Carrello
Carrello vuoto

  • HOME
  • Pubblicazioni
  • MONOGRAFIE
  • LA PROCEDURA DI DISMISSIONE DEL PATRIMONIO PUBBLICO IMMOBILIARE

LA PROCEDURA DI DISMISSIONE DEL PATRIMONIO PUBBLICO IMMOBILIARE

LA PROCEDURA DI DISMISSIONE DEL PATRIMONIO PUBBLICO IMMOBILIARE


editore: Exeo
collana: beni pubblici
numero in collana: 7
isbn: 978-88-97916-84-0
sigla: FCL07
categoria: MONOGRAFIE
tipologia: studio applicato
genere: manuali
altezza: cm 24
larghezza: cm 17
funzioni permesse: stampa=SI - copia incolla=SI
protezione: digital watermarking
disponibità: illimitata
destinatari: professionale accademico
soggetto: diritto
consigliato da :   
 
prezzo:
€ 25,00

leggi i seguenti brani : Programmi Unitari di Valorizzazione del Territorio e la Rigenerazione Urbana Sostenibile
I P.P.P.: i Paternariati Pubblico-Privato
I Paterniariati Pubblico-Privato istituzionalizzati
 GUARDA LA COPERTINA ANTERIORE       GUARDA LA COPERTINA POSTERIORE


                                                                        

                                                                        

                                                                        

                                                                        

                                                                        

                                                                        
Il testo si propone la finalità di essere una guida operativa per gli operatori del diritto che si trovano ad affrontare problematiche e casi connessi alla procedura di dismissione del patrimonio pubblico immobiliare. Posta la grande disomogeneità legislativa e la svariata sovrapposizione di norme che caratterizzano la disciplina, l’obiettivo è quello di focalizzare l’attenzione sugli istituti rilevanti connessi con la procedura di dismissione e su alcune norme di precipua importanza, analizzando il tutto alla luce dei principi e delle logiche sottese alla disciplina delle procedure ad evidenza pubblica.

