Carrello
Carrello vuoto

URBIUM 3/2016

Giurisprudenza in materia di edilizia ed urbanistica


titolo: URBIUM 3/2016
sottotitolo: Giurisprudenza in materia di edilizia ed urbanistica
area/e tematica/che: edilizia e urbanistica
data: Maggio-Giugno 2016
testo in formato: pdf  
pagine: 204 in formato A4 (cm 21X29,7), corrispondenti a 347 in formato libro (cm 17X24)
 
prezzo:
€ 25,00

  leggi qui come funziona
vai al sommario
vai all'abstract e alla descrizione
segnala ad un amico
SCARICA GRATIS ALCUNE PAGINE

editore: Exeo
collana: osservatorio di giurisprudenza
numero in collana: 261
issn: 2039-6678
sigla: URB33
categoria: URBIUM
tipologia: raccolta
genere: annuario/agenda/rivista
altezza: cm 29,7
larghezza: cm 21
dimensione: A4
funzioni permesse: stampa=SI - copia incolla=SI
protezione: digital watermarking
disponibità: illimitata
destinatari: professionale accademico
soggetto: diritto
consigliato da :   
 
prezzo:
€ 25,00

 GUARDA LA COPERTINA ANTERIORE      

Selezione delle notizie più lette - derivanti dalla giurisprudenza in materia di urbanistica ed edilizia - pubblicate nel bimestre di riferimento dalla rivista telematica www.urbium.it. Alle massime/sintesi sono associati i brani pertinenti originali delle sentenze a cui esse si riferiscono.

Raccolta delle principali notizie derivanti dalla giurisprudenza in materia di urbanistica ed edilizia, recensita dalla rivista telematica www.urbium.it. Alle massime (“sintesi”) sono associati i brani pertinenti originali delle sentenze a cui esse si riferiscono.
L'ART. 36 DEL D.P.R. 380/2001 NON PUÒ ESSERE INVOCATO PER SANARE COSTRUZIONI ABUSIVE CHE RICHIEDEREBBERO L'ESECUZIONE DI ULTERIORI OPERE DI ADEGUAMENTO

LO SBANCAMENTO DI TERRENO DI PROPORZIONI RILEVANTI NECESSITA DI PERMESSO DI COSTRUIRE

LA DEMOLIZIONE PUÒ ESSERE LEGITTIMAMENTE IRROGATA NEI CONFRONTI DEL PROPRIETARIO DEL BENE ANCHE SE DIVERSO DAL RESPONSABILE DELL'ABUSO ED ESTRANEO ALLA SUA COMMISSIONE

LA LOTTIZZAZIONE ABUSIVA SI PROTRAE NEL TEMPO FINO AL MOMENTO CONSUMATIVO: L'ULTIMAZIONE DELLE COSTRUZIONI ABUSIVE O DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE

L'ONERE DELLA PROVA CIRCA L'ULTIMAZIONE DEI LAVORI ENTRO LA DATA UTILE PER OTTENERE LA SANATORIA GRAVA IN CAPO AL RICHIEDENTE

LE SANZIONI EX ART. 44 D.P.R. N. 380 DEL 2001 NON SI APPLICANO SOLO IN CASO DI OPERE MINIME E URBANISTICAMENTE INDIFFERENTI

IL REATO DI ABUSO PAESAGGISTICO IN ZONA VINCOLATA SI CONFIGURA ANCHE AL COSPETTO DI DIFFORMITÀ SOLO PARZIALI RISPETTO AL TITOLO AUTORIZZATO

LA TRASFORMAZIONE DI UN LOCALE IN ZONA INDUSTRIALE GIÀ ADIBITO AD "ESPOSIZIONE", IN UN "BED & BREAKFAST", È INTERVENTO DI RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA

INTERVENTI EDILIZI REALIZZATI CON D.I.A.: RILEVANZA PENALE SE IN ASSENZA O IN TOTALE DIFFORMITÀ DALLA DICHIARAZIONE E IN CONTRASTO CON LA DISCIPLINA URBANISTICO-EDILIZIA

