Carrello
Carrello vuoto

L'ABUSO EDILIZIO

inquadramento, rimedi, modulistica


editore: Exeo
collana: diritto pratico
numero in collana: 12
isbn: 978-88-6907-182-9
sigla: DP12
categoria: MONOGRAFIE
tipologia: guida operativa
genere: annuario/agenda/rivista
altezza: cm 24
larghezza: cm 17
funzioni permesse: stampa=SI - copia incolla=SI
protezione: digital watermarking
disponibità: illimitata
destinatari: pubblico generico
soggetto: diritto
consigliato da :   
 
prezzo:
€ 30,00

leggi i seguenti brani : Le novità del decreto “Sblocca Italia”
Il reato di «abusivismo edilizio»
Norme penali e abusivismo edilizio: l'art. 44 D.P.R. 380/2001
 GUARDA LA COPERTINA ANTERIORE      

>> <<







Compiuta analisi dell’abusivismo edilizio: dall’esame dei titoli abilitativi prescritti per le diverse opere, ai rimedi preposti: la sanatoria e il condono. Partendo col fornire una definizione dell''abuso edilizio, l'opera offre un’analisi sistematica delle fattispecie illecite, per giungere all’illustrazione dei rimedi: sanatoria e condono edilizio. L’opera è corredata da un pratico formulario, dalla richiesta o presentazione del titolo abilitativo prescritto, passando per l’eventuale contenzioso giurisdizionale amministrativo, fino agli atti relativi alla fase di demolizione dell’intervento abusivo. Questa nuova edizione è integrata con le novità di cui al D.L. 133/2014 “Sblocca Italia” e nel settore Formulario con i modelli ufficiali CIL e CILA.