Il Decreto 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011, n. 214, relativo alla valorizzazione, alla dismissione e all’utilizzo dei beni pubblici, è l’ultimo intervento del legislatore in materia di dismissione del patrimonio pubblico immobiliare. La materia è caratterizzata da una densa stratificazione normativa che si presenta in maniera tutt’altro che omogenea e che ebbe inizio con la Legge n. 579 del 1993.
Le novità introdotte nell’ultimo decreto in questione si occupano in particolar modo:
a) della valorizzazione e alienazione dei beni pubblici mediante l’utilizzo di modelli di gestione societari e finanziari che saranno applicati tanto a livello regionale quanto locale;
b) di ridefinire le procedure di approvazione dei c.d. programmi unitari di valorizzazione territoriale;
c) di conferire all’Agenzia del Demanio competenze gestionali e di ‘‘manutentore’’ e ‘‘conduttore’’ unico del patrimonio immobiliare nell’ottica di accelerare il processo di razionalizzazione;
d) di definire gli interventi sull’edilizia penitenziaria per risolvere il problema del sovraffollamento delle carceri;
e) di definire degli interventi puntuali sulla disciplina del Federalismo Demaniale e degli alloggi pubblici.
Ruolo fondamentale assumono gli enti locali che divengono gli attori di questa nuova e vasta collaborazione tra pubblico e privato; tanto ad opera della previsione di trasferimento dei beni immobili dallo stato agli stessi, quanto della necessaria riorganizzazione di quelli propri.
Centrale è la previsione del trasferimento degli immobili pubblici ai fondi, soltanto previa valorizzazione e regolarizzazione degli stessi con contestuale riduzione dei tempi necessari mediante il ricorso a strumenti di semplificazione.
Peraltro, gli immobili saranno trasferiti ai fondi solo una volta in grado di generare valore, discendendone così due vantaggi:
a) evitare che l’operatore privato si trovi ad affrontare procedure complesse di valorizzazione successive alla dismissione;
b) arginare e impedire la dismissione selvaggia degli immobili pubblici.
Poste queste necessarie premesse, affrontate nel primo capitolo introduttivo, l’opera tende altresì a contestualizzare la procedura e a delinearne l’oggetto. Viene analizzata la nozione di bene pubblico, il contesto del federalismo fiscale e demaniale, il partenariato pubblico – privato nonché la nozione e la procedura di scelta delle Società di Gestione del Risparmio.
Nel terzo capitolo, poi, si entra più nel dettaglio della procedura soffermandosi sulle norme da applicare in tema d’individuazione del bene da vendere, di valorizzazione del patrimonio pubblico immobiliare nonché sulle norme connesse con il D.Lgs. 163/2006 cd. codice degli appalti posta la necessari età del ricorso alla procedura di dismissione del patrimonio pubblico immobiliare.
Da ultimo ci si sofferma su due recenti casi giurisprudenziali e dottrinali di grande interesse, quali: la sentenza della Corte Costituzionale n. 63 del 5 aprile 2013 e l’atto di segnalazione n. 1029, 20 marzo 2013 dell’Autorità garante per la concorrenza ed il mercato.
CAPITOLO I
INTRODUZIONE
1. La disomogeneità legislativa
2. Caratteri dell’ultima manovra legislativa
3. Soft administration e valorizzazzione
CAPITOLO II
IL PATRIMONIO PUBBLICO
1. La mancanza di una definizione di bene pubblico
2. Il federalismo demaniale.
3. L’individuazione del patrimonio tra razionalizzazione e condizioni di vendibilità: il valore immobiliare del proprietario pubblico
4. Il PPP
4.1. Definizione
4.2. Utilità dei PPP
4.3. Tipologie previste di PPP
4.4. Ulteriore modalità di classificazione
4.5. Finanziamento dei ppp
4.6. L’allocazione dei rischi
5. La procedura di scelta della SGR
5.1. La scelta della SGR nell’appalto di servizi: procedura aperta o ristretta
5.2. La selezione di una SGR: dialogo competitivo
5.3. L’utilizzo  dello strumento della finanza di progetto.
CAPITOLO III
LA PROCEDURA
1. L’incrementazione del valore economico e sociale del patrimonio pubblico immobiliare: i fondi immobiliari
1.1. L’articolo 33 del decreto legge 98 del 2011. Disposizioni in materia di valorizzazione del patrimonio immobiliare
1.2. L’articolo 33 bis del Decreto Legge 98 del 2011. Strumenti sussidiari per la gestione degli immobili pubblici
2. Il processo di valorizzazione
2.1. L’articolo 3 ter del decreto legge 25 settembre 2001, n. 351, convertito con modificazioni dalla legge 23 novembre 2001, n. 410, introdotto dal comma 2 dell’articolo 27 del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201 convertito con modificazioni dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214
2.2. La Rigenerazione Urbana Sostenibile
2.3. La valorizzazione culturale degli immobili statali. Art. 5, comma 5, D.Lgs. 85/2010
2.4. Il piano di alienazione e valorizzazione degli enti territoriali. L’art.58 DL 112/2008
3. La procedura alla luce delle norme del DLgs 163/2006
3.1 L’art. 53 comma 6 del DLgs 163/2006
3.2. L’art. 128 del codice degli appalti. Programmazione dei lavori pubblici.
3.3. L’art. 143 comma 5 del codice degli appalti. Caratteristiche delle concessioni di lavori pubblici
4. Autorità garante per la concorrenza ed il mercato, atto di segnalazione n. 1029, 20 marzo 2013. AS1029 – Città di Trezzo sull’Adda (MI) - Gestione ed alienazione degli immobili di proprietà comunale
5. La sentenza della Corte Costituzionale n. 63 del 5 aprile 2013.
BIBLIOGRAFIA
SITOGRAFIA
Prodotti associati
NomeDescrizioneCopertina
I BENI CULTURALI

978-88-6907-043-3
L'opera è una raccolta, organizzata in una classificazione tematica, di massime giurisprudenziali in materia di BENI CULTURALI, sotto il profilo demaniale e urbanistico, elaborate dalla redazione delle riviste giuridiche Urbium.it e Patrimoniopubblico.it, tratte da pronunce recensite dalla medesima rivista appartenenti agli anni 2009, 2010, 2011, 2012, 2013. Alle massime seguono gli estratti pertinenti delle pronunce a cui si riferiscono.