NON È CONDONABILE EX ART. 32, D.L. 269/2003, UNA NUOVA COSTRUZIONE REALIZZATA SENZA TITOLO ABILITATIVO EDILIZIO IN AREA ASSOGGETTATA A VINCOLO PAESISTICO

LEGITTIMO IL PIANO REGOLATORE CHE SCEGLIE DI PERSEGUIRE L'INCREMENTO DELLA EDIFICABILITÀ PER I RESIDENTI DISINCENTIVANDO LA REALIZZAZIONE DI SECONDE CASE DA PARTE DI TURISTI

UN MURO DI RECINZIONE DI FONDO AGRICOLO CHE MODIFICHI L'ASSETTO URBANISTICO DEL TERRITORIO PER STRUTTURA ED ESTENSIONE NON È PERTINENZA: SERVE IL PERMESSO DI COSTRUIRE

LA CHIUSURA DELLA SOLA PARTE DEL LOCALE COMMERCIALE NON AUTORIZZATA SOTTO IL PROFILO EDILIZIO È APPLICABILE SOLO SE SI PUÒ DISTINGUERE LA PARTE ABUSIVA DA QUELLA LEGITTIMA

PER GLI EDIFICI DEMOLITI O CROLLATI, VINCOLATI EX D.LGS. 42/2004, LA RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA È POSSIBILE SOLO OVE SIA VERIFICATA E RISPETTATA LA CONSISTENZA PREESISTENTE

L'ESTINZIONE DEL REATO DI COSTRUZIONE ABUSIVA PER PRESCRIZIONE TRAVOLGE L'ORDINE DI DEMOLIZIONE DELL'OPERA INDIPENDENTEMENTE DA UNA REVOCA ESPRESSA

L'OGGETTIVA DESTINAZIONE A SODDISFARE BISOGNI NON PROVVISORI È IL CRITERIO CHE DISTINGUE L'OPERA ASSOGGETTABILE A PERMESSO DI COSTRUIRE DA QUELLA REALIZZABILE LIBERAMENTE

IMPIANTI FOTOVOLTAICI: È IPOTIZZABILE LA LOTTIZZAZIONE ABUSIVA QUANDO NON RISULTI SALVAGUARDATA L'UTILIZZAZIONE AGRICOLA DEL TERRITORIO

LA PUNIBILITÀ DEL REATO DI PERICOLO PREVISTO DAL D.LGS. N. 42 DEL 2004, ART. 181, COMMA 1, È ESCLUSA SOLO NELL'IPOTESI DI INTERVENTI DI MINIMA ENTITÀ

LA LOTTIZZAZIONE ABUSIVA È CONFIGURABILE IN ZONE DI NUOVA ESPANSIONE O SCARSAMENTE URBANIZZATE QUANDO L'EDIFICAZIONE È ESEGUITA IN ASSENZA DI UN PIANO ATTUATIVO

REVOCA E SOSPENSIONE DELL'ORDINE DI DEMOLIZIONE: NON BASTA LA POSSIBILITÀ CHE IN TEMPI LONTANI E NON PREVEDIBILI POTRANNO ESSERE EMANATI ATTI AMMINISTRATIVI FAVOREVOLI

ABUSI EDILIZI IN ZONA PAESAGGISTICAMENTE VINCOLATA: AI FINI DELLA SANZIONE PENALE È INDIFFERENTE SE GLI INTERVENTI SONO IN DIFFORMITÀ TOTALE O PARZIALE O IN VARIAZIONE ESSENZIALE

NON VI È RAPPORTO DI SPECIALITÀ TRA LE SANZIONI PENALI IN MATERIA URBANISTICA E ANTISISMICA E QUELLE AMMINISTRATIVE PECUNIARIE IN MATERIA DI IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ

IL CRITERIO DELLA PREVENZIONE PUÒ ESSERE DEROGATO DAL REGOLAMENTO COMUNALE SE FISSA ANCHE LE DISTANZE DAL CONFINE, SALVO CHE CONSENTA LE COSTRUZIONI IN ADERENZA

IL MURO DI CONTENIMENTO CHE SOPRAVANZI L'ORIGINARIO PROFILO DELLA BALZA DEL TERRENO VA QUALIFICATO COME COSTRUZIONE AI FINI DELL'OSSERVANZA DELLE NORME SULLE DISTANZE

LA COSTRUZIONE IN VIOLAZIONE DI NORME URBANISTICHE SU ALTEZZE E VOLUMETRIE PUÒ DIMINUIRE IL VALORE DELL'EDIFICIO VICINO CONFIGURANDO UNA RESPONSABILITÀ PER DANNI

L'ESERCIZIO DEL POTERE CORRISPONDENTE ALLE FACOLTÀ DOMINICALI, INVOCABILE AI FINI DELL'USUCAPIONE, PUÒ AVERE AD OGGETTO ANCHE UN FABBRICATO IN CORSO DI COSTRUZIONE

APERTURE O MANUFATTI SOGGETTI AL RISPETTO DELLE DISTANZE EX ART. 873 C.C. SONO SOLO QUELLI CHE CONSENTANO UN COMODO E NON PERICOLOSO AFFACCIO SUL FONDO DEL VICINO

IL POSITIVO ACCERTAMENTO DI COMPATIBILITÀ PAESAGGISTICA DELL'ABUSO EDILIZIO IN ZONA VINCOLATA NON ESCLUDE LA PUNIBILITÀ DEL REATO DI PERICOLO EX ART. 181, COMMA 1-BIS, D.LGS. 42/2004

LE VARIANTI "LEGGERE" SOGGETTE A MERA DIA SONO QUELLE CHE NON INCIDONO SUI PARAMETRI URBANISTICI E NON MODIFICANO VOLUMETRIE, DESTINAZIONE D'USO, CATEGORIA EDILIZIA E SAGOMA

GLI ARREDI NON SUBORDINATI AD ALCUN TITOLO ABILITATIVO NON DEVONO CREARE O MODIFICARE VOLUMI E SUPERFICI, ALTERARE PROSPETTI E SAGOME, MODIFICARE DESTINAZIONI D'USO

L'ADESIONE A CONSORZI VOLONTARI FRA PROPRIETARI D'IMMOBILI PER LA GESTIONE DI PARTI E SERVIZI COMUNI DEVE RISULTARE DA UNA VALIDA MANIFESTAZIONE DI VOLONTÀ

IL SILENZIO SULL'ISTANZA DI ACCERTAMENTO DI CONFORMITÀ HA VALORE PROVVEDIMENTALE DI DINIEGO DI SANATORIA

L'ESERCIZIO DEL POTERE DI CONTROLLO E SANZIONATORIO IN MATERIA URBANISTICO-EDILIZIA PUÒ INTERVENIRE ANCHE DOPO UN RILEVANTE LASSO DI TEMPO DALL'ABUSO

L'INTERVENTO EDILE DI RISTRUTTURAZIONE DI UN APPARTAMENTO, SE DETERMINA UN DANNO INGIUSTO, RIENTRA NELL'ALVEO DELL'ART. 2043 COD. CIV.

IMPONIBILE ICI FONDATO SUL VALORE VENALE: L'EDIFICABILITÀ VA DESUNTA DALLA QUALIFICAZIONE AD ESSA ATTRIBUITA NEL PIANO REGOLATORE GENERALE

L'ART. 873 C.C., STABILENDO IL DISTACCO MINIMO TRA COSTRUZIONI SU FONDI FINITIMI, ESPRIME GIÀ DI PER SÈ L'INSUFFICIENZA DI UNA DISTANZA INFERIORE, CHE NON PUÒ ESSERE RIVALUTATA IN GIUDIZIO

DATA DI REALIZZAZIONE DI IMMOBILI ABUSIVI: OVE IL PRIVATO FORNISCA DOCUMENTI A SOSTEGNO DELLE PROPRIE AFFERMAZIONI, L'ONERE DELLA PROVA SI TRASFERISCE IN CAPO ALLA P.A.