La presente opera intende offrire una visione complessiva della problematica materia, particolarmente attraverso l’analisi approfondita delle conseguenze penali dell’illecito in questione, disciplinate prevalentemente dall’art. 44 T.U. in materia edilizia.
Prima di scendere nel dettaglio delle singole fattispecie di reato, si è proceduto all’inquadramento e alla qualificazione, non agevole, della locuzione “abuso edilizio”.
Dopo un primo inquadramento, quindi, si passa ad un breve excursus delle tappe normative fondamentali che hanno interessato la materia, partendo dal primo intervento nell’urbanistica con la legge abolitrice del contenzioso amministrativo del 1935, per giungere al D.P.R. 380/2001, contenente i principi fondamentali e generali, nonché le disposizioni per la disciplina dell’attività edilizia.
Successivamente, l’opera riporta una dettagliata classificazione e individuazione degli interventi che richiedono o meno un titolo abilitativo, questione preliminare alla delimitazione concreta dei confini del reato de quo.
Ci si è soffermati, quindi, sull’esame degli interventi edilizi completamente liberi, di quelli soggetti a s.c.i.a., nonché a permesso di costruire, con illustrazione della relativa procedura per l’ottenimento del suddetto titolo.
Nel secondo capitolo, invece, si è trattato specificamente dell’abuso edilizio nelle declinazione di illecito penale, attraverso l’esame sistematico delle disposizioni dell’art. 44 D.P.R. 380/2001.
La prima ipotesi analizzata è quella di cui alla lettera a) della citata norma, relativa all’inosservanza di norme, prescrizioni e modalità esecutive previste dal titolo, dai regolamenti edilizi, dagli strumenti urbanistici e dal permesso di costruire.
Subito dopo, è stato affrontato il tema degli interventi eseguiti in totale difformità o in assenza del permesso, o proseguiti nonostante l’ordine di sospensione, secondo il disposto della lettera b) della richiamata disposizione.
Da ultimo, la lottizzazione abusiva, ai sensi della lettera c) dell’articolo 44 T.U.
Il capitolo primo si conclude con l’illustrazione della disciplina relativa ad alcuni profili processuali e, in particolare, al sequestro preventivo, per poi soffermarsi sulla natura e sui rapporti tra i provvedimenti ingiuntivi rispettivamente delle autorità amministrativa e giudiziaria.
Il terzo capitolo è dedicato alla fattispecie criminosa dei reati paesaggistico ambientali, di cui all’art. 181 D.Lgs. 42/2994, la cui ratio risiede nella necessità di tutelare tanto l’ambiente, quanto l’interesse a che l’amministrazione competente possa esercitare efficacemente ed utilmente l’attività di controllo cui è preposta.
L’ultimo capitolo, invece, affronta il complesso tema dei rimedi che l’ordinamento mette a disposizione del responsabile del reato di abuso: la sanatoria e il condono.
La prima, analizzata nella sua duplice declinazione, ovvero come ordinaria o giurisprudenziale, è stata introdotta nell’ambito di una revisione complessiva del regime sanzionatorio in materia di abusi edilizi, nel senso di una maggiore severità, con l’intento di consentire la sanatoria degli illeciti meramente formali, vale a dire di quelle costruzioni per le quali, sussistendo ogni altro requisito di legge e regolamento, manchi soltanto il titolo abilitativo rappresentativo dell’assenso dell’amministrazione.
Il condono, invece, rappresenta il procedimento che consente la regolarizzazione amministrativa degli illeciti edilizi, e l’estinzione dei reati connessi a tale attività illecita.
La presente opera è corredata da un pratico formulario, destinato tanto ai soggetti privati che intendono porre in essere un intervento edilizio, tanto alle autorità competenti al rilascio del titolo.
Esso contiene, infatti, una corposa serie di formule dedicate sia al procedimento abilitativo in sé, quali, ad esempio, la domanda di permesso di costruire, o lo schema di rilascio del suddetto titolo, sia all’eventuale contenzioso giurisdizionale instaurato a seguito di un ricorso avverso il mancato rilascio del permesso, o al provvedimento di diniego del medesimo. Da ultimo, il formulario è dedicato al procedimento sanzionatorio, che prende le mosse dal verbale di contestazione dell’abuso edilizio, accompagnando il lettore fino all’eventuale invito al pagamento delle spese di demolizione coatta.
Il presente lavoro, dunque, dimostrerà come spesso basti poco pe far scivolare un’opera realizzabile senza alcun titolo abilitativo, al più tramite una mera segnalazione certificata di inizio attività, in una fattispecie dalle ben più complesse conseguenze giuridiche, anche e soprattutto penali.
CAPITOLO I - ABUSO EDILIZIO E TITOLI ABILITATIVI

1. L’ABUSO EDILIZIO: INQUADRAMENTO E PROFILI NORMATIVI
2. INTERVENTI EDILIZI COMPLETAMENTE LIBERI
3. INTERVENTI SOGGETTI A S.C.I.A.
4. INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA
5. INTERVENTI DI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO
6. DEMOLIZIONE, SCAVI E REINTERRI
7. PERMESSO DI COSTRUIRE
7.1 Opere soggette a rilascio, soggetti legittimati e competenza
7.2 Decadenza del permesso di costruire
7.3 Procedimento per il rilascio del permesso di costruire
8. TUTTE LE NOVITÀ DEL DECRETO "SBLOCCA ITALIA"

CAPITOLO II - ART. 44 T.U.

