli interessi rilevanti e in considerazione che l’incidenza sull’ambiente è comunque temporalmente limitata.

Le concessioni finalizzate alla nautica da diporto hanno durata massima di quattro anni ai sensi dell'art. 8 reg. es. cod. nav. mar., che, peraltro, ammette rapporti concessori di minor durata.

La necessità di non compromettere o rallentare la futura pianificazione affidata all’emanando piano regolatore portuale e di garantire il proficuo sfruttamento dei beni demaniali giustifica il rilascio di una concessione demaniale marittima per l'installazione di strutture di nautica da diporto avente una durata inferiore ai quattro anni.

Le concessioni non possono avere effetti protratti nel tempo tali da contrastare con il piano portuale di prossima adozione, ovvero non possono modificare l’assetto portuale così da compromettere o rallentare l’esecuzione della pianificazione dettata dal futuro piano regolatore del porto; pertanto, appare legittima la deroga alla durata quadriennale prestabi... _OMISSIS_ ...inata ad evitare che, in sede di pianificazione, l’autorità amministrativa sia condizionata dall’esistenza di un assetto degli specchi acquei stabile o destinato ad essere lungamente protratto nel tempo.

L'art. 8 del regolamento del codice della navigazione fa riferimento a concessioni efficaci per un tempo non superiore a quattro anni, ammettendo così rapporti concessori di minor durata.

L’art. 03, comma 4-bis, del d. l. 5 ottobre 1993, n. 400, conv. in l. 4 dicembre 1993, n. 494 introduce nell’ordinamento una previsione destinata a trovare applicazione con riferimento alla durata delle nuove concessioni demaniali marittime e non ha niente a che fare con la problematica delle proroga che è, al contrario, disciplinata dalla diversa previsione dell’art. 01, comma 2 del d.l. 400/1993 che prevede una proroga limitata ad un periodo mass... _OMISSIS_ ...

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

...continua.

Acquista l'articolo per soli 3,00 €, potrai visualizzarlo sempre sul nostro sito e ti verrà inviata una mail con il PDF dell'articolo in allegato

Acquista