IL VINCOLO DI DESTINAZIONE D'USO ALBERGHIERO È LEGITTIMO SOLO NON SIA DESTINATO A PERPETUARSI INDEFINITAMENTE NEL TEMPO

L'ECCEZIONE AL PRINCIPIO DI VERIFICA DELLA VOCAZIONE AGRICOLA O EDIFICATORIA DEL TERRENO ALLA CONCLUSIONE DEL CONTRATTO VALE IN CASO DI CAMBIO DI DESTINAZIONE DA AGRICOLA AD URBANISTICA

RIPRISTINO DI UNO STABILE ABBATTUTO: NON SI DEVONO RISPETTARE LE DISTANZE REGOLAMENTARI SOPRAVVENUTE SOLTANTO SE LA NUOVA COSTRUZIONE È REALIZZATA SENZA ALCUNA VARIAZIONE

È REATO EX ART. 44 T.U. EDILIZIA LA RICOSTRUZIONE DI EDIFICIO DEMOLITO SENZA PERMESSO DI COSTRUIRE: NON È APPLICABILE IL D.L. 69/2013, ART. 30 CHE RICHIEDE SEMPLICE SCIA

LA PRECEDENTE AUTORIZZAZIONE ALLO SVOLGIMENTO DELL'ATTIVITÀ DI RISTORAZIONE NON RILEVA AI FINI DELLA CONDONABILITÀ DI OPERE ABUSIVE

LE CONVENZIONI URBANISTICHE PERDONO EFFICACIA NEL MOMENTO IN CUI VIENE MODIFICATO IL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SULLA CUI BASE SONO STATE STIPULATE

LA CLASSIFICAZIONE DI UN'AREA AD USO AGRICOLO PUÒ ESSERE STRUMENTALE ALL'ESIGENZA DI CONSERVAZIONE DI VALORI AMBIENTALI

IL VICINO CHE INTENDA IMPUGNARE UN INTERVENTO EDILIZIO RITENUTO ILLEGITTIMO HA IL PRECISO ONERE DI ATTIVARSI TEMPESTIVAMENTE

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA: IL PAGAMENTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE È DOVUTO SOLO NEL CASO IN CUI L'INTERVENTO AUMENTI IL CARICO URBANISTICO

PRESENTAZIONE D.I.A.: IL TERMINE DECADENZIALE PER IL CONTROINTERESSATO NELL'AZIONE DI ACCERTAMENTO INIZIA A DECORRERE DA QUANDO NE HA PIENA CONOSCENZA

L'ILLECITO RITARDO NEL RILASCIO DELLA CONCESSIONE EDILIZIA IN SANATORIA DANNEGGIA COMUNQUE IL PATRIMONIO DELL'AVENTE DIRITTO CON CONSEGUENTE DIRITTO AL RISARCIMENTO

GLI ATTI DI PIANIFICAZIONE REGIONALE NON POSSONO CONDIZIONARE L'ESERCIZIO DEI POTERI DI TUTELA PAESAGGISTICA SPETTANTI IN VIA ESCLUSIVA ALLA SOPRINTENDENZA.

NON SI APPLICA LA DISTANZA DEI 10 METRI EX ART. 9 D.M. 1444/1968 SE GLI EDIFICI NON SONO ANTISTANTI, VENENDO MENO IN RADICE IL RISCHIO CHE POSSANO CREARSI MALSANE INTERCAPEDINI

L'ACCERTAMENTO DI COMPATIBILITÀ PAESAGGISTICA PER GLI ABUSI CHE NON ABBIANO CREATO O AUMENTATO SUPERFICI O VOLUMI RICHIEDE UNA VERIFICA DIRETTA DA PARTE DELL'AUTORITÀ URBANISTICO EDILIZIA COMUNALE

DIRITTO ALLA RESTITUZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE IN CASO DI UTILIZZAZIONE SOLO PARZIALE DEL PERMESSO DI COSTRUIRE

NELLE AEREE SOTTOPOSTE A VINCOLO LA FORMAZIONE DEL SILENZIO ASSENSO SUL TITOLO IN SANATORIA RICHIEDE IL PARERE DELLA COMPETENTE AUTORITÀ

LE PERTINENZE DI MODESTE DIMENSIONI NON SONO TENUTE A RISPETTARE LE DISTANZE LEGALI

LA GENERICA DIZIONE DI MUTAMENTO DA DEPOSITO AD ABITAZIONE NON CONSENTE DI VALUTARE IL PASSAGGIO AD ALTRA CATEGORIA EDILIZIA

DECORSO IL TERMINE PER VERIFICARE LA COMPLETEZZA DELLA DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA DIA SI CONSOLIDA LA FACOLTÀ DI ESEGUIRE L'OPERA

L'ISTANZA DI SANATATORIA PER IL RECUPERO ABITATIVO DI UN SOTTOTETTO NON DETERMINA LA CADUCAZIONE DEL PROVVEDIMENTO SANZIONATORIO

LA P.A. PUÒ ESERCITARE I POTERI INIBITORI AVVERSO LA SCIA DOCUMENTALMENTE INCOMPLETA ANCHE DOPO IL DECORSO DEL TERMINE

IL DISSENSO ESPRESSO IN CONFERENZA DI SERVIZI DEVE ESSERE CONGRUAMENTE MOTIVATO E CONTENERE LA CRITICA COSTRUTTIVA

LA REALIZZAZIONE DI PARCHEGGI IN AREE CONTIGUE POSTULA LA MEDESIMA DESTINAZIONE URBANISTICA DELLE AREE OGGETTO DI EDIFICAZIONE

LA DELIBAZIONE DELLA DOMANDA DI CONDONO SI RIFERISCE AL MANUFATTO COSÌ COME REALIZZATO ENTRO LA SCADENZA PREVISTA DAL LEGISLATORE

L'ANNULLAMENTO DEL PROVVEDIMENTO ILLEGITTIMO NON È SUFFICIENTE PER IL RISARCIMENTO DEL DANNO

LA DISCIPLINA REGIONALE SUL PIANO CASA NON DEROGA LA NORMATIVA STATALE RELATIVA ALLE DISTANZE TRA EDIFICI

L'ACCERTAMENTO A POSTERIORI DELLA COMPATIBILITÀ PAESAGGISTICA DEGLI INTERVENTI NON ESCLUDE LA SANZIONE PECUNIARIA

IL PARERE DELLA SOPRINTENDENZA DEVE INDICARE LE MODIFICHE PROGETTUALI PER CONSENTIRE IL RILASCIO DELL'AUTORIZZAZIONE PAESISTICA

LA SCADENZA DEL VINCOLO APPOSTO NEL P.R.G. DETERMINA UNA PROVVISORIA SITUAZIONE DI INEDIFICABILITÀ

IL TERMINE PER L'ESERCIZIO DA PARTE DELLA SOPRINTENDENZA DEL POTERE DI ANNULLAMENTO HA NATURA PERENTORIA

LA PRESENTAZIONE DI UN'ISTNZA DI CONDONO IMPONE ALLA P.A. DI DEFINIRLA PRIMA DI ADOTTARE PROVVEDIMENTI SANZIONATORI

IL CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO ALL'INTERNO DELLA MEDESIMA CATEGORIA FUNZIONALE È URBANISTICAMENTE RILEVANTE SE DETERMINA UN AGGRAVAMENTO DEL CARICO URBANISTICO

DEVE CONSIDERARSI ABUSIVA L'OPERA REALIZZATA IN ASSENZA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE

IL SILENZIO ASSENSO SULL'ISTANZA DI CONDONO EDILIZIO POSTULA LA COMPLETEZZA DOCUMENTALE DELLA DOMANDA

LA RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA COMPRENDE SIA LA TRASFORMAZIONE DEGLI ORGANISMI EDILIZI CHE LA LORO DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE

IL TERMINE DI UN ANNO PER L'INIZIO DEI LAVORI DECORRE DALLA DATA DI RITIRO DEL TITOLO EDILIZIO

LEGITTIMO IL DINIEGO DI CONDONO EDILIZIO STRAORDINARIO NON PRECEDUTO DALLA COMUNICAZIONE DEI MOTIVI OSTATIVI

L'ANNULLAMENTO IN AUTOTUTELA DI TITOLI EDILIZI ILLEGITTIMI NON RICHIEDE UNA SPECIFICA MOTIVAZIONE SUL PUBBLICO INTERESSE ALLA RIMOZIONE

NECESSARIO IL TITOLO EDILIZIO ANCHE NEI CASI IN L'OPERA SIA FUNZIONALE ALLA TUTELA DELL'INCOLUMITÀ PUBBLICA

IL MANUFATTO PRECARIO POSTULA UN USO SPECIFICO E TEMPORALMENTE DELIMITATO DEL BENE

GLI INTERVENTI EDILIZI DI IMPATTO PAESAGGISTICO LIMITATO NON RICHIEDONO IL PREVIO RILASCIO DELL'AUTORIZZAZIONE PAESISTICA

L'ORDINANZA DI DEMOLIZIONE PUÒ ESSERE LEGITTIMAMENTE ADOTTATA ANCHE NEI CONFRONTI DI CHI ABBIA LA MATERIALE DISPONIBILITÀ DELL'OPERA

GLI ABUSI ANTECEDENTI AL 12.11.2014 MA NON DEMOLITI E NON ACQUISITI ENTRO QUELLA DATA SONO SOGGETTI A SANZIONE PECUNIARIA

L'INSTALLAZIONE DI UNA TENSOSTRUTTURA CONFIGURA UNA NUOVA COSTRUZIONE SUBORDINATA AL PERMESSO DI COSTRUIRE

IL TERMINE PER L'ANNULLAMENTO DELLE AUTORIZZAZIONI PAESISTICHE HA NATURA PERENTORIA

L'INSTALLAZIONE DI CANCELLI METALLICI COSTITUITI DA UNA STRUTTURA STABILMENTE INFISSA AL SUOLO NON INTEGRA UN INTERVENTO DI MANUTENZIONE ORDINARIA

NON INTEGRA UNA VARIANTE ESSENZIALE QUELLA CHE INCIDE SULL'ENTITÀ DELLE CUBATURE ACCESSORIE

LA P.A. DEVE PRONUNCIARSI ESPRESSAMENTE SULL'ISTANZA DI CONDONO PRIMA DI DAR CORSO AL PROCEDIMENTO REPRESSIVO

IL MERO DECORSO DI UN NOTEVOLE LASSO DI TEMPO NON PUÒ IN ALCUN MODO GIUSTIFICARE IL MANTENIMENTO DELLE OPERE ABUSIVAMENTE REALIZZATE

LA RICHIESTA DEL PRIVATO ALLA P.A. DI AGIRE IN AUTOTUTELA NON FA SORGERE ALCUN OBBLIGO DI PROVVEDERE

LA SISTEMAZIONE DEL PIANO CAMPAGNA E LA DELIMITAZIONE DELL'AREA DI INTERVENTO IMPEDISCONO LA DECADENZA DEL TITOLO EDILIZIO

COMPETENZA DELLA GIUNTA COMUNALE PER LA REVISONE DELLA PIANTA ORGANICA DELLE FARMACIE

I PARCHEGGI REALIZZATI IN ECCESSO RISPETTO ALLO SPAZIO MINIMO RICHIESTO NON SONO SOGGETTI A VINCOLO PERTINENZIALE

L'NTERESSE ALL'ANNULLAMENTO D'UFFICIO DI UN TITOLO EDILIZIO ILLEGITTIMO È RAVVISABILE NELLA VIOLAZIONE DELLA NORMATIVA URBANISTICA

LA SOSTITUZIONE DELLA DEMOLIZIONE CON IL PAGAMENTO DI UNA SANZIONE PECUNIARIA NON ELIDE IL CARATTERE ABUSIVO DELL'OPERA

L'IRROGAZIONE DELLA SANZIONE PECUNIARIA ALTERNATIVA ALL'ORDINE DI DEMOLIZIONE OPERA SOLO IN PRESENZA DI VIZI FORMALI

L'ISTANZA DI CONDONO EDILIZIO NON È SUFFICIENTE PER IL RILASCIO, ANCHE TEMPORANEO, DEL CERTIFICATO DI AGIBILITÀ

IL COMUNE DEVE RISPONDERE ALL'ISTANZA DI ACCERTAMENTO DEL PROPRIETARIO DELL'IMMOBILE LIMITROFO A QUELLO OGGETTO DI ABUSI EDILIZI

IL MANUFATTO ABUSIVO IN AREA VINCOLATA È SANABILE SE, TRA L'ALTRO, È STATO REALIZZATO PRIMA DELL'APPOSIZIONE DEL VINCOLO

ILLEGITTIMA L'ORDINANZA DI DEMOLIZIONE CHE NON SIA STATA PRECEDUTA DALL'ANNULLAMENTO DEI TITOLI EDILIZI

L'INIZIO DEI LAVORI ANTERIORMENTE AL MATERIALE RITIRO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE NON INTEGRA ATTIVITÀ ABUSIVA

PIANO CASA CAMPANIA: È SUFFICIENTE CHE IL FABBRICATO ESISTENTE RIENTRI IN UNA DELLE TRE IPOTESI ALTERNATIVE PREVISTE DALLA LEGGE

IL POTERE DI ANNULLAMENTO DELL'AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA INTEGRA UNA FATTISPECIE DI COGESTIONE DEL VINCOLO

IL COMUNE NON È TENUTO A VERIFICARE LA SANABILITÀ DEI MANUFATTI ABUSIVI

ILLEGITTIMO IL DINIEGO DI TITOLO EDILIZIO IN SANATORIA BASATO ESCLUSIVAMENTE SULL'INCOMPLETEZZA DOCUMENTALE

IL CONDONO NON PUÒ ESSERE NEGATO PER LA SOLA ESISTENZA DI UN VINCOLO SUCCESSIVO AL MANUFATTO

IL PIANO CASA NON DEROGA AI VINCOLI FUNZIONALI

LA SANATORIA DI OPERE ABUSIVE SU AREE VINCOLATE RICHIEDE LA REALIZZAZIONE DEL MANUFATTO PRIMA DELL'APPOSIZIONE DEL VINCOLO

È LEGITTIMA L'ORDINANZA DI SGOMBERO DI UN FABBRICATO SE IL DEGRADO È NOTO DA TEMPO MA NON ALTRIMENTI FRONTEGGIABILE

È NECESSARIO IL PERMESSO DI COSTRUIRE PER LA RISTRUTTURAZIONE IN CENTRO STORICO CHE MUTA LA DESTINAZIONE D'USO

L'APPOSIZIONE DI UN VINCOLO CONFORMATIVO NON NECESSITA DI PUNTUALE MOTIVAZIONE ANCORCHÈ SOSTITUTIVO DI PREESISTENTE VINCOLO ESPROPRIATIVO

TERZO CONDONO IN AREA VINCOLATA: IL PARERE DELL'AUTORITÀ PREPOSTA AL VINCOLO È GIURIDICAMENTE IRRILEVANTE

AI FINI DEL COMPLETAMENTO FUNZIONALE DELL'EDIFICIO È SUFFICIENTE LA SUA REALIZZAZIONE AL GREZZO

DOPO LA FORMAZIONE DEL SILENZIO ASSENSO SUL TITOLO EDILIZIO L'AMMINISTRAZIONE PUÒ INTERVENIRE SOLO IN VIA DI AUTOTUTELA

I PROVVEDIMENTI SANZIONATORI DI ILLECITI EDILIZI SONO INSENSIBILI AI VIZI DI NATURA FORMALE

IL RILASCIO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE NON PUÒ ESSERE SUBORDINATO AL CONSENSO DEI CONTROINTERESSATI

OCCORRE UNA LEGGE STATALE PER ATTRIBUIRE ALLA REGIONE IL POTERE DI ANNULLARE LE AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE COMUNALI

LA DICHIARAZIONE DI INAGIBILITÀ È ANCORA OGGI DI COMPETENZA DEL SINDACO

VERDE: IL VINCOLO È CONFORMATIVO A MAGGIOR RAGIONE SE ACCOMPAGNATO DA MISURE COMPENSATIVE

L'ESITO DELLA CONFERENZA DI SERVIZI TENUTASI NEL PROCEDIMENTO DI VARIANTE SEMPLIFICATA NON VINCOLA IL CONSIGLIO COMUNALE

INNAPPLICABILITÀ DEL SILENZIO ASSENSO AL PROCEDIMENTO DI RILASCIO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE IN DEROGA

STTRUTTURALMENTE NULLI GLI ATTI ADOTTATI DA FUNZIONARI CUI SONO STATE ILLEGALMENTE ATTRIBUITE FUNZIONI DIRIGENZIALI

LA TIPIZZAZIONE A ZONA F SECONDO CRITERI GENERALI ED ASTRATTI È VINCOLO CONFORMATIVO E SOTTRAE IL BENE ALL'EDICABILITÀ

ANCHE GLI ASSERVIMENTI DEVONO ESSERE PRECEDUTI DALL'IMPOSIZIONE DEL VINCOLO ESPROPRIATIVO

SOLTANTO IL PIANO ATTUATIVO RIGUARDANTE UN PLURALITÀ DI EDIFICI PUÒ DEROGARE ALLE DISTANZE LEGALI

NEI PRIMI 30 GIORNI LA DIA EDILIZIA È INEFFICACIA E LA REPRESSIONE NON RICHIEDE ALCUN INTERVENTO IN AUTOTUTELA

LA PROVA DEL MOMENTO DI REALIZZAZIONE DI OPERE ABUSIVE SPETTA ALL'INTERESSATO CHE PRESENTA LA DOMANDA

IL PERMESSO DI COSTRUIRE NON PUÒ ESSERE CONDIZIONATO MA PUÒ CONTENERE PRESCRIZIONI

LA DECADENZA DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO NON RENDE DI PER SÉ INAPPLICABILI GLI INDICI GENERALI DI EDIFICABILITÀ PREVISTI DALLO STRUMENTO URBANISTICO GENERALE PER LE SINGOLE ZONE

LEGITTIMO IL DINIEGO DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA RELATIVO A UN FABBRICATO REALIZZATO IN FASCIA DI RISPETTO DI SERVITÙ IDRAULICA

GLI STRUMENTI URBANISTICI NON POSSONO DISCIPLINATE LA MATERIA ESTRATTIVA.

INEDIFICABILI LE AREE IN FASCIA DI RISPETTO STRADALE

RIQUALIFICAZIONE ZONA BIANCA: DANNO DA RITARDO RISARCIBILE SOLO A SEGUITO DELL'ACCERTAMENTO GIUDIZIALE DELL'INERZIA DELLA P.A.

IL PIANO CASA PUÒ DEROGARE AI PARAMETRI URBANISTICI MA NON ALLA ZONIZZAZIONE