1. ART. 44 LETT. A) T.U.
2. ART. 44 LETT. B) T.U.
2.1 Attività edificatoria in totale difformità o in assenza del permesso di costruire
2.2. Attività edificatoria nonostante l’ordine di sospensione
3. ART. 44 LETT. C) T.U.: LA LOTTIZZAZIONE ABUSIVA
3.1. La lottizzazione abusiva: inquadramento
3.2 La lottizzazione abusiva: sanzioni
4. PROFILI PROCESSUALI: IL SEQUESTRO DEL MANUFATTO ABUSIVO
5. L’INGIUNZIONE DI DEMOLIZIONE DELL’AUTORITÀ AMMINISTRATIVA
6. L’ORDINE DI DEMOLIZIONE DISPOSTO DAL GIUDICE PENALE

CAPITOLO III - I REATI PAESAGGISTICO-AMBIENTALI

1. I REATI PAESAGGISTICO-AMBIENTALI: L’ART. 181 D.LGS. 42/2004
2. ART. 181, CO. 2, D.LGS 42/2004: L’ORDINE DI RIMESSIONE IN PRISTINO
3. LA SANATORIA PAESAGGISTICA
4. IL CONDONO PAESAGGISTICO

CAPITOLO IV - LA SANATORIA E IL CONDONO DELLE OPERE ABUSIVE

1. LA SANATORIA C.D. ORDINARIA O DI REGIME
2. LA SANATORIA C.D. GIURISPRUDENZIALE
3. IL CONDONO EDILIZIO
4. LA CORTE COSTITUZIONALE SULLA L. 326/2003: LA SENTENZA 196/2004

FORMULARIO

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE PER L’INTERVENTO DI NUOVA COSTRUZIONE

DICHIARAZIONE DI ACCETTAZIONE DELL’INCARICO DI DIREZIONE DEI LAVORI

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI

COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI

RICHIESTA DI DOCUMENTAZIONE INTEGRATIVA DELLA DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE

DOMANDA DI PARERE URBANISTICO EDILIZIO

IL PARERE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

PROPOSTA MOTIVATA AL DIRIGENTE PER L’EMANAZIONE DEL PROVVEDIMENTO CONCLUSIVO

PROVVEDIMENTO DI DINIEGO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE

PROVVEDIMENTO DI RILASCIO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ

RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA

DOMANDA DI RILASCIO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA

PROVVEDIMENTO DI ACCOGLIMENTO DELLA RICHIESTA DI PERMESSO IN SANATORIA

RICORSO CONTRO IL MANCATO RILASCIO DI PERMESSO DI COSTRUIRE

RICHIESTA DI INTERVENTO SOSTITUTIVO CON NOMINA DI UN COMMISSARIO AD ACTA

RICORSO CONTRO IL SILENZIO RIFIUTO DEL COMUNE

RICORSO CONTRO L’ANNULLAMENTO DELLA SEGNALAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ

MEMORIA DI COSTITUZIONE DEL COMUNE

RICORSO AVVERSO IL PROVVEDIMENTO DI DINIEGO DI CONDONO

RICORSO CONTRO L’ORDINANZA DI DEMOLIZIONE DELL’OPERA

VERBALE DI CONTESTAZIONE DI ABUSO EDILIZIO

COMUNICAZIONE ALLE AUTORITÀ COMPETENTI

ORDINANZA DI SOSPENSIONE DEI LAVORI

ORDINANZA DI DEMOLIZIONE DEI LAVORI

ORDINANZA DI SGOMBERO ED ACQUISIZIONE AL PATRIMONIO CULTURALE

DELIBERAZIONE PER AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI DEMOLIZIONE DELLE OPERE ABUSIVE

ORDINANZA DI AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI DEMOLIZIONE DELLE OPERE ABUSIVE

INVITO AL PAGAMENTO DELLE SPESE DI DEMOLIZIONE COATTA
Prodotti associati
NomeDescrizioneCopertina
IL CODICE DEGLI ABUSI EDILIZI

978-88-6907-220-8
Raccolta di provvedimenti di rango normativo ed attuativo in materia di ABUSI EDILIZI. Tutti i testi sono presentati in versione consolidata che ne assicura la corretta lettura nel contesto delle numerose modifiche intervenute nel tempo. Il compendio di giurisprudenza a corredo del corpus normativo completa efficacemente la panoramica giuridica della materia, rendendo la presente opera indispensabile agli operatori del settore.