Carrello
Carrello vuoto

LE STRADE PUBBLICHE

LE STRADE PUBBLICHE


editore: Exeo
collana: beni pubblici
numero in collana: 3
isbn: 978-88-97916-55-0
sigla: FCL03
categoria: MONOGRAFIE
tipologia: studio applicato
genere: manuali
altezza: cm 24
larghezza: cm 17
funzioni permesse: stampa=SI - copia incolla=SI
protezione: digital watermarking
disponibità: illimitata
destinatari: professionale accademico
soggetto: diritto
consigliato da :   
 
prezzo:
€ 25,00

leggi i seguenti brani : Il sistema delle strade pubbliche prima dell’Unità d’Italia
Il sistema stradale instaurato con la legge sui lavori pubblici del 1865
Strade: la riforma del 1923 e successive modifiche
 GUARDA LA COPERTINA ANTERIORE      

L’opera prende avvio da un quadro storico che ha il suo fondamento già in epoca romana e che permetterà di definire la nascita del sistema stradale italiano; la sua evoluzione e miglioramento nell’era moderna; l’unificazione quasi armonica della viabilità con l’avvento dell’unità d’Italia e i due importanti interventi legislativi, quello del 1865 e quello del 1923, che hanno comportato la riduzione dei gravi squilibri esistenti nella penisola italiana e la ripartizione in cinque classi delle strade pubbliche.
L’analisi della nozione di strada pubblica è fondamentale e propedeutica alla disamina delle singole tipologie stradali. Essa comporta la distinzione tra linguaggio comune e nozione giuridica, quest’ultima collegata all’art. 2 del Cds e all’art. 16 della Cost., secondo cui le strade sono infrastrutture dirette alla realizzazione della libertà di circolazione e dal cui ambito esulano le strade ad uso esclusivamente privato ovvero le vie private agrarie, di proprietà privata, e strade interne di servizio, di proprietà pubblica.
Fondamentale è il richiamo alla nozione di demanio per definire la natura giuridica delle strade pubbliche e ai fini della determinazione della demanialità di un bene, secondo quanto previsto dagli art. 822, 824 e 825 c.c., devono concorrere tre fattori: a) la norma; b) l’esistenza di un bene che abbia oggettivamente i requisiti richiesti dalla norma ed infine c) la titolarità, da parte di un ente pubblico, del diritto di proprietà, o di un altro diritto reale parziario di godimento sul bene.
La viabilità è un complesso organico che ha bisogno di un coordinamento unitario attraverso una disciplina organica, improntata a quelli che sono i fini statali e quindi la classificazione delle strade non può, per la sua stessa funzione, esser regolata se non nel quadro di un sistema unitario, nel quale sia stata previamente realizzata la coordinazione dei vari poteri legislativi e amministrativi operanti nel settore: infatti, l'appartenenza di un'arteria di comunicazione a un ente piuttosto che ad un altro, come pure il passaggio di essa da un ente ad un altro, comporta conseguenze di rilievo.
L’opera si conclude con la classificazione amministrativa delle strade pubbliche, in cui vengono elencate le singole strade appartenenti agli enti pubblici territoriali con approfondimento delle varie problematiche ad esse connesse insieme alle differenze con le strade private, vicinali, di bonifica e i tratturi e trazzere. Infine, la disciplina delle autostrade, il ruolo sviluppato dall’A.N.A.S., il sistema delle concessioni di esercizio e quello del pedaggio.
La presente opera, redatta con l’obiettivo di fornire un valido strumento per gli operatori di settore e per i cultori della materia, intende offrire una esauriente illustrazione del sistema stradale italiano, con un’analisi storica e giuridica delle strade pubbliche. Alla luce degli aggiornamenti normativi nonché della ricca casistica formatasi in materia, si intende evidenziare la presenza delle diverse tipologie di strade, le classificazioni e il regime giuridico molto dibattuto a cui esse sono soggette, tenendo conto degli importanti interventi legislativi in materia, a partire dalla legge sui lavori pubblici per giungere all’attuale Codice della Strada.

L’opera, rivolgendosi ad un settore specifico, analizza l’evoluzione del sistema stradale italiano focalizzandosi sul confronto tra la nota legge sui lavori pubblici del 1865, la legge n. 126 del 1958 e il più recente intervento legislativo del Codice della strada.

Le strade pubbliche occupano un posto rilevante nell’ambito dei beni pubblici, in particolare trattasi di beni che hanno un indubbio valore economico, poiché consentono il trasporto di persone e merci e agevolano il collegamento tra i centri e che nel tempo sono stati oggetto di numerosi interventi legislativi.

L’indagine che viene affrontata, avente per oggetto esclusivo una determinata categoria di beni demaniali, rende necessario il riferimento a nozioni di carattere generale come quella di demanio, dal momento in cui potrebbe sembrare superfluo per dei beni che sono stati sempre ritenuti di non controversa demanialità.

Il testo si prefigge come obiettivo, oltre all’analisi del regime giuridico applicabile, la disamina delle principali voci della dottrina e della ricca casistica giurisprudenziale sulle procedure di classificazione-declassificazione e altre tematiche attuali come la sistemazione, costruzione e manutenzione delle strade, la viabilità nonché quelle concernenti le strade vicinali, private e le autostrade.

INTRODUZIONE
CAPITOLO I
QUADRO STORICO
1. Il sistema delle strade pubbliche prima dell’Unità d’Italia
2. Il sistema instaurato con la legge sui lavori pubblici del 1865
3. La riforma del 1923 e successive modifiche
CAPITOLO II
DEFINIZIONI E CARATTERE DISTINTIVI DELLA STRADA PUBBLICA
1. Nozione di strada pubblica
2. Natura giuridica: le strade nella teoria dei beni demaniali
3. Accessori e pertinenze delle strade pubbliche
4. Distinzioni: secondo l’uso e secondo l’appartenenza
CAPITOLO III
CLASSIFICAZIONI DELLE STRADE PUBBLICHE
1. Il concetto di classificazione delle strade pubbliche
2. Evoluzione dei criteri di classificazione delle strade
3. La classificazione introdotta con il d.lgs. n. 285 del 30 aprile 1992
4. L’organizzazione amministrativa delle strade alla luce dell’attuale ordinamento regionale
5. Le strade di proprietà degli enti pubblici territoriali
6. Le vie vicinali
7. Le trazzere della Sicilia e i tratturi delle Puglie
8. Strade di bonifica
9. Le strade private
10. Le autostrade
ALLEGATI
BIBLIOGRAFIA
SITOGRAFIA
DELLO STESSO AUTORE/I :
CategoriaN.AnnoTitoloAutore/iPrezzo
MONOGRAFIE32014IL DISASTRO AMBIENTALE Vinci, Elisabetta € 25,00
Prodotti associati
NomeDescrizioneCopertina
DANNO DA INSIDIA STRADALE - responsabilità civile e penale

978-88-6907-054-9
Raccolta, organizzata in una classificazione tematica, di massime giurisprudenziali in materia di DANNO DA INSIDIA STRADALE, e relativa responsabilità, elaborate dalla redazione della rivista giuridica Patrimoniopubblico.it, tratte da pronunce recensite dalla medesima rivista appartenenti agli anni 2009, 2010, 2011, 2012, 2013. Alle massime seguono gli estratti pertinenti delle pronunce a cui si riferiscono.
LE STRADE

978-88-6907-056-3
Raccolta, organizzata in una classificazione tematica, di massime giurisprudenziali in materia di STRADE, elaborate dalla redazione della rivista giuridica Patrimoniopubblico.it, tratte da pronunce recensite dalla medesima rivista appartenenti agli anni 2009, 2010, 2011, 2012, 2013. Alle massime seguono gli estratti pertinenti delle pronunce a cui si riferiscono. Il danno da insidia stradale e relativa responsabilità sono trattati in un prodotto specifico.
PUBBLICITÀ SU SUOLO PUBBLICO

978-88-95578-71-2
L’opera affronta la tematica relativa alle installazioni pubblicitarie su suolo pubblico, soffermandosi ampiamente sul settore stradale, sui vincoli paesaggistici ex d.lgs. 42/2004 e sui contrasti tra i fenomeni pubblicitari e